Moggi: "Calciopoli scoppiò dopo palazzo Grazioli" | JMania

Moggi: “Calciopoli scoppiò dopo palazzo Grazioli”

Moggi: “Calciopoli scoppiò dopo palazzo Grazioli”

Luciano Moggi torna a parlare di Calciopoli a dieci anni esatti dalle vicende calcistiche che sembravano aver distrutto la Juventus

Luciano Moggi torna a parlare di Calciopoli. A dieci anni esatti dalle vicende calcistiche che sembravano aver distrutto la Juventus, l’ex direttore generale bianconero è stato ospite oggi de ‘La Zanzara’, trasmissione di Giuseppe Cruciani che va in onda su Radio 24 il Sole 24 ore. “Calciopoli? Un giorno Berlusconi mi chiamò a palazzo Grazioli – racconta – . Da buon contadino non sapevo neppure se fosse casa sua o la sede del partito. Sono andato lì. Prima mi disse che c’erano delle intercettazioni senza rilevanza penale di cui era al corrente anche Galliani, Carraro e un generale. Mi offrì di andare al Milan. A quel punto Galliani, che non gradiva, fece scoppiare il caso”.

Insomma, il dossier Calciopoli era fermo da qualche parte e non essendoci nulla di penalmente rilevante, non sarebbe venuto fuori se non sotto qualche “spinta”, lascia intendere l’ex dirigente bianconero. “La realtà – continua – è una sola. Quando ero alla Juve al massimo abbiamo vinto due scudetti consecutivi. Dal 2000 al 2004 hanno vinto la Lazio, il Milan e la Roma. La Lazio, per l’alluvione allo stadio con 74 minuti di sospensione della partita. Cosa mai successa. La Roma anche grazie al caso Nakata. Ci hanno fatto perdere dei campionati per cose irregolari, in quel momento la Juve era la parte debole. Torniamo all’alluvione di Perugia. Guarda caso poi viene fuori dalle intercettazioni che Collina va a parlare con Galliani e dice: vengo a mezzanotte, entro dalla porta dietro così non mi vedono. Se non poteva vincere il Milan, non volevano nemmeno che vincesse la Juventus”.

Moggi: “Nessun campionato alterato”

Sia le sentenze sportive, sia quelle penali, ribadiscono che nessun campionato è stato alterato e che l’unica partita per la quale è stato condannato un arbitro è Lecce-Fiorentina, con la quale la Juventus non c’entra nulla: “Dai processi viene fuori che non c’è stata alterazione del campionato, non c’è stata alterazione di sorteggio, addirittura 30 arbitri assolti dalle accuse. Ad alcuni di questi arbitri assolti ho dato una mano, ne ho aiutati tanti economicamente. Poverini, mi facevano pena, non sapevano come pagare l’avvocato. Sono stati rovinati da Calciopoli”, continua. “La Cassazione parla di potere. Ma il potere non è un reato. Avevo potere perché lavoravo bene, era un potere per la qualità del lavoro che facevo”.

Quanto all’attuale presidente federale Carlo Tavecchio, Moggi ammette: “Non può rinnegare la nostra amicizia perché quando era ai Dilettanti veniva sempre a Torino a parlare con Giraudo perché diceva che le cose in Federazione non andavano bene”, conclude.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi