Moggi: "Caro Vitiello, non c'hai capito nulla!" | JMania

Moggi: “Caro Vitiello, non c’hai capito nulla!”

Moggi: “Caro Vitiello, non c’hai capito nulla!”

Mentre il giornalista del ‘Fatto Quotidiano, Oliviero Beha, si chiede se la sentenza pronunciata qualche giorno fa a Napoli abbia fatto realmente giustizia (per ora, visto che si tratta solo del primo grado), Luciano Moggi torna sul suo martedì nero dalle colonne del quotidiano ‘Libero’: “La cosa che oltre la sentenza mi ha colpito particolarmente …

Mentre il giornalista del ‘Fatto Quotidiano, Oliviero Beha, si chiede se la sentenza pronunciata qualche giorno fa a Napoli abbia fatto realmente giustizia (per ora, visto che si tratta solo del primo grado), Luciano Moggi torna sul suo martedì nero dalle colonne del quotidiano ‘Libero’: “La cosa che oltre la sentenza mi ha colpito particolarmente e mi ha fatto restar male, è l’esultanza di un tizio che in aula a Napoli era seduto poco distante a me – esordisce l’ex direttore generale della Juventus – Era l’avvocato della Juve e subito dopo la sentenza è esploso in un poco carino «abbiamo vinto!». Credo che il grande giurista non abbia capito nulla. La mia condanna in primo grado significa la sconfitta della Juve nella rincorsa agli scudetti numero 28 e 29. Scindere la Juve da me mi sembra una cosa impossibile: il sottoscritto all’epoca dei fatti era il dg della Juve e lavorava a stretto contatto con l’allora ad, Antonio Giraudo. Ecco, Antonio Giraudo era la Juve ed era quello che in passato aveva fatto sapere pubblicamente che non si poteva spendere una lira senza la sua firma. Per fortuna della Juve io non sono colpevole e farò di tutto per dimostrare la mia innocenza”.
Una volta pronunciata la sentenza, tutti i colpevolisti, nessuno escluso, che in questi anni di udienze e dibattimenti si erano un po’ svincolati dal processo di Napoli, viste le nuove intercettazioni che sono venute fuori, sono tornati più presenzialisti che mai a rilasciare interviste. “Ho sentito interviste sull’argomento e non potevano mancare Capuano e anche l’assessore alla legalità di Napoli Narducci il quale addirittura ha detto che la mia difesa ha portato non prove a discarico, ma intercettazioni coinvolgenti altri imputati. Falso – spiega Moggi -. La mia difesa ha cercato di non incorrere nell’equivoco di fare un calderone per dimostrare che tutti facevano la stessa cosa. Non l’abbiamo mai pensato e vi porto un esempio: l’arbitro di Udinese-Brescia, 26 settembre 2004, 4ª giornata d’andata era Dattilo, assistenti Camerota e Alessandroni e Castellani quarto uomo. I pm dicono che Moggi, Giraudo e Dattilo in concorso tra loro ebbero un atteggiamento doloso consistente nell’ammonizione di calciatori diffidati che non avrebbero potuto giocare nella partita successiva contro la Juve. I giocatori ammoniti furono Pinzi, Muntari e Di Michele; il giocatore espulso fu Jankulovski. Peccato che i tre giocatori ammoniti non erano diffidati e giocarono contro la Juve. L’assistente Camerota, chiamato in aula dichiara sotto giuramento che Jankulovski fu fatto espellere da lui e non dall’arbitro che non aveva visto nulla. Ne consegue che i pm hanno descritto tutta un’altra partita. Questo è solo un esempio e ce ne sarebbero altri che per mancanza di spazio non descrivo.
Appunto finale: a tutti quelli che dopo la sentenza hanno esultato consiglio maggior tatto. Ci sono imputati ora assolti come il giornalista Ignazio Scardina che hanno attraversato momenti davvero difficili. Non si scherza con le vite degli altri. Ricordate Enzo Tortora? Magari quelli che lo condannarono, in segreto andranno a pregare sulla sua tomba”.

14 commenti

  1. albertosanguebianconero

    La decisione del tribunale di Napoli è stata quella,perche il benzinaro è stato capace di inventarsi farsopoli,avvalendosi di molti ambigui personaggi di variegati professioni,e il fatto di essere il benzinaro d’Italia,pieno di soldi ma incapace di vincere sul campo e con un’intera schiera di 007(che hanno testimoniato contro l’innominabile sotto giuramento),dall’altra parte c’era un grande uomo di calcio con tre o quattro telefonini,contro una intera compagnia telefonica,pensate un po.Mi spiegano il benzinaro e il nanerottolo perché volevano Moggi nelle loro società,sapendo che (secondo loro era un’intrallazzone)?ma che buffoni,ancora di più quelli che hanno aiutato il benzinaro,ad attaccarsi pezzacci di cartone al petto,sai che valore.

  2. ci sarà giustizia solo se revocheranno la prescrizione all’inter

  3. Secondo me ,è inutile fare esercizi d’intelligenza per capire questa sentenza.Questa è semplicemente una porcata di un sistema giudiziario marcio e intellettualmente corrotto.I loro padroni hanno deciso cosi:Juve e Giraudo innocenti e Moggi l’unico colpevole,che agiva per conto suo.A proposito di Giraudo,vedrete che sarà assolto da tutte le accuse.Personalmente ritengo la mossa della Juve e Andrea una vigliaccata ,non degna di una grande società.La riconoscenza non è di questo mondo,poi i potenti…meno ancora.Direttore io sono sempre con te e ti ringrazio per le grandi emozioni che ci hai datto.GRAZIE DI TUTTO E SPERO CHE TU POSSA AVERE TUTTO IL BENE POSSIBILE.

  4. Il punto nodale che vorremmo fosse enucleato è in cosa consiste questo presunto comportamento illecito di Moggi che andava al di là del suo mandato.E vorremmo fosse spiegato il perchè per IDENTICI COMPORTAMENTI su presunte frodi sportive ci siano assoluzioni e condanne.Anche qui l’equità di trattamento è una chimera.

  5. E’ un PORCATA!! W il DIRETTORE!!

  6. @Luca: la juve, mi sembra di aver capito, non si sarebbe avvantaggiata per il comportamento ritenuto poco corretto di moggi e, per questo sarebbero state rigettate le richieste delle parti civili di risarcimento danni. ho capito male?

  7. Vorrei fare presente che l’accusa di associazione portata avanti dai Pm si fonda sulla famosa UNICITà DI RAPPORTI con i designatori arbitrali.Ricordo che non era reato avere simili rapporti con i designatori, lo è se da tali rapporti si ottengono vantaggi e si altera il regolare risultato sportivo.Dunque le telefonate sbobinate da penta affondano il pilastro dei Pm, in quanto anche i lotito, i Moratti, i Facchetti avevano questi famosi rapporti.Per ciò che concerne le frodi faccio presente altresì che per identici capi di imputazioni ci sono sia assoluzioni, che condanne…un comportamento illecito è soggetto a condanna sempre e non a discrezione…..pertanto come vedi qua di verità processuale non ce n’è per niente, tutt’al più ci ritrovo un certo tipo di giustizialismo forcaiolo e giacobino che non è proprio di un paese civile quale dovrebbe essere il nostro…..un saluto

  8. @Luca: quali sarebbero le malefatte?In cosa consisterebbero reati?

  9. @saverio
    significa che il tribunale ha ritenuto che Moggi nel compiere le malefatte che gli vengono attribuite ha agito al di là del proprio mandato e la Juve pertanto non può essere responsabile delle conseguenze.
    Tutto qua.

    Prevengo subito un’obiezione: che Moggi abbia compiuto delle malefatte è una verità processuale sancita dal giudizio in aula.

    Ci auguriamo che tale verità – processuale – venga ribaltata in appello.

  10. “Ho sentito interviste sull’argomento e non potevano mancare Capuano e anche l’assessore alla legalità di Napoli Narducci il quale addirittura ha detto che la mia difesa ha portato non prove a discarico, ma intercettazioni coinvolgenti altri imputati.”
    Ma scusate di che processo stiamo parlando?Vorrei capire se i giudici hanno capito qualcosa del processo e si siano presi almeno la briga di leggere le carte processuali.L’accusa di associazione a delinquere di Moggi era incentrata dai Pm sull”UNICITA’ DEI RAPPORTI” che lo stesso DG aveva secondo loro con i designatori.Con il lavoro fatto da AURICCHIO e con l’occultamento delle telefonate degli ONESTI, questa accusa poteva reggere, ma il lavoro svolto da PENTA ha portato alla luce il fatto che questa famosa UNICITA’DI RAPPORTI , esisteva solo perchè qualcuno ha nascosto delle telefonate.Dunque caro Narducci dei miei coglioni delle due l’una: o sei incompetente o sei in malafede…….VENDUTO!!!!!!!!!!!!

  11. Dopo la sentenza ho ascoltato le varie interviste ai vari attori del processo, tra cui quella al pm Narducci. Mi sono sempre definito un semplice ragioniere perché è tale il mio livello di istruzione; ebbene dopo aver ascoltato le dichiarazioni del dr. Narducci mi si è accapponata la pelle ed immediatamente mi è venuta spontanea la seguente riflessione: “Ma quest’uomo in che mondo vive? Siamo sicuri che egli è in piena scienza e coscienza? Non aggiungo altro! Un dato è certo! Il sig. Moggi è stato stritolato dal succedersi di eventi molto al di sopra della Sua portata, ed è altrettanto certo che il susseguirsi dei litigi tra pm e la d.ssa Casoria non hanno di certo rasserenato gli animi dei componenti il pool giudicante”. Buona giornata.

  12. Caro direttore, queste sono solo poche incongruenze in confronto allo scempio della vergognosa sentenza. Noi la sosteniamo non perchè siamo juventini, ma perchè sappiamo che lei è innocente. Noi ci siamo presi la briga di ascoltare intercettazioni, verificarle vedendo se corrispondevano a fatti realmente accaduti, noi ci siamo letti le trascrizioni delle udienze ed abbiamo visto i suoi avvocati mettere sempre all’angolo i p.m. ed i teste dell’accusa. Noi per questo motivo siamo con lei e la sosterremo sempre, si faccia forza, la giustizia trionferà prima o poi.

  13. Direttore, io dopo la sentenza non ho esultato ma mi sono depresso e dispiaciuto. oggi, sono convinto, Caro Direttore, che le cose per lei stiano molto meglio di quanto lei creda. leggiamo le motivazioni della sentenza e poi commenteremo meglio.

  14. sarò io che non capisco.
    la sentenza ha detto che la juve non deve pagare alcun risarcimento perchè non avrebbe tratto alcun vantaggio dai “presunti traffici” di moggi.
    Carissimo Direttore, cosa significa per lei questo?
    per me significa che Ella non ha fatto nulla di illecito per favorire la juve. significa che il suo lavoro alla juve è sempre stato pulito, sottolineo e lo grido PULITO!!!!
    ora per lei in appello ci sarà il compito di smontare il paradosso di aver operato per favorire altre squadre e non quella per la quale ha lavorato.
    in tal senso sono al Suo fianco e le fccio un grande in bocca al lupo. ora, però, io le consiglierei di tacere e non spargere veleno sulla juve e, di riflesso su di lei.
    che senso ha dichiarare che le schede telefoniche le ha comprate la juve?
    per me ha valore confessorio e significa che lei rischia di essere penalizzato anche come d.g. della juve.
    la juve ha esultato? ha fatto bene, perchè indirettamente e direttamente ha festeggiato il correto Suo operato.
    questo lo capisce?
    dal giorno della sentenza Elkla sta iniziando a fare dichiarazioni che si ritorceranno contro di lei e che saranno utilizzate contro di lei.
    ora tacci, per il suo bene, e pensi a smontare in appello la condanna di primo grado.
    Direttore Moggi, la saluto con immutata stima, affetto e gratidudine per aver risolevato l’onore della juve, anche a scapito dei suoi interessi personali.
    Saverio.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi