Lucio, la scheda del nuovo difensore brasiliano della Juventus | JMania

Lucio, la scheda del nuovo difensore brasiliano della Juventus

Lucio, la scheda del nuovo difensore brasiliano della Juventus

Lucimar Ferreira da Silva, noto come Lúcio, nasce a Brasilia, capitale dello Stato Carioca, l’8 maggio del 1978; dall’alto del suo 1,88×84 kg di peso forma, riveste la figura del classico centrale difensivo moderno, forte fisicamente, potente, grandi doti atletiche. È sposato con Dione e ha tre figli, Victoria, João Victor e Valentina Caratteristiche tecniche …

Lucimar Ferreira da Silva, noto come Lúcio, nasce a Brasilia, capitale dello Stato Carioca, l’8 maggio del 1978; dall’alto del suo 1,88×84 kg di peso forma, riveste la figura del classico centrale difensivo moderno, forte fisicamente, potente, grandi doti atletiche.
È sposato con Dione e ha tre figli, Victoria, João Victor e Valentina

Caratteristiche tecniche
All’unanimità è considerato uno dei difensori centrali più forti dell’ultimo decennio, sia per le sue già accennate qualità fisiche, che per il temperamento e la tecnica di primissimo livello. Caratteristiche sono le classiche sgroppate alla “Lucio”, dove emerge tutta la tecnica e la forza del Brasiliano, capace di percorrere 50-60 metri palla al piede in disimpegno dalla propria area, non disdegnando dribbling e progressioni da fuoriclasse. Caratteristica questa che lo fa emergere come atleta capace di ricostruire l’azione partendo dalla propria difesa. La completezza delle sue doti gli ha consentito nel corso degli anni di disimpegnarsi molto degnamente anche come centrocampista davanti alla difesa.

Carriera
La sua avventura calcistica ha inizio nel 1997 nel Guarà, in Brasile, trampolino di lancio per il più blasonato Internacional di Porto Alegre, dove Lucio giocherà dal 1998 al 2000, collezionando complessivamente 55 presenze e 4 reti; numeri questi che gli varranno l’interesse dei club Europei.
L’avventura nel vecchio Continente prende il via nell’estate del 2000 nelle file del Bayer
Leverkusen che lo preleva dall’Internacional.
Nel club delle aspirine gioca per 4 prolifiche stagioni arrivando a disputare addirittura anche una finale di Champions League nel 2002 persa contro il Real Madrid. Totalmente disputa 122 partite ufficiali condite addirittura da 21 reti, bottino assolutamente eccezionale per un difensore.
Le ottime annate a Leverkrusen gli valgono la chiamata del Bayern Monaco. Anche con i bavaresi Lucio lascia un segno indelebile alle stagioni proprie e del club, affermandosi come uno dei difensori più forti e completi al mondo disputando totalmente 218 partite e 12 reti all’attivo dal 2004 al 2009. Con il Bayern Monaco vince 3 campionati e 3 coppe di Germania.
Nell’ estate del 2009 passa all’Inter con contratto triennale da 4,5 milioni di euro fino al 2012.
Segna la sua prima rete italiana, senza smentire la sua attitudine all’area avversaria, nel match contro il Napoli di testa su un calcio d’angolo, nella gara vinta 3-1 dall’Inter.
Con la squadra nerazzurra vince 1 scudetto, 2 coppe Italia, 1 supercoppa italiana, 1 champion league e 1 mondiale per club.
Il tutto disputando complessivamente 136 partite e segnando 5 reti.
Il 29 giugno 2012 Lucio e l’Inter procedono alla risoluzione consensuale del contratto, che svincola il calciatore a parametro zero.

Nazionale
Nel 2000 ha partecipato con la Nazionale brasiliana ai Giochi olimpici Australiani tenutisi a Sydney. Nello stesso anno ha esordito con la Nazionale maggiore.
Due anni più tardi, ai nella rassegna iridata giocata in Corea del Sud e Giappone, è stato il difensore centrale titolare del Brasile che vinse quel campionato del mondo; in quella occasione mondiale il tecnico Felipe Scolari lo tenne sempre in campo, facendogli disputare per intero tutte e sette le partite.
Ha giocato da titolare anche il campionato del mondo 2006, fino ai quarti di finale, quando il Brasile è stato sconfitto ed eliminato dalla Francia e nell’agosto dello stesso anno è stato insignito della fascia di capitano dal neo CT Dunga.
Con la Nazionale maggiore ha disputato le edizioni 2001, 2003, 2005 e 2009 della Confederations Cup, vincendo la coppa nel 2005 e nel 2009, edizione in cui ha segnato il gol del 3-2 finale contro gli Stati Uniti.
Il 4 giugno 2011 contro l’Olanda gioca la sua partita numero 100 con la maglia verdeoro, contando adesso complessivamente 105 presenze e 4 reti con la Nazionale del suo Paese.

Il 4 luglio 2012 si trasferisce a parametro zero alla Juventus, firmando un contratto biennale da 2 milioni e mezzo più bonus.

[youtube width=”540″ height=”370″]http://www.youtube.com/watch?v=ASj_r5F-R7k[/youtube]

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi