Mauro racconta: “Non ci impegnammo per non mandare in B il Torino” | JMania

Mauro racconta: “Non ci impegnammo per non mandare in B il Torino”

Mauro racconta: “Non ci impegnammo per non mandare in B il Torino”

Gli ultimi giorni del 2011, che ci hanno lasciato in eredità un campionato avvincente con un testa a testa tra Milan e Juventus, passeranno comunque alla storia per lo scoppio del filone 2 dello scandalo del calcioscommesse. Sull’ennesima triste pagina del calcio italiano, che vede addirittura tratti in arresto giocatori in attività, è tornato dalle …

Gli ultimi giorni del 2011, che ci hanno lasciato in eredità un campionato avvincente con un testa a testa tra Milan e Juventus, passeranno comunque alla storia per lo scoppio del filone 2 dello scandalo del calcioscommesse. Sull’ennesima triste pagina del calcio italiano, che vede addirittura tratti in arresto giocatori in attività, è tornato dalle colonne di ‘Repubblica’ l’ex centrocampista della Juventus e del Napoli Massimo Mauro:

“Che tristezza, per non dire altro, pensare ai miei ex colleghi chiusi in una cella perchè si sono venduti o comprati partite di calcio per una scommessa. E non ho parole per commentare il comportamento di Doni. Solo rabbia. Qualcuno sta raccontando che la serie A è tutta venduta, che i risultati sono decisi prima ancora di scendere in campo, che esiste addirittura una spartizione del losco business: prima incassano i giocatori, poi le società. Pazzesco per chi come me ha speso la parte più importante della sua vita in quell’ambiente, in quegli spogliatoi, su quei campi”, ha spiegato il commentatore di Sky.

Poi Mauro, fa un raffronto tra il calcio di oggi e quanto avveniva ai tempi in cui calcava il rettangolo verde:

“Quando giocavo ci sono state partite poco ‘sportive’ ma non era malaffare, nessuno scommetteva. Era a fine stagione quando alla mia squadra i punti non servivano e i nostri avversari si giocavano la salvezza. Ripenso agli occhi dei miei colleghi. Bastava uno sguardo per dire: ‘Non impegnatevi troppo, che vi importa…’  E tante partite hanno avuto risultati a sorpresa perchè magari con quel collega avevi diviso serate al ristorante o in discoteca e ti dispiaceva mandarlo in B…”.

Poi la rivelazione shock che non farà di certo piacere a chi tiene ben issata la bandiera della rivalità cittadina con il Torino:

“Ricordo un derby Juventus-Torino. Noi avevamo già in tasca la qualificazione in Coppa Uefa e loro rischiavano di retrocedere. In panchina c’era Claudio Sala, un amico, che ci urlava ‘Non mandateci in B…’. Finì 0-0 e ricordo che è stato il derby dove mi sono impegnato di meno. Ma stiamo parlando di altro, forse sportivamente non è il massimo, un malcostume tutto italiano, ma nessuno di noi ha mai guadagnato una sola lira da queste situazioni. Vendere o comprare partite è un’altra cosa…”.

5 commenti

  1. Ne riparleremo quando torneranno in A e faranno la caccia all’uomo come al loro solito…

  2. Capitan Haddock

    io sono d’accordo, non ci vedo nulla di male
    e poi si sta parlando del toro, mica delle m***e

  3. Mi pare una cosa stupenda, al di là della rivalità. Ogni tanto i risultati possono anche essere messi in secondo piano.

  4. [email protected]

    non so quanto volte abbiamo aiutato il torino….basta andare a vedere e sentire i “vecchi” commenti dei veri agnelli….

    la squadra che e nata dalla stessa mamma juventus….e ci prendono pure per i fondelli….

  5. Loro invece si impegnano ogni volta per farci saltare delle tibie.
    A calci in culo in B, ce li avrei mandati io!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi