Moggi: "Ecco perché ho stretto la mano a Moratti"

Moggi: “Ecco perché ho stretto la mano a Moratti”

Moggi: “Ecco perché ho stretto la mano a Moratti”

Luciano Moggi, ex direttore generale della Juventus, si è intrattenuto oggi in tribunale con Massimo Moratti: “Cosa dovevo fare?”

20:45 – Luciano Moggi spiega la stretta di mano a Massimo Moratti. La foto dell’incontro cordiale in tribunale tra Moggi e Moratti è stata ripresa da tutti gli organi di stampa: in molti si sono chiesti come mai tanta cordialità tra i due e l’ex dg bianconero ha accontentato tutti.

Lui mi ha porto la mano e io glielo stretta. Cosa dovevo fare? Anche per una questione di educazione. E poi se proprio lo devo dire, non ritengo Moratti il più colpevole nella vicenda di Calciopoli. Ma non gliel’ho mica ricordato stavolta. Non serviva: lui sa, io so. Piuttosto è preoccupato per l’andamento dell’Inter.

Luciano Moggi, ex direttore generale della Juventus, è stato stamane in aula a Milano per rispondere della diffamazione contestatagli da Gianfelice Facchetti, figlio dell’ex presidente dell’Inter. Il 23 ottobre 2010, nel corso della trasmissione ‘Notti magiche’, Moggi aveva detto a Javier Zanetti in merito ai fatti di Calciopoli:

Quello che emerge dal processo di Napoli e che emergerà ancora, le telefonate del tuo ex presidente che riguardano le griglie e la richiesta a un arbitro di vincere la partita di Coppa Italia con il Cagliari, e l’arbitro era Bertini. Ci sono le telefonate intercettate sue, le telefonate di Moratti e la telefonata di imbarazzo di Bertini, i pedinamenti e le intercettazioni illegali, anche i passaporti falsi e quindi sta zitto Zanetti, è meglio per te ed è meglio per l’Inter.

In seguito a questa affermazione, il figlio di Giacinto Facchetti, assistito dall’avv. Corrado Limentani, aveva querelato Luciano Moggi per diffamazione. L’ex dirigente bianconero ha chiamato a testimoniare tra gli altri, Pierluigi Pairetto, Gennaro Mazzei, Massimo De Santis, Paolo Bertini, Paolo Bergamo e l’ex presidente nerazzurro Massimo Moratti.

Moratti si è presentato stamane in aula e lo si è visto confabulare sorridente proprio con Moggi. L’udienza si è conclusa poco dopo le 11: il giudice ha disposto il rinvio al 30 marzo, quando sarà ascoltato anche Massimo De Santis e poi sarà letta la sentenza. Ecco uno stralcio della testimonianza di Moratti:

Era tutta una presa in giro quella che mi faceva Bergamo, era una grande presa in giro a cui io ci stavo perché sono una persona cortese e le mie non erano certe intenzioni rivolte a sporcare il calcio. Non era proibito andare a trovare gli arbitri prima e dopo la partita, era una forma di cortesia, una prassi consentita.

moggi-moratti-milano

Foto: Giuliano Sala

2 commenti

  1. Sorpresa, siamo ………………………………………..su “scherzi a parte”

  2. Non ero io a Chiamarlo era lui (l’arbitro) che mi chiamava per prendermi in giro , ma io facevo finta di niente perchè sono una persona cortese.

    Ma che testimonianza del quazzo è ?? …………….in galeraaaaa!!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi