Marotta, guerra alla Figc: querela Lotito

Marotta, guerra alla Figc: querela Lotito

Marotta, guerra alla Figc: querela Lotito

Marotta: gaffe di Lotito finisce in tribunale. Il dg della Juventus, Beppe Marotta, ha deciso di andare avanti nella battaglia legale contro Claudio Lotito e dichiara guerra alla Figc. Qualche giorno fa, il presidente della Lazio era stato condannato a pagare 10 mila euro di multa (altre 10 mila le dovrà pagare la Lazio), per …

Marotta: gaffe di Lotito finisce in tribunale. Il dg della Juventus, Beppe Marotta, ha deciso di andare avanti nella battaglia legale contro Claudio Lotito e dichiara guerra alla Figc. Qualche giorno fa, il presidente della Lazio era stato condannato a pagare 10 mila euro di multa (altre 10 mila le dovrà pagare la Lazio), per aver rivolto una frase ingiuriosa nei confronti di Marotta nel mese di settembre. Con la multa, la federazione, di cui Lotito è a tutti gli effetti il numero due, ha anche negato al dirigente bianconero la possibilità di querelare il patron biancoceleste senza violare la clausola compromissoria.

Riassumendo, Lotito dice a Marotta che non può querelare… Lotito: un conflitto di interessi come se ne vedono solo in Italia. E c’è di più: rivolgendosi alla giustizia ordinaria, il dirigente della Juve rischia una pesante squalifica. Ciononostante, come riporta oggi il ‘Corriere dello Sport’, la Juventus non si accontenterà della multa e ha già chiesto al segretario della Figc Di Sebastiano tramite il proprio legale, le motivazioni del no alla querela. La vicenda potrebbe anche essere discussa il prossimo 17 dicembre, poi Marotta scioglierà le riserve e deciderà se confermare la scelta di portare in tribunale Lotito.

6 commenti

  1. Siamo in guerra con gente che non avendo le qualità della Juve sul campo e come società cerca di utilizzare mezzucci all’ italiana, quelli che hanno rovinato il nostro paese, ci vuole pazienza e cuatela nel muoversi perchè se loro fanno un passo falso si coprono tra di loro e la stampa tace, se la Juve si muove un filo fuori dal seminato viene bombardata ed attaccata da tutti gli artigli delle istituzioni che questei omuncoli controllano.
    Se la giustizia ordinaria agirà correttamente questi personaggi cadranno uno ad uno, spero solo che in un paese come questo non succdano le solite brutture orchestrate per non smuovere le acque in ambienti ricchi di mutui interessi. Non ci resta che aver fiducia, sostenere la società ed avere pazienza.

  2. Sono d’ accordo con tutti voi, ma secondo me e la Juventus società che manca di schiena dritta sono 8 anni che siamo a 90° ma Agnelli ed Elkan aspettano, con calma scambiandosi sms con Moratti ecc. Ora siccome ritengo i sopra citati delle persone capaci cos’ è che li ha sempre fermati? Io la risposta me la sono data…….
    PS: X Mafiacapitale ora che la Roma ha rubato con Sssuolo e Genoa la meneranno ancora con il palazzo? Si certo che la meneranno!

  3. sanguebianconero

    Bravo Marotta
    e la società invece cosa aspetta a portare avanti la “guerra” alla federazione incompetente ???
    a mio avviso non è necessario aspettare l’esito dei giudizi di Moggi in Cassazione

  4. Bravo Marmotta, non cedere di fronte alla protervia di questi ominicchi. Certo, bisognerebbe fare fronte sempre, e non solo quando si viene toccati personalmente. Ne abbiamo di pregressi con la FGCI, non fosse altro che pende un ricorso da un bel po’ di milioncini.
    Primo o poi sta gente dovrà pure pagare…..

  5. quello ke mi fa inbestialire ancor di + non sono tanto i comportamenti illeciti e vergognosi di cui si macchiano certi personaggi, ormai sono diventati consuetudini, no, è la loro sistematica impunità, quel coprirsi vicendevolmente il culo dall’alto delle loro cariche infischiandosene di tutto e di tutti!!
    Bravo Beppe, vai x la tua strada e fai vedere anche alla società Juventus che continuare a prenderlo in c**o non significa essere superiori o snobbare gli altri.

  6. Semplice, Marotta si dimette il tempo necessario per sporgere querela e tutti felici.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi