Marco Tardelli: "Juventus, meglio se ammetti le tue colpe"...quali? | JMania

Marco Tardelli: “Juventus, meglio se ammetti le tue colpe”…quali?

Per Marco Tardelli rivangare Calciopoli (“una brutta pagina del nostro calcio“) non ha senso e soprattutto i suoi “protagonisti“, anziché puntare il dito su altre persone e altre squadre, dovrebbero prendersi le proprie responsabilità. “Calciopoli c’è stata oppure no? – si chiede l’ex giocatore di Inter e Juventus, che risponde – Se Calciopoli è avvenuta, …

tardelliPer Marco Tardelli rivangare Calciopoli (“una brutta pagina del nostro calcio“) non ha senso e soprattutto i suoi “protagonisti“, anziché puntare il dito su altre persone e altre squadre, dovrebbero prendersi le proprie responsabilità.
Calciopoli c’è stata oppure no? – si chiede l’ex giocatore di Inter e Juventus, che risponde – Se Calciopoli è avvenuta, e credo che tutti abbiano accettato questo concetto, è inutile riaprire la ferita o rifare una caccia alle streghe. Adesso non credo che i processi possano mettere in luce qualcosa di diverso rispetto a quanto già stabilito in passato. Calciopoli non è stata una bella cosa, è un prodotto tutto italiano, da non andarne fieri. E’ stata una brutta pagina del nostro calcio. Poi ognuno valuta ciò che vuole. Può recriminare ma non può negare“.
La Juventus ha recentemente invocato “pari trattamento per tutti“, riferendosi alla giustizia sportiva ma anche e soprattutto al processo penale in corso a Napoli: “Forse la Juventus ha pagato troppo, è vero – spiega l’ex Campione del Mondo – ma ciò non significa che sia innocente. E dire che hanno rubato tutti non ti solleva dalle tue responsabilità. Non va valutato quanto hai sbagliato ma se lo hai fatto. E’ meglio ammettere le proprie colpe piuttosto che cercare altri colpevoli. L’Inter dovrebbe riconsegnare lo scudetto 2006? Ognuno tira l’acqua al proprio mulino, purtroppo questo è il classico ragionamento all’italiana“.
Purtroppo in Tardelli il livore nei confronti della Juventus è ancora talmente alto per averlo fatto fuori dal CdA qualche anno fa che lo costringe a sputazzare nel piatto in cui ha mangiato, mangia e mangerà per tutta la vita. Bella la frase “Forse la Juventus ha pagato troppo ma ciò non significa che sia innocente”: qualcuno dovrebbe fargli presente che non significa nemmeno che sia colpevole…ma ho la vaga impressione che anche il buon Marco si sia documentato un po’ troppo tramite giornalucci di colore discutibile.

Credits: Sport.net
Fracassi Enrico – Juvemania.it

8 commenti

  1. Signor Tardelli, l’Heysel è cosa che riguarda i veri juventini: quelli disinteressati a scopi personali.

    Cerca di non parlarne più: come dovrebbe fare altrettanto il Polacco. E’ una tragedia che non vi riguarda moralmente: noi non siamo ciechi.

    Abbiamo visto e ricordiamo i vostri atteggiamenti quella sera: sorrisi di qua e di là. E sapevate tutto.

    L’avete strumentalizzata, usata per questioni vostre: per questo, lasciate in pace chi ha davvero sofferto e non date adito ai tifosi sciacalli e visceralmente antijuventini pronti a deridere, a irridere, a denigrare per un trofeo regalato (falso).

    Noi abbiamo sofferto e la grande vittoria euromondiale: si chiama Vialli, Peruzzi, Del Piero ed altri che hanno saputo vincere la vera Coppacampioni.

  2. Signor Tardelli, abbi la bontà e la serietà di non comportarti come il Polacco e come gli antijuventini che usano (strumentalizano) le povere 39 vittime del settore Z per chiari scopi personali benché diversi: voi per essere stati eclusi da qualche incarico e loro per motivi di tifo sciacallo visceralmente antijuventino.
    Non credevo che un uomo come te (e come Boniek) pervenisse a tanto.
    Io mi ricordo sia di te sia di Boniek: tu sorridevi con la Coppacampioni in mano, il Polacco sorrideva indicando il dischetto del rigore fasullo.
    Non fate i moralisti.
    Noi tifosi non abbiamo mai gioito: dal primo istante ad oggi per 25 anni.
    Pensa a goderti il gol Mundial: quello, tienetelo per te e per gli italiani antijuventini.
    A noi veri juventini poco importa.
    In quel di Atene e a Basilea, tu e il Polacco O assoluto. Ricordatelo.
    Il polacco sappia che il capolavoro di Basilea si chiama: Beniamino Vignola sia per il gol da lui siglato sia per la finezza del pallonetto che gli consentì il raddoppio.
    La grande vittoria euromondiale per noi: si chiama Vialli, Peruzzi, Del Piero ed altri che hanno saputo vincere la verra Coppacampioni.

  3. Sono per età tifoso della sua epoca e con sommo dispiacere dico quello che ripeto da anni a mio figlio abbonato e presente in curva tutte le domeniche allo stadio quando si parla di “QUELLA GRANDE JUVE”: aveva qualche difetto di composizione per me 2 identificati in TRAPATTONI ed il sodale TARDELLI il tempo non mente sono sempre insieme.
    Sempre con 2QUELLA GRANDE JUVE” con un allenatore straniero a quel tempo abbondavano, avrebbe vinto un album di titoli italiani e di coppe dei campioni.
    Il Sig.Tardelli non si smentisce, vuole essere sempre la prima donna come anche il grande Platini lo apostrofava.
    Vai a scopare il mare Marco::::::::ma comunque grazie per qualche gioia che mi hai reso in gioventù.

  4. facciamo sentire il nostro disprezzo a queste persone (Vialli, Tardelli ETc…)! organizziamoci, urliamogli in faccia: “traditori”!!!!!

  5. X me su si non conta niente!!

  6. poveretto… lasciamelo perdere va, e’ troppo incazzato con la Grande Juve

  7. [email protected]

    può parlare così della (nuova se non sbaglio) società che lo cacciò ma non può parlare così di una squadra per la quale ha lottato in tante battaglie…mi deludi tardelli!!

  8. Ti ho amato con la maglia della juve,ora ti schifo sempre piu’..che ti è rimasto del giocatore che lottava per la nostra maglia?

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi