Lo Stellini “intercettato” è una persona per bene | JMania

Lo Stellini “intercettato” è una persona per bene

Lo Stellini “intercettato” è una persona per bene

Ai tempi della sua militanza nel Como, Cristian Stellini era uno dei miei preferiti. In campo e fuori. Che sia finito a fare il “tattico” della Juventus, cioè uno degli uomini di fiducia di mister Antonio Conte, non stupisce affatto. La sua forza, al centro della difesa e, in casi estremi, anche in altri ruoli, …

Ai tempi della sua militanza nel Como, Cristian Stellini era uno dei miei preferiti. In campo e fuori. Che sia finito a fare il “tattico” della Juventus, cioè uno degli uomini di fiducia di mister Antonio Conte, non stupisce affatto. La sua forza, al centro della difesa e, in casi estremi, anche in altri ruoli, derivava essenzialmente dalla sua intelligenza calcistica, che poi era intelligenza tout-court. Oggi Stellini balza alla ribalta delle cronache perché intercettato quando giocava nel Bari, squadra finita nel pieno della bufera del calcio scommesse. Dalle sue parole trascritte sui brogliacci dei magistrati emergono due notizie. La prima:  Stello (così lo chiamavamo) sapeva che tra tifosi, giocatori corrotti e malavita esisteva una rete criminosa dedita alle scommesse. La seconda: l’ex azzurro, “invitato” direttamente a partecipare agli affari, si è rifiutato categoricamente. Ora, a quanto pare, il fatto di non aver denunciato quanto di sua conoscenza potrebbe costargli una lunga squalifica. A parte il fatto che, in qualche modo, Stellini una denuncia l’ha fatta. E non al primo che passava, bensì a Demetrio Albertini, presidente dell’Associazione italiana calciatori. Sempre dalle intercettazioni si capisce che Stello si era lamentato pesantemente per l’isolamento e la scarsa tutela che i giocatori a rischio pressioni malavitose subivano. “Tu cosa fai per tutelare queste situazioni – racconta l’ex lariano di aver detto ad Albertini – […] I giocatori non è che vanno a scommettere, però vivono pressioni di gente che dice dovete fare pareggio perché altrimenti vi ammazziamo di botte…ma tu cosa fai per tutelarli”? Insomma, cosa accadesse era noto a molti, probabilmente a tutti da un certo livello in su. E molti, come Stellini, non hanno sporto formale denuncia alle autorità giudiziarie, temendo pericolose ripercussioni. Certo, un po’ più di coraggio in questo Paese non guasterebbe. Ma se mi metto nei panni di uno Stellini qualsiasi, in una città come Bari, dove ti sparano per strada, l’aver risposto picche alle lusinghe di chi gli chiedeva di partecipare alle combine mi sembra già il gesto di una persona retta. È vero che il rischio di questo ragionamento è di abbassare la già sprofondata soglia etica con cui conviviamo quotidianamente. Ma un certo realismo è imprescindibile. Insomma, c’è una bella differenza tra un giocatore che si fa dare 300mila euro per farsi un autogol e un altro, della stessa squadra, che rifiuta l’offerta pur non andando immediatamente in Procura. Stellini è quest’ultimo. Per come l’ho conosciuto e per quanto leggo sul suo conto, fa parte ancora pienamente del mondo delle persone per bene. Forza Stello.

(Liberamente tratto da un articolo di Mauro Migliavada del 05-04-2012)

20 commenti

  1. Marco scusa ma non penso che nessuno stia tirando fango su Bari per carità! Ma bisons essere realistici…. A Torino o Milano è meno pericoloso girare per strada e se anche sono convinto che la mafia ci sia anche al nord, penso che siano due “mafie” diverse. Al sud è più radicata nel rlterritorio e nella vita quotidiana, al nord è presente ma molto di più a livello di appalti e affari loschi…. A Milano non ci sono quartieri dove la polizia non può entrare come in certe città del sud. Io parlo da ignorante ma tutte le mie osservazioni non vogliono attaccare in nessun modo il sud, sono solo realtà diverse rispetto al nord. Tutto li. Io ho passato 1 mese a Taranto alla caserma dell’aereonautica e mi dispiace ma non è una città che consiglierei….. Al primo giorno di libera uscita i superiori ci hanno detto a chiare lettere di non andare in giro soli e di non abbandonare le due vie principali per evitare “problemi”.
    Questo discorsetto non venne fatto a nessuno all’arrivo nella caserma successiva a Verona….. Capisci cosa intendo??
    Comunque forza Juve e viva Italia!!!! Siamo belli perché siamo diversi!!!!

  2. Ho come l’impressione che qui ci sia una situazione premestruale..ahahah

  3. @magic66
    Comunque basta,anche per evitare una lungo tira e molla.Auspico di poter ricevere lo stesso rispetto che credo di avere nei confronti di tutti.

  4. @magic66
    può essere che i miei commenti esprimano arroganza o saccenza,ma non è mai rivolta contro nessuno.Non mi permetto mai di tacciare nessuno d’alcunchè,neanche del più innocuo epiteto,il massimo a cui sono arrivato è stato consigliare a qualcuno il curling come sport sostitutivo al pallone.Io ho solo espresso la mia opinione con educazione e rispetto senza fare riferimenti a nessuno.Non mi pare tu possa dire lo stesso.Mi sai di uno che lancia il sasso e poi nasconde la mano,anche perchè prima provochi,poi uno giustamente ti risponde anche male,visto che è già successo tra l’altro,e,nonostante ciò,elargisci pure lezioni di autocritica facendomi la morale.Sarò anche arrogante e saccente,anzi lo sono,ma una cosa è certa tu non credo abbia bisogno di maestri in merito.

  5. @ArPharazon…..certo che il concetto di autocritica a te nemmeno ti sfiora…..non hai mai pensato che magari pure i tuoi commenti sono un tantino carichi di arroganza e supponenza……o vedi solo la pagliuzza e non la trave??…..o forse mi sbaglio anche stavolta?…..e allora e’ meglio lasciar perdere, oppure patteggiare con l’art. 23, che mi sembra piu’ appropriato…..ciao e forza juve

  6. @magic66
    il fatto è che le tue provocazioni SONO un attacco personale,e continui tra l’altro,inoltre dare del ridicolo a qualcuno,seppure traslato,non mi pare sia un complimento,almeno dove vivo io.Il tutto è francamente fastidioso vista l’impossibilità del confronto de visu.Certi “appellativi” che mi rivolgi tipo superprocuratore o suopertecnico o peggio moralista perfettino tieniteli per te,perchè qua l’unico che dimostra arroganza e saccenza sei tu così facendo.Esprimere la proprio opinione è cosa buona e giusta,rompere le scatole al prossimo francamente no.

  7. @ArPharazon…..non mi sono mai permesso di insultare nessuno in questo blog……quindi non avanziamo accuse sullo stile da superprocuratore…..comunque se ti sei sentito offeso, non era quella la mia intenzione….. a volte le provocazioni possono essere pure costruttive ed essere un occasione per cogliere punti di vista diversi, non devono essere prese, sempre e comunque, come un attacco personale …..anche perche’ qui’ siamo tutti bianconeri, pur avendo ognuno opinioni diverse…..un saluto a te e sempre forza juve

  8. @magic66
    vedo che hai difficoltà a leggere,è ridicolo risponderti visto che non è la prima volta che mi insulti gratuitamente “sedendoti comodamente davanti un laptop” e nonostante io replichi con educazione alle tue provocazioni.Visto che la cortesia non è ricambiata puoi andare serenamente a quel paese!Con cordialità!

  9. @ArPharazon…..se rispondi alle mie “provocazioni ridicole” come le chiami tu, evidentemente il ruolo ti si addice……un caro saluto simpatico faraone

  10. Poi se uno vuole mettere tutto e tutti sullo stesso piano,mi dispiace ma io mi tiro fuori dalla mischia!

  11. @gaver
    stiamo parlando di Cristian Stellini,no perchè,pensavo avessi le traveggole:è lui o no che ha patteggiato 2 anni di squalifica per illecito sportivo tramite art.24 codice sportivo,dunque con ammissione di colpa,per le partite per Albinoleffe-Siena e Palermo-Bari del 2011 più altri sei mesi per le omesse denuncie di Novara-Siena e Bari-Sampdoria?Delle due mi interessa la prima di condanna,riporto art.24 comma 1 per correttezza:

    Art. 24
    Collaborazione degli incolpati.
    1. In caso di AMMISSIONE DI RESPONSABILITA’ e di collaborazione fattiva da parte dei soggetti sottoposti a
    procedimento disciplinare per la scoperta o l’accertamento di violazioni regolamentari, gli organi giudicanti
    possono ridurre, su proposta della Procura federale, le sanzioni previste dalla normativa federale ovvero
    commutarle in prescrizioni alternative o determinarle in via equitativa.

    “Una persona per bene” che purtroppo è inciampato nel combinare due partite.Lungi da me accusare qualcuno,lui l’ha ammesso,io riporto quello che ho letto sui giornali.E’,è stato e sarà una “brava persona”,ma intanto ha combinato una caxxata non da “brava persona” ed è giusto che paghi.In altri luoghi di questo pianeta,che dal punto di vista sportivo possono fare scuola,una “stupidaggine” come questa ti costa la radiazione a vita.

    @magic66 rispondere alle tue provocazioni sta diventando ridicolo.Comunque…a Bari(poveri baresi,io mi incxxxerei e di brutto se dicessero che nella mia città ti sparano per strada,sopra la linea gotica invece è un paradiso!!!)e nel resto d’Italia non so come si usa,ma dalle mie parti c’è stato qualcuno che per “questioni di onestà” è stato raccolto col cucchiaino dai muri.Non sto dicendo che è facile,ma a ognuno la sua croce!

  12. @bruno. Ah, scusa, hai ragione, ho messo giù l’esempio sbagliato, in effetti.

  13. @rem17.come reagirebbe palazzi in mezzo ai criminali? ci sguazzerebbe a tarallucci e vino, perche’ e’ uno di loro…..

  14. d’accordo con magic66, è facile parlare da fuori. Io ci metterei Palazzi a discutere con i criminali che ti minacciano e poi vediamo come reagisce

  15. NON ESAGERIAMO CON LE ILLAZIONI “Bari una città dove ti sparano per strada!!” MA COME SI PERMETTE??? A BARI PER STRADA PUOI ESSERE SCIPPATO, ESATTAMENTE COME IN TUTTE LE GRANDI CITTA’, E CON MENO PERICOLO DI ROMA E MILANO. MA PER STRADA AL MASSIMO SI SPARANO TRA DI LORO I MALAVITOSI, COME IN TUTTE LE CITTA’ DOVE C’E’ LA MALAVITA, ITALIANA O STRANIERA.
    NON DICIAMO CAZZATE PER FAVORE E MODERIAMO I TERMINI.

  16. @ArPharazon: Un’omessa denuncia, da accertare, non è certo un illecito. Ma ancora una volta noto come si glissi su alcuni personaggi. Albertini aveva ed ha il dovere di essere presente in vicende del genere, soprattutto se chiamato in causa come nela caso di specie.

  17. @ArPharazon…..e’ facile fare i moralisti perfettini, seduti comodamente davanti ad un laptop…..ma prova a metterti nei panni di stellini a bari, dove c’e’ gente che minaccia di spararti e poi vediamo se ti va di filosofeggiare sull’onesta’……forza juve e forza cristian

  18. Un “persona per bene” che ha comunque fatto un illecito sportivo,DA LUI AMMESSO,oltre l’omessa denuncia,almeno per adesso.Non so se poi ci possano essere possibili evoluzioni positive.
    Se una “persona per bene” si infila in queste schifezze,beh il fatto che venga considerato una “persona per bene” dovrebbe essere considerata un’aggravante,non il contrario.Comunque più si va avanti e più mi rendo conto che in questo paese l’onestà è una virtù che non conta niente.Chissà se la moda italica del “chiagne e fotte” sarà mai estirpata?Visto quello che ho letto la strada mi pare molto ma molto lunga…

  19. [email protected] tutta questa vicenda puzza di bruciato lontano un miglio, la stessa motivazione della squalifica di antonio” era un’accentratore quindi non poteva non sapere” rasenta il ridicolo. amico mio questo e’ un’avvertimento in perfetto stile mafioso, quello che, ahime’ per lui, aveva denunciato antonio.speriamo che quello che ha paventato @maiella non si realizzi, dopo il danno arriverebbe anche la beffa.

  20. maiellabianconera

    il comunicato della juve non mi piace.Sembra un qualcosa di arido, senz’anima, non si ravvisa, a mio parere, nessuna intenzione di proteggere il nostro conte.Volete vedere che conte ci lascia?Speriamo di no….non ci resta che aspettare

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi