Moggi | "Firmai con l'Inter nel 1998 ma saltò tutto per Moriero"

Moggi: “Firmai con l’Inter nel 1998 ma saltò tutto per Moriero”

Moggi: “Firmai con l’Inter nel 1998 ma saltò tutto per Moriero”

Luciano Moggi, ex dg della Juventus, presenta la sua autobiografia dal titolo “Il pallone lo porto io”, al suo interno rivelazioni sull’Inter e Moratti

Luciano MoggiLuciano Moggi, ex direttore generale della Juventus, presenta la sua autobiografia “Il pallone lo porto io” (con Andrea Ligabue). Al suo interno, colui il quale è stato per tanti anni il re del calciomercato, parla di tanti episodi della sua lunga carriera e non può non tornare sulla rivalità con l’Inter, nonché sul rigore non concesso il 26 aprile 1998 per il fallo di Iuliano su Ronaldo in Juventus-Inter. “Riguardandolo – dice Moggi – , a distanza di tanti anni, lo avrei fischiato”.

Moggi, poi, conferma quanto dichiarato più volte, ossia di aver firmato un contratto con Massimo Moratti per passare all’Inter proprio nel 1998, ma poi tutto saltò per colpa di un calciatore. “La carta, ovviamente, è intestata, e ci sono timbro e firma del presidente Moratti”, dice Moggi, che conferma di custodire il contratto nella propria cassaforte. La trattativa saltò per colpa di Moriero, gestito dal figlio Alessandro: Moratti gli fece firmare il rinnovo mentre il procuratore lo aveva praticamente ceduto al Middlesbrough.

Quanto a Calciopoli, Moggi rilancia accuse velate a Milan e Inter e conferma di andare in Cassazione. Tra i tanti giocatori che si è trovato a gestire alla Juventus, Moggi si sofferma su Del Piero, ma non solo:

Le bandiere non prendono palate di euro a stagione, con la firma sul contratto che arriva solo dopo trattative estenuanti. Zidane? Un genio, non un leader. Alla Juve, in campo e negli spogliatoi, il faro era Antonio Conte.

Infine le accuse a Pierluigi Collina, ritenuto un arbitro vicino al Milan. Fu lui a dirigere Perugia-Juve del 2000 giocata in piscina:

Una delle più vergognose pagine del nostro calcio. Ma quel giorno sbagliai io. Avrei dovuto ritirare la squadra: prenderla e riportarla a casa. Era palese l’amicizia tra il fischietto viareggino e i dirigenti milanisti.

dfvdfv

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi