Mandzukic trascinatore Juventus dentro e fuori dal campo

Mandzukic trascinatore della Juventus, dentro e fuori dal campo

Mandzukic trascinatore della Juventus, dentro e fuori dal campo

Mario Mandzukic sempre più uomo squadra e trascinatore della Juventus: il centravanti croato si è imposto nello spogliatoio con il carisma del leader

Mario Mandzukic sempre più uomo squadra e trascinatore della Juventus. Nonostante nel 2016 sia ancora a secco (7 presenze e zero gol), il centravanti croato è ormai riconosciuto dai compagni come un vero e proprio leader, dentro e fuori dal campo. Poche interviste rilasciate, mai una parola fuori posto, Mandzukic fuori dal campo è un professionista inappuntabile, mentre quando veste la casacca bianconera ed entra in campo si trasforma in un vero e proprio guerriero.

Anche se non segna, lotta come un dannato: pressa, elargisce assist e recupera palloni, in alcuni casi in maniera davvero clamorosa. Prova ne è il ‘coast to coast’ di Bergamo dove sugli sviluppi di un calcio d’angolo a favore è rientrato per prima nella propria area per sventare un contropiede dell’Atalanta. Nello spogliatoio della Juventus occupa uno dei due troni che stanno in testa a tutti, di fianco a Gigi Buffon: tanto per farvi rendere conto, quel posto era occupato fino a tre anni fa da un certo Alessandro Del Piero. Arrivare a Torino e prendersi subito la poltrona del recordman bianconero non è da tutti, ma nonostante qualche perplessità iniziale sulla tenuta fisica, Mandzukic ha convinto tutti.

Mandzukic a Manchester

Mandzukic re dei social

E lo confermano anche gli attestati di stima ottenuti tramite i social network dopo la vittoria di Bergamo: il ‘Manzo’ ha prima pubblicato una frase della scrittrice sordo-cieca Helen Keller («Da soli possiamo fare così poco, insieme possiamo fare tanto»), poi quella di Michael Jordan («Non chiederti cosa possono fare i tuoi compagni per te. Chiediti cosa puoi fare tu per loro») proprio per spingere emotivamente i propri compagni a dare sempre il massimo per arrivare fino in fondo a tutti e tre gli obiettivi stagionali, campionato, coppa Italia e Champions League, anche se lo scoglio Bayern appare a molti insuperabile.

Un commento

  1. Biancuorenero

    Mitico…ma purtroppo col bayern non vinceremo triste e amara realtà, sono + forti e guardiola è un marpione. Vincere a monaco con un gol di vantaggioo la vero molto dura, sperare nel 2 a 2 magari poi andando ai rigori forse…ma obiettivamente abbiamo il 20% di possibilità.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi