Moggi consiglia Ferrara: "Attento a Cruz!" | JMania

Moggi consiglia Ferrara: “Attento a Cruz!”

Si riprende in un mondo di sospetti e inutili battibecchi dove chi sbaglia è quello che sfora per primo: come Moratti, ad esempio, che dà del tifoso (della Juve) a Lippi perché si era “permesso” di indicare la Juve favorita nella lotta per lo scudetto. Avesse detto Inter, nulla quaestio. Ma la sua beneamata non …

moggiSi riprende in un mondo di sospetti e inutili battibecchi dove chi sbaglia è quello che sfora per primo: come Moratti, ad esempio, che dà del tifoso (della Juve) a Lippi perché si era “permesso” di indicare la Juve favorita nella lotta per lo scudetto. Avesse detto Inter, nulla quaestio. Ma la sua beneamata non può essere sfiorata neanche da un pronostico avverso. Di lì la replica: Moratti farà il tifo per la Lazio, precisazione in verità pleonastica, perché non si vede come avrebbe potuto fare il tifo per la grande rivale.
Vedo già molto elettrico il patron dell’Inter, se è vero che anche la Nazionale in abito “Ital-Juve” gli comporta qualche mal di pancia: d’altra parte la sua armata da molto tempo ha materiale per altre Nazionali… Sulle provocazioni di Ibra, invece, Moratti ha volato basso: teme forse che uno scherzo dal Barça gli possa venire proprio dal suo ex pupillo? Fossi in lui penserei comunque al risultato di stasera della Juve, che può cogliere la quinta vittoria consecutiva dell’era Ferrara, tenendo conto che di certo non si tratta di una gara facile (sette bianconeri contro la Bulgaria, più Melo, rientrato ieri).
La Juve gioca di nuovo a Roma, Diego ci riproverà dopo la doppietta ai giallorossi. Sul fronte laziale Rocchi è out: giocherà Cruz che alla Juve ha già rifilato dieci gol tra Feyenord, Bologna e Inter (a secco da due anni, però). Consiglio a Ferrara di preparare una gabbia per l’argentino, tra Chiellini in prima battuta e Grosso (ottimo in Nazionale) sui calci piazzati, per la serie “meglio non fidarsi”. Ce n’è a sufficienza per una Juve favorita, con due arieti mobili davanti come Iaquinta e Amauri.

Turnover Inter – Dopo la bastonta ricevuta nel derby, l’osservato speciale è il Milan. C’è da augurarsi che Leonardo mutui da Lippi l’idea di un Pirlo trequartista, più utile per giocatore e squadra. L’idea fa a pugni con l’annunciata presenza di Ronaldinho. La sua esclusione sarebbe pesante, ma il Milan deve svoltare partendo dalla premessa di non farsi male da solo. Diversamente anche il Livorno può diventare una fatica. Rimango però dell’idea che i rossoneri quest’anno avranno vita facile con le piccole e molto più difficile con le grandi. In casa Inter tutti a parlare del Barcellona, quasi che la partita con il Parma sia normale amministrazione. La squadra di Guidolin potrebbe profittarne, anche se è difficile che Mourinho possa farsi imbavagliare nuovamente in casa dopo il colpo riuscito al Bari. Per i nerazzurri c’è il problema di far rifiatare qualcuno dei molti giramondo: pronto Vieira per Sneijder, possibile riposo per Zanetti e spazio a Milito, che non ha giocato in Paraguay-Argentina. Se non ce la fa, spazio a Balotelli con Eto’o.

Genova in festa – Genova vive un momento di euforia per le sue due squadre, a braccetto in testa alla classifica con Juve e Lazio. Chi ricorda tanti anni di serie B per entrambe capirà la gioia dei tifosi. La Samp va a Bergamo contro l’Atalanta, in grande difficoltà in quest’inizio di stagione (ancora a zero punti). Il talismano Doni non funziona e Acquafresca è senza gol. Del Neri, l’ex, si sente tranquillo con Cassano e Pazzini. Il Genoa a tratti spettacolare di Gasperini riceve nel posticipo il Napoli, con la voglia di proseguire la sua serie di vittorie, ma consapevole delle difficoltà che gli potrà creare la squadra di Donadoni, se Quagliarella sarà in campo al fianco di Lavezzi.
Ritorna Claudio Ranieri, sulla panchina della Roma, la grande malata: zero punti, polemiche e contestazione alla vigilia di un impegno a dir poco spigoloso contro il Siena, che ha strapazzato il Cagliari dopo il naufragio contro il Milan. Alla Roma starebbe stretto anche un pari, ma tra il dire e il fare c’è un Calaiò in grande condizione. Totti sarà affiancato da Vucinic: Ranieri, al contrario di Spalletti, in questo si è voluto cautelare.
L’enigmatica Fiorentina di Prandelli riceve il Cagliari che non è più quello dello scorso anno. Dovrebbe bastare per consentire ai viola un’altra vittoria, soprattutto se si dovesse svegliare Gilardino ancora a secco di gol. Mutu è indisponibile.
Il Palermo, bloccato quindici giorni fa proprio dai viola, vuole rifarsi sul Bari, che fa dell’attenzione tattica la sua caratteristiche di base. Giudizioso, secondo le possibilità, anche il cammino del Bologna, che ospita il Chievo, accarezzando la possibilità di successo pieno, specialmente se Di Vaio dovesse riprendere a segnare.
(Libero)

3 commenti

  1. Concordo sulla Sampdoria. Mi sembra più quadrata dello scorso anno e hanon messo i giocatori giusti al posto giusto.

  2. Il consiglio di Lucianone è ben distribuito. La Lazio è una squadra che più volte ci ha messo in difficoltà, anche se parliamo di quelli di Ranieri, è una squadra rapida veloce e con delle ottime individualità. Non abbassiamo la guardia è una trasferta importantissima per il morale e per la forza che darebbe un eventuale risultato positivo, a tutta la squadra. Quindi attenzione nessuna dustrazione, umiltà e coraggio doti che alla Juve non debbono mai mancare per vincere!
    Genoa cambiano i fattori, ma il risultato non cambia.L’ennesima dimostrazione di come una società se ben organizzata ben gestita e aggiugno ben allenata da uno dei migliori allenatori di serie A non può che far bene.
    Sampdoria all’inizio dell’estate era tra le mie favorite nelle prime 5/6 una conferma Del Neri in realtà dove non ci sono pressioni ha sempre portato a casa ottimi risultati.

  3. In effetti oggi Samp e Genoa sono 2 belle realta’,aggiungo anche il Napoli che secondo me tra le “piccole” è la meglio assortita.
    Tornando a Lazio-Juve….Cruz ci ha fatto abbastanza male in questi ultimi anni,un po’ come DelPiero alla Lazio.
    Ma io voglio ricordare il Diego visto anni fa’ in Werder Brema -Lazio….

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi