Marco Motta punge il Manchester City: "non bastano i campioni per vincere" | JMania

Marco Motta punge il Manchester City: “non bastano i campioni per vincere”

E’ uno degli ultimi arrivati in casa Juventus, ma Marco Motta ha già le idee chiare su quella che è la strada da seguire per cercare di riportare i bianconeri tra le grandi del calcio italiano e mondiale. “La parola d’ordine è equilibrio“, ne è convinto il terzino ex Roma. Equilibrio non solo in difesa, …

E’ uno degli ultimi arrivati in casa Juventus, ma Marco Motta ha già le idee chiare su quella che è la strada da seguire per cercare di riportare i bianconeri tra le grandi del calcio italiano e mondiale. “La parola d’ordine è equilibrio“, ne è convinto il terzino ex Roma.
Equilibrio non solo in difesa, il suo reparto, quello che finora ha convinto meno nella formazione di Luigi Delneri: “Dobbiamo tenere sempre a mente quella che è stata la prova di Udine, la partita perfetta secondo me, alla quale ha fatto seguito la sconfitta contro il Palermo. Si è detto che in quell’occasione abbiamo giocato un buon calcio. Sì, ma un po’ di attenzione è mancata anche quel giorno. Poi il Cagliari, e siamo passati nuovamente dalle stalle alle stelle…”.

Allora qual è la vera Juventus?
“E’ quella che sta cercando di far quadrare il cerchio dopo l’arrivo di almeno dieci nuovi elementi quest’estate. Rischio di essere retorico, ma il calcio è una cosa difficile e assemblare tanti pezzi di un team praticamente nuovo non è un fatto immediato. Vincere aiuta a vincere, questo ci permetterà di allinearci tutti alle aspetttative dei tifosi, della società, di un grande allenatore come il nostro”.

Voi una squadra da ricostruire, il Manchester City da costruire. L’obiettivo, però, è lo stesso. Cosa pensi del prossimo avversario di Europa League?
“Che il City è la dimostrazione di come non bastano grandi nomi e grandi spese, circa cento milioni di euro se non sbaglio, per ottenere grandi risultati. Ma è chiaro che è un avversario di tutto rispetto e noi dobbiamo stare in guardia”.

Quanto conta e quanto pesa avere un Agnelli alla guida della società?
“Prima parlavo del calcio come di una cosa difficile. Confermo, ma aggiungo che il bello di questo sport che amo tanto è che alla fine è sempre il campo a contare più di ogni altra cosa. Detto questo, il presidente porta un cognome che è la storia di questo club. Un peso quindi ce l’ha per forza. E’ l’umiltà la cosa che mi colpisce di lui. E’ ovviamente il primo tifoso, ma un tifoso particolare che vive la Juventus in mezzo a noi”.

Dove arriverà questa Juventus?
“Sono dello stesso parere di Giorgio Cheillini. Inter e Milan sono da scudetto, noi invece dovremo farci trovare pronti se commetteranno degli errori. Sono abituato a fare i conti alla fine. E farò i conti alla fine sia per la stagione della squadra che per la mia. Con la certezza che il lavoro paga sempre”.

Credits: Sky.it
Fracassi Enrico – Juvemania.it

4 commenti

  1. Non si vince con soli campioni: vero. Ma nemmeno coi bidoni come te. O ti svegli o il riscatto te lo sogni e finisci in serie B!

  2. Ma poi parla lui ke e scarso lo prenderei a calci !!!

  3. Motta, cerca di giocare bene perchè in questo scorcio di campionato dimostri di essere un gran BIDONE.

    SVEGLIATI!!! altrimenti il panettone lo mangerai a casa tua.

  4. motta farebbe bene a pensare agli affari suoi anzichè dare giudizi sulle altre squadre, anche perchè lui non è certamente in grado di darne non essendo un giocatore nè da juve nè da manchester

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi