Moggi "Campionato ancora non è chiuso, Inter in agonia" | JMania

Moggi “Campionato ancora non è chiuso, Inter in agonia”

Moggi “Campionato ancora non è chiuso, Inter in agonia”

“ Stasera la prima tappa senza recupero, una delle due fuori dalla Coppa Italia. Semifinale di lusso quindi tra un Milan atteso e una Juve tornata imperiosa sugli antichi scranni, ed in vantaggio per il 2-1 dell’andata, che può valere molto. Ma ancor di più conta la spinta che la squadra di Conte ha avuto …

“ Stasera la prima tappa senza recupero, una delle due fuori dalla Coppa Italia. Semifinale di lusso quindi tra un Milan atteso e una Juve tornata imperiosa sugli antichi scranni, ed in vantaggio per il 2-1 dell’andata, che può valere molto. Ma ancor di più conta la spinta che la squadra di Conte ha avuto dall’ultima giornata, d’improvviso è sembrato colmato il gap che la divideva dal Milan, indipendentemente dai quattro punti rimasti a favore dei rossoneri”. Luciano Moggi analizza così il duello tra Milan e Juventus: le due compagini si stanno giocando lo scudetto, ma stasera si affronteranno in una gara senza appello per guadagnarsi la finale di Coppa Italia. “Allegri non lo dice ma vorrebbe tentare il triplete – prosegue l’ex direttore generale bianconero dalle colonne di ‘Libero’ –  Conte punta sulla fame arretrata dei suoi e sulle invenzioni di Pirlo e Vucinic. Partita aperta e un’occasione di portata storica per il club bianconero che ha dovuto ricominciare dopo Calciopoli con inevitabili pause e qualche errore di troppo, colpa di dirigenti sbagliati al posto sbagliato (Blanc). Andrea Agnelli è il protagonista della rinascita, con il campionato ancora tutto da giocare e la finale di Coppa da prendere subito”.

Tornando al campionato, poi, Moggi analizza il momento critico dell’Inter, che ricorda tanto tutto ciò che tutto il mondo ha potuto ammirare prima della farsa di Calciopoli: “Campionato dalle molte storie, c’è quella dell’Inter, per la quale non ci sarebbero più aggettivi, agonia interminabile, Moratti che non ne può più, nessuno a dire che è solo colpa sua, una riproduzione esatta dello scenario precalciopoli, lo dicono i numeri, 2005-2006 classifica finale con la Juve a 91 punti, Inter 78, 13 in meno della squadra bianconera, dieci dal Milan, e qualcuno ebbe allora il coraggio di regalare ai nerazzurri uno scudetto e qualche altro adesso non ha avuto il coraggio di revocarlo. Moratti ancora come Schettino, lascia prima del tempo la nave che affonda. Una baraonda, Branca e Oriali s’in sultano su risultati e competenze, Lele non faceva il mercato dice il ds. Giusto, infatti nell’ufficio di Ghelfi, in piazza S. Babila, quando la Juve si prese Cannavaro dando in cambio alla pari il portiere Carini, c’era solo Branca. Un arbitro pietoso, Gava, ha evitato il peggio, per l’Atalanta c’era un rigore che poteva valere la vittoria per i bergamaschi. Pensate un po’, la beneamata (?) sarebbe finita all’ottavo posto in classifica, distanziata anche dal Catania, che quest’anno ha una sua storia molto orgogliosa”.

7 commenti

  1. capitan sparrow

    Ciao ragazzi
    io non mi fido dell’Inter in agonia. Dobbiamo giocare con molta attenzione: possiamo solo vincere tutte le partite e sperare che il Milan faccia come l’Inter del 2002. Però attenzione a non sottovalutare gli avversari: dire prima che sono in agonia può essere pericoloso. Aspettiamo la fine della partita…..

  2. @ Manuel…ti sei perso le solite caxxate di enzo(minuscolo come il suo cervello) cartonato e prescritto.

  3. Mi son perso qualcosa?

  4. Fatto con estremo piacere

  5. ecco la serpe ha fatto il suo ingresso nel Nostro sito,
    @ N°7,prima che continui a vomitare caxxate,”schiacciagli” la testa.
    questo è un cartonato D.O.C.

  6. Ultimamente scorgo piacevoli novità 🙂 E’ una piacevole novità vedere un presidente che si indigna come tutti hanno sempre fatto nei confronti della Juve, anche quando contro la Juve non gioca; è una piacevole novità vedere De Laurentiis lasciare lo stadio inseguito dalle urla e dagli epiteti della tribuna d’onore come un Moggi qualsiasi. E fra queste piacevoli novità spicca anche il piacevole ritorno di un grande classico del calcio italiano: l’Inter che non riesce a vincere neppure coi favori arbitrali.

  7. se ne è parlato troppo poco (visto la felicita’ che avevamo x la cinquina),ma c’era un rigore gigantesco x l’Atalanta con conseguenta Espulsione di lucio,e guarda caso ci sara’ Juventus Vs merde…
    poi non ho ben chiara una questione,chi dice che samuel era diffidato,chi dice di no…riescono a far sparire anche le diffide ?

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi