Malmoe-Juventus 0-2: vichinghi scornati

Malmoe-Juventus 0-2: vichinghi scornati

Malmoe-Juventus 0-2: vichinghi scornati

Malmoe-Juventus 0-2. Buonissima Juventus anche ieri sera. Meno bene che con la Lazio e francamente non mi spiego il perché visto che il Malmoe certi giocatori che hanno i biancocelesti se li può solo sognare, tuttavia s’è vinto e s’è rischiato poco ed è quello che conta. E’ stata una battaglia su un campo infame …

malmoe-juventus-editorialeMalmoe-Juventus 0-2. Buonissima Juventus anche ieri sera. Meno bene che con la Lazio e francamente non mi spiego il perché visto che il Malmoe certi giocatori che hanno i biancocelesti se li può solo sognare, tuttavia s’è vinto e s’è rischiato poco ed è quello che conta. E’ stata una battaglia su un campo infame (e menomale che gli scandinavi sono dei grandi sportivi), accorciato e non coperto con i teli per l’occasione, perché dubito che a queste latitudini non siano organizzati per il ghiaccio e la pioggia. Supportati da un arbitro francamente indegno, che ha dimenticato completamente il regolamento, dove si dice che le trattenute volontarie per la maglia sono tutte ammonizioni senza se e senza ma, e che ha permesso un gioco oltremodo ruvido arrivando ad ammonire per primo Pereyra quasi a fine partita quando ci sarebbero almeno 5-6 del Malmoe che dovrebbero già giocare da un pezzo con questa spada di damocle sulle spallle, il Malmoe ha tenuto il campo per parecchio.

Tuttavia la Juve seppure un poco timida all’inizio (come sempre d’altronde in Champions), piano piano ha iniziato a macinare il proprio gioco. Marchisio (migliore in campo), Padoin, Pogba,Tevez e Lichtsteiner su tutti, sostenuti da una condizione atletica eccellente hanno ribattuto colpo su colpo accettando senza timore lo scontro fisico nella palude svedese. Qualche sbavatura di Pirlo che ha perso qualche pallone di troppo un Llorente in ombra fino al gol e un VIdal a corrente alternata se si vuol essere oltremodo critici, in una serata comunque buonissima. Ma il calcio è questo prendere o lasciare e quello che è tre giorni prima a volte cambia appena tre giorni dopo, e caso vuole che proprio Llorente fino ad allora in ombra e in procinto di essere sostituito trova la palla del vantaggio bianconero. E che gol. Diciamolo, non è proprio facile saltare il portiere e metter la palla in porta con quella freddezza. Non è facile su quel campo, non è facile per uno che non è brevilineo, non è facile per uno che spesso viene messo in discussione e gli viene imputato di non avere grandi fondamentali. Spesso si confonde la grazia coi fondamentali. Llorente, e lo sostengo da sempre, per il fisico che ha, ha dei fondamentali enormi. Non è Ibrahimovic ma è molto bravo con entrambi i piedi e con tutto il corpo nonostante la stazza. Ha un andare sgraziato perché se sei quasi 2 metri non è facile neppure esser bello da vedere (a meno che tu non giochi a basket) ma tutto questo con i fondamentali non c’entra niente.

Chiuderà Tevez con un gol da par suo, dopo che Morata aveva preso una traversa incredibile da zero metri. Siamo a un passo dal passare il turno. Occhio però, restiamo umili. Non facciamo come quei romanisti che dopo un paio di partite del girone dicevano che erano già meglio della Juve perché noi avevamo 3 punti e loro 4. Infatti ora loro rischiano molto e di punti ne hanno appena 5 mentre noi ne abbiamo 9. Dicevo restiamo umili perché è vero che si può arrivare primi ma si può arrivare addirittura terzi. Quindi concentrati.

4 commenti

  1. Capitan Sparrow

    D’accordo A.M., concentrati perché l’Atletico è una squadra difficile da affrontare. Concordo sugli apprezzamenti a Llorente, cui aggiungerei una menzione per la serietà fuori dal campo e in campo. Permettimi di menzionare Padoin; non è un fuoriclasse, ma un buon giocatore sicuramente si. Non è il terzino o il centrocampista dei sogni, ma è un giocatore che garantisce sempre l’impegno.

  2. Ciao Magno. Concordo con il tuo articolio. E pensare che sono stati gli svedesi a lamentarsi dell’arbitro fino a quelle scenare incredibili. Si lamentano del presunto fallo di Morata sul gol di Tevez: forse in Italia avrebbero fischiato, ma in Europa quelle spintarelle non esistono. Pensavo anche io che gli svedesi fossero più sportivi ma mi devo ricredere visto le lamentele quasi da interesti che hanno fatto alla fine.
    Quanto alla partita la sensazione è che davvero in Europa tutte le squadre attuano un pressing feroce cui non siamo abituati nel campionato italiano. La sensazione è che fisicamente e nella corsa le squadre europee siano superiori a quelle italiane, Juve compresa. Anche la Lazio nei primi 20 minuti a pressato ma non con la continuità del Malmoe che ci ha provato fino alla fine.
    Poi il campo infame e la nostra solita paura: spero sia una vittoria scacciapaura e soprattutto non diamo per scontato di pareggiare o vincere in casa con l’Atletico Madrid. Guai a pensarlo perchè saremmo puniti subito: in Europa si fa sul serio non sono concesse distrazioni.
    In questo senso mi è piaciuto molto l’atteggiamento di Allegri fuori di sè per non avere chiuso prima la partita: e come dargli torto!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi