Marchisio a La Repubblica: "Cinque anni per trovare il ruolo giusto. Ho pensato di andarmene" | Juvemania

Marchisio a La Repubblica: “Cinque anni per trovare il ruolo giusto. Ho pensato di andarmene”

Marchisio a La Repubblica: “Cinque anni per trovare il ruolo giusto. Ho pensato di andarmene”

Claudio Marchisio, uno dei più informa della prima metà del campionato della Juventus, si è confessato oggi in una lunga intervista a ‘Repubblica’. Dopo una serie di alti e bassi nel corso dei campionati scorsi, il ‘Principino’ pare finalmente aver trovato la propria dimensione. “Non solo io, ma la Juve intera. La prima parte dell’anno …

Claudio Marchisio, uno dei più informa della prima metà del campionato della Juventus, si è confessato oggi in una lunga intervista a ‘Repubblica’. Dopo una serie di alti e bassi nel corso dei campionati scorsi, il ‘Principino’ pare finalmente aver trovato la propria dimensione. “Non solo io, ma la Juve intera. La prima parte dell’anno è stata durissima, però adesso abbiamo trovato il modo di essere che stavamo cercando da un po’. Ci lavoriamo sopra dall’estate: ora si tratta di mantenerlo, così come questa voglia di vincere”, spiega il centrocampista cresciuto nel vivaio bianconero.

C’è chi dice che l’esplosione definitiva di Marchisio sia dovuta al nuovo modulo, ma è il diretto interessato a dare ulteriori spiegazioni in merito.

“Negli ultimi anni, tra Juve e Nazionale cambiavo spesso non solo ruolo ma anche modulo. Quest’anno per me c’è stata, finalmente, la collocazione migliore, e definitiva. Quello in cui adesso gioco è il ruolo che mi piace di più, che mi fa sempre stare in movimento, che mi consente di inserirmi e di conseguenza anche di segnare, che è poi quello che risalta. L’anno scorso non giocavo poi così male, ma il gol dà un’altra percezione a chi ti guarda. Con i gol hai gli occhi di tutti addosso. Difatti, ho notato che nelle ultime partite ho smesso di segnare e già sono cambiati i giudizi su di me. Se non segno, non ci si accorge neanche di quanti palloni recupero”.

Per farla breve, prima di trovare la giusta collocazione in campo, sono passati 5 anni…

“E’ l’allenatore che deve decidere dove mettermi. Io sono sempre a disposizione, anche se so cosa è meglio per me. In realtà, già con Ferrara facevo la mezzala e ho conquistato la nazionale, ma poi l’allenatore è cambiato e il modulo anche, e pure con l’Italia avevo altre mansioni. Anche Conte aveva cominciato con il 4-2-4, ma da allenatore intelligente ha capito cos’era meglio per tutti. Del cambiamento ne hanno giovato tutti, non solo io: Pepe, Vidal, persino Pirlo che è il numero uno”.

Chissà quante volte in questi anni sia passato per la testa di Marchisio di andare via…

“Per il contratto no, per altro sì. Gli ultimi anni sono stati pesanti e mi hanno fatto riflettere. Mi sono chiesto: non è che il problema sei tu, non è che devi cambiare squadra per dare una svolta alla tua vita? Ma erano dubbi piccoli, mica grandi. E li ho risolti”.

Il 2011 è iniziato male, ma finito nel migliore dei modi. Cosa si aspetta Claudio dal 2012?

“Vi dico cosa mi aspetto dal primo mese: non dobbiamo sbagliarlo come in passato, dobbiamo riflettere sul fatto che pur non avendo mai perso una partita non siamo riusciti a fare più punti del Milan. E questo significa che dobbiamo lavorare di più, perché quello che abbiamo fatto non è bastato. Gennaio indirizzerà l’anno intero. mettiamola così”.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi