Marrone: "Juve, sono pronto a dare il mio contributo" | JMania

Marrone: “Juve, sono pronto a dare il mio contributo”

Stasera Luca Marrone, gioca una del­le prime partite dentro o­ fuori della carriera da pro­fessionista, anche se è poco tempo che a Viareggio s’è preso l’ennesima finale da ragazzo delle giovanili bian­conere. Con l’Under 21 di Casi­raghi il suo ruolo è da atto­re protagonista: al centro del sistema di gioco, che sia 4-4-2 o 4-3-1-2. …

marroneStasera Luca Marrone, gioca una del­le prime partite dentro o­ fuori della carriera da pro­fessionista, anche se è poco tempo che a Viareggio s’è preso l’ennesima finale da ragazzo delle giovanili bian­conere. Con l’Under 21 di Casi­raghi il suo ruolo è da atto­re protagonista: al centro del sistema di gioco, che sia 4-4-2 o 4-3-1-2. Ma il rodag­gio è finito, stando alle paro­le di Luca, è pronto per il grande calcio.

Tutt’Italia vi guarderà sta­sera: contro l’Ungheria se non si vince, si torna a ca­sa. Eppoi c’è Balotelli che attrae l’attenzione.
« E’ una serata importante per me perché importante per la squadra: siamo indie­tro in classifica, non è facile, ma a me fa piacere tanta at­tenzione: non voglio delude­re ».

I tifosi hanno una passione speciale per voi della Pri­mavera, in annate storte si pensa che sia giusto lan­ciarvi: lei, Immobile?
«I tifosi ce lo dicono quando ci incontrano, quando ven­gono a vederci con la Prima­vera, dopo il Viareggio: io mi sento pronto, ora. Zac lo sa: gli do il massimo e aspetto l’occasione. E’ difficile gioca­re in una squadra come la Juve, ma io ci provo. Mi so­no già tolto una bella soddi­sfazione ad essere inserito in pianta stabile nel gruppo, la convocazione nell’Under, il ritiro da protagonista. L’anno è lungo e da qui a giugno capiterà il mio mo­mento. Sono stato anche un po’ sfortunato: senza infor­tunio, avrei giocato di più. E non perdo d’occhio lo slam con la Primavera: il secondo Viareggio l’abbiamo vinto, ma ci sono coppa Italia e Scudetto da centrare»

Alla Juve servirebbe un re­gista?
« Io studio da regista: mi ispiro a De Rossi, anzi Yayà Toure, quello del Barça. Ma lo capisco anche io che quando giochi con tipi come Pizarro e Liverani, gente che ad un tocco o due ti manda fuori giri tutto viene più facile. Fabio è uno incre­dibile: l’altra sera aveva gli occhi anche dietro la testa? Il mio ruolo è di centrale da­vanti alla difesa: faccio il la­voro fisico, provo a imposta­re. Devo imparare a sfrutta­re la mia castagna da fuori e a inserirmi, come fa De Rossi, maestro nel genere: devo fare più gol. E se mi chiedete dove amo giocare, dico: uno dei due lì in mez­zo ».

Marchisio è un esempio.
«E un consigliere: mi parla sempre, traccia la via. E io mi metto in scia: lui ha fat­to una grande esperienza a Empoli in A ed è tornato più forte. Io vorrei crescere nel­la Juve: a fine anno decide­remo cosa fare, di certo avrò bisogno di giocare con fre­quenza per capire quanto valgo. Certo crescere alla Juve sarebbe bellissimo».

L’intervista completa la trovate sull’edizione odierna di Tuttosport

Un commento

  1. forza ragazzo!!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi