Ma che calcio è questo? | JMania

Ma che calcio è questo?

Ma che calcio è questo?

(Di Gaver) Vorrei tanto poter parlare di calcio giocato, dar credito alle mie fantasie e dar sfogo a dei pensieri che viaggiano alla ricerca di quella spettacolarità sempre più latitante sui rettangoli di gioco, ma non riesco proprio a distogliere la mia attenzione dalle tante notizie, spesso sottaciute o sottovalutate, che quotidianamente giungono dal mondo …

(Di Gaver) Vorrei tanto poter parlare di calcio giocato, dar credito alle mie fantasie e dar sfogo a dei pensieri che viaggiano alla ricerca di quella spettacolarità sempre più latitante sui rettangoli di gioco, ma non riesco proprio a distogliere la mia attenzione dalle tante notizie, spesso sottaciute o sottovalutate, che quotidianamente giungono dal mondo del pallone, sovente dal panorama calcistico di casa nostra.
Per anni ci han riempito la testa con la teoria, alquanto spicciola, della Juve padrona in quanto figlia del potere o diretta emanazione di un fantaoscuro modo di interpretare i propri diritti, assicurandosi sempre e comunque i servigi di arbitri e federazioni varie.
Però, dato che spesso, anzi sempre, mi piace andare a fondo nelle considerazioni, cerco (coi miei limiti per carità) di svestire i panni da tifoso e di osservare tutto con occhi evidentemente distaccati e, per quanto garantito dalla mia natura umana, onesti.

Do per scontato (seppur non credendovi molto) che la Juve in passato sia potuta essere epicentro di attenzioni particolari da parte della classe arbitrale, evidentemente non estranei a quella sudditanza psicologica mai fino in fondo esaminata.
E passo oltre, convinco me stesso che la juventinità sia stata macchiata a volte da alcune decisioni pro troppo rimarcati, ma allo stesso tempo non posso esimermi dal guardarmi intorno, non posso a questo punto evitare di incrociare i dati in mio possesso sui presunti favori arbitrali alla Juve e confrontarli con quanto accaduto alle altre società.
Beh, a primo impatto non saprei davvero da dove iniziare, poi però lo spunto me lo da la cronaca dei giorni nostri, ragion per cui mi trovo forzatamente costretto a scegliere tra le due capitali del nostro paese, la ricca Milano o la politica Roma; per ragion di ospitalità, visto l’imminente incontro, opto per la sponda del Tevere, per il Po ci sarà tempo.
Vero, delle esternazioni fatte in un libro non sono oro colato, ma congiuntamente mi chiedo anche perché quanto dichiarato da Almeyda in questi giorni non sia attenzionato al pari delle tante notiziole sovradimensionate che han sempre accompagnato i racconti sulla Juve; se Buffon esterna un pensiero comune un po’ a tutti i calciatori è scandalo, se Almeyda ammette candidamente che la partita che regalò alla Roma l’ultimo scudetto era concordata allora tutti a far finta di nulla, in primis le solite radioline e testate romane, le stesse che volevano Buffon e Bonucci fuori dalla Nazionale per fatti poi rivelatisi inconsistenti o addirittura inesistenti. Dove sono ora questi signori? Ai quali chiedo anche cosa pensino, a posteriori, della famosa regola sugli extracomunitari cambiata in corsa sempre nello stesso torneo 2001, regola  che consentì a Nakata di giocare (e segnare) nel 2-2 quasi decisivo contro la Juventus; ma so già che sarei tacciato di estremismo… però, a parti invertite, come avrebbero reagito loro? Ve lo dico io: petizioni, interrogazioni parlamentari, sondaggi su giornali e radioline, denuncie alle associazioni dei consumatori ecc … e la mia non è ironia!
E questo solo per citare gli ultimi episodi teverini giallorossi; dall’altra parte invece, mi basta solo pensare che la Lazio è stata in mano a chi ha ordito il crac Cirio, costato ai consumatori milioni di risparmi, mentre con quegli stessi risparmi, han scritto da più parti, si pagavano stipendi e premi dei calciatori biancoazzurri.
A voi le considerazioni ma, vi chiedo, se l’avesse fatto Agnelli con la Fiat? Cosa sarebbe successo? Ancora oggi riempirebbe pagine di giornali, mentre il caso Cirio è ormai di interesse solo per quei disgraziati che ci han rimesso soldi. Guardate poi come son stati capaci di tirare in ballo la Juve nell’affaire Marchionne-Della Valle, senza che la società bianconera c’entri qualcosa, ormai sulle proprie gambe dal 1994.

A Milano invece, sponda nerazzurra, si è invece molto più artisti, molto più fini, li l’ingegno viaggia su binari preferenziali,è tutto un fai da te che poco spazio concede all’imprenditoria esterna visto che li, da buoni impresari, si son sempre fidati delle risorse presenti già in casa. Ed ecco che la security Telecom (Tronchetti Provera, cda Inter) spiava per conto dell’Inter, o la società del buon Cipriani, spiava sempre per conto dell’Inter, allargando i propri orizzonti un po’ su tante figure facenti parte del panorama calcistico Italiano, da Moggi a Gea a Giraudo a Vieri a De Santis a Foti ecc ecc.
Io mi chiedo, semplicemente, con quale diritto? Se in questi giorni un giornalista, opinabile quanto si vuole, rischia la galera per la pubblicazione di un articolo in fondo non scritto da lui ma pubblicato dal proprio giornale, non vi sembrano invece ben più gravi le situazioni concernenti la gestione della sicurezza Interista? Una gestione molto ma molto personalistica.
Senza poi voler rivangare il Guido Rossi (ex cda Inter) alla guida Figc in un modo e in un momento molto ma molto particolari, dei quali sinceramente l’Inter non può certo dire di non aver fruito alcunché.
Poi magari scopri dopo anni, sempre dopo almeno 5 (prescrizione docet) che all’epoca parecchie intercettazioni furono sottaciute, che addirittura erano ben più gravi i reati contestabili a Inter (& Milan); ma ormai il tempo è andato, che fai? Riapri il caso? No di certo, in Italia tutto è figlio di un momento, un momento che però deve essere sempre e comunque di interesse per qualcuno.
Piccolo inciso: il Milan, per esempio, ebbe una squalifica perfettamente calzante con la sua partecipazione alla coppa… che dopo vinse! Splendide coincidenze temporali e numeriche. Che però han cambiato la storia.
E per anni, poi, ci siamo sentiti dire del “drogato…dopato….”, da chi?
Da chi non ha mai approfondito le candide ammissioni di Cauet e Georgatos che parlarono di fatti di doping laddove giocarono, da chi non ha mai chiarito la non partecipazione ad un controllo antidoping di Gattuso, da chi allenò la squadra dei pelati Cirio, squadra che, secondo le ammissioni di gente come Favalli o Negro, prendeva regolarmente creatina (corriere.it), sostanza poi demonizzata accanto alla Juve.
Ma naturalmente, se sei della Juve, non puoi chiedere spiegazioni, hai un peccato originale (per cosa poi?) da espiare, a prescindere.

Un’ultima considerazione sui tanto decantati torti arbitrali: in Palermo-Napoli rigore non dato per fallo di Maggio su Cetto, in Napoli-Parma 1 gol e mezzo in fuorigioco a favore del Napoli, ieri in napoli-lazio ennesimo gol in fuorigioco concesso al Napoli, seppur sul 2-0.
Scandalizzatevi, ogni tanto, abbiate almeno l’accortezza di tacere perché l’indecenza non è una virtù, ma una condizione che spinge l’animo umano ad un istante di vergogna; di tali condizioni ne sto vedendo fin troppe.

7 commenti

  1. Stefano - Uliveto Terme Pisa

    Dopo quanto emerso ultimamente dal processo telecom si evince senza alcun dubbio che la squadra PRESCRITTI è stata l’autore di FARSOPOLI….. spero che presto paghino tutti, c’è un Dio e qualcuno ha già pagato!!!!!

  2. Occhio raga che ne sta per scoppiare un altro di pseudo-scandalo e relativo attacco per destabilizzarci….

    http://www.tuttonapoli.net/?action=read&idnotizia=116178

  3. La foto, con le facce di quei “signori”, abbinata all’ottimo articolo, ci dà la risposta che stiamo cercando!
    “Ma che calcio è questo”?
    ETICA – MAFIA – ONESTA’

  4. Bravo!

    Ma se c’è una cosa di cui ancora non mi capacito, quel vermetto degno di un animazione di Tim Burton che mi gira per la capoccia e continua a mugugnare, è che siamo la tifoseria n°1 in italia, 14 milioni di voci, abbiamo una proprietà forte e che dovrebbe difendere i propri interessi, non solo per i colori ma anche per i dobloni d’oro scuciti per la Juventus….ma come stracazzo è possibile che quei soliti quattro pagliacci possano fare il buono ed il cattivo tempo???
    Almeyda parla di partite regalate e NESSUNO dice nulla…la gazza addirittura titola Alcool etc etc..e solo alla fine cita rapidamente il fatto! uno schifo.
    Cannavaro, Grava,Palacio per non parlare di MAURI tutti pienamente in diritto di giocare e Conte a scontare la farsa più grande della INgiustizia sportiva…

    E nessuno si incazza. ma investite due lire su un ufficio stampa che difenda i colori e l’immagine del vostro investimento, solo gli altri hanno il diritto di far alzare un polverone? ma ci sarà qualcuno in grado di far pressioni perchè si affronti il tema calcio malato sputtanando quelle quattro solite sanguisughe che ci stanno trascinando sotto Francia a Portogallo nel ranking!! ci sarà un modo per costringerli a rispondere a degli attacchi chiari e basati sui fatti? tanto ormai possono solo condannare Marotta per stregoneria e rimandare Giovinco e Giaccherini in miniera con gli altri 5 e binacaneve tutto il resto per abbatterci l’hanno già provato.
    Forza Juventus sempre, sperando che chi ha provato ingiustamente a macchiare i colori che amiamo paghi sulla prorpia pelle l’infamia di accuse indelebili, non parlo di violenza naturalmente ma certi individui dovrebbero per legge non poter leggere il proprio nome sulla stessa riga in cui sia scritto rispetto, onorabilità, onore, giustizia.

  5. articolo onesto ed anche ben scritto in italiano. bravo!!!

  6. Antonio Pompeo Medaglia

    …io non mi scandalizzo …sono JUVENTINO da circa 60 anni e me ne vanto….dico solo che alcune PORCATE sono state perpetuate con all’apice del calcio sempre con le medesime persone …anche se hanno ruotato gli incarichi…una ultima notazione chiedete a qualche peronaggio squallido perchè il Cosenza è stato sostituito con la Fiorentina e da quallo che si dice con un documento rivelatosi poi falso………quando non possono giustificarsifanno trascorrere la PRESCRIZIONE

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi