Moggi ha deciso: "Querelo Zeman!" | JMania

Moggi ha deciso: “Querelo Zeman!”

Per chi se la fosse persa, potete leggere qui la trascrizione delle dichiarazioni rese il 20 novembre scorso da Zdenek Zeman nell’ambito del processo rinominato “Calciopoli”. Oggi Luciano Moggi, dopo aver affermato: «Io l’ho fatto esonerare perché vittima del “sistema Moggi”? In realtà lui viene cacciato perché non sa allenare..» ha deciso di passare alle …

moggiPer chi se la fosse persa, potete leggere qui la trascrizione delle dichiarazioni rese il 20 novembre scorso da Zdenek Zeman nell’ambito del processo rinominato “Calciopoli”. Oggi Luciano Moggi, dopo aver affermato: «Io l’ho fatto esonerare perché vittima del “sistema Moggi”? In realtà lui viene cacciato perché non sa allenare..» ha deciso di passare alle azioni “forti”.

«Ora mi sono stufato, non è possibile che è tutta colpa mia. Zeman ora prenderà una denuncia. Questo presunto sistema – ha detto in aula Moggi – non esiste. Io tutte quelle cose non le ho fatte. Piuttosto se davvero Zeman pensa che sia stato io a farlo andare al Napoli e poi a farlo esonerare per rovinargli la carriera, come ha lasciato intendere, dovrebbe ringraziarmi perché ha guadagnato cinque miliardi di lire netti per un anno. Zeman, in realtà, è stato esonerato da Napoli come da Parma, Lazio, Salernitana, Lecce e all’estero dal Fenerbahce (Turchia) e Stella Rossa di Belgrado perché non sa allenare, è lento e impacciato nel parlare e i giocatori non lo capiscono». Dopo Paolo Bergamo (contro il giornalista della Gazzetta dello Sport), quindi, anche Luciano Moggi querelerà un “accusatore” di Calciopoli.
(Fonte: Uccellinodidelpiero.com)

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi