[LIVE 20/04] Calciopoli, udienza rinviata a martedì 27 | JMania

[LIVE 20/04] Calciopoli, udienza rinviata a martedì 27

Juvemania.it vi offre ancora un live report del processo di Napoli. Come successo per il 13 aprile scorso, l’amico Enzo Ricchiuti sarà presente in aula per seguire gli sviluppi del dibattimento per Uccellinodidelpiero.com: secondo gli addetti ai lavori sembra scontato che il giudice Teresa Casoria acquisirà le 74 intercettazioni presentate dall’accusa e darà incarico al …

calciopoli_liveJuvemania.it vi offre ancora un live report del processo di Napoli. Come successo per il 13 aprile scorso, l’amico Enzo Ricchiuti sarà presente in aula per seguire gli sviluppi del dibattimento per Uccellinodidelpiero.com: secondo gli addetti ai lavori sembra scontato che il giudice Teresa Casoria acquisirà le 74 intercettazioni presentate dall’accusa e darà incarico al perito per la loro trascrizione.
Ma potrebbero non essere le uniche: dagli ultimi rumors, sembra che ce ne saranno altre. Ben 22, completamente inedite, per le quali i legali dell’ex designatore Pierluigi Pairetto, gli avvocati Matteo Bonatti e Luigi Sena, faranno istanza di acquisizione.
Vi lasciamo dunque alla diretta del processo, ricordandovi di aggiornare questa pagina per le notizie in tempo reale che via via arriveranno da Napoli.

[ore 09:35]
Non c’è la calca di martedì scorso. Presenti comunque un nutrito gruppo di giornalisti e operatori.

[ore 09:52] Trasmettiamo in diretta dall’aula 216 del Tribunale di Napoli.
Siamo dentro benché Casoria abbia sbarrato l’ingresso a quasi tutti, tranne i soliti noti.
Beha, Moretti, etc.
La cronaca andrà in onda in formato ridotto e stile asciutto per venire incontro al grido di dolore dei lettori.
Bandite le citazioni. Saranno severamente vietate le citazioni. Per non parlare delle descrizioni.
Tutto asciutto.
Soggetto, verbo, complemento oggetto.

[ore 9.55] Dovremmo, in omaggio allo scriverne poco, cavarcela con poco.
I teste d’accusa latitano.
Ancelotti ? Non verrà.

[ore 9.56] Moggi non è ancora arrivato (e ha il telefono spento).

[ore 9.59] Entra la Corte.

[ore 10.00] Ambrosino Marcello…Cominciato l’appello.
Al termine, il presidente Casoria dirà la parola fine alla questione delle 75 telefonate.
Rilevanti ? Trascrivibili ?

[ore 10:07]
Si è capito poi perché la Casoria ci ha fatto entrare, noi poveri mortali. C’è Striscia la Notizia che marca stretto. Presenti Ghione e soprattutto Staffelli, in persona o come fantasma minaccioso, chissà dove imboscatosi. Moggi assente, ufficiale.

[ore 10:09]

Penta (Nicola, colui che ha sbobinato le migliaia di intercettazioni per la difesa Moggi, ndr)? Presente. Pare anche ci sia, inedito assoluto, la Fazi, la segretaria della Cupola. Pare: c’è un tale nugolo di fotografi che ci hanno seppellito.

[ore 10:15]

“Difesa Moggi, ha predisposto l’elenco delle telefonate?”. Il Tribunale dispone che per l’udienza del 04/05/10 darà incarico unico al perito di vagliare il tutto. Dispone che per quella data sia citato a comparire l’ingegner Porto al quale verrà conferito incarico trascrivere le telefonate indicate dalla difesa Moggi e Pairetto. Prioreschi assicura che per quella data allora integrerà ulteriormente l’elenco. Fatta. Le nuove telefonate saranno trascritte.

[Ore 10.17]
Capuano: porteremo come nuovi ed ultimi teste d’accusa Vignaroli e Roberto Mancini.Oltre a quelli assenti oggi (Ancelotti).

[Ore 10.18]
L’udienza sarebbe praticamente da chiudere, mancando i teste d’accusa.

[ore 10.20]
C’è un’ultima scaramuccia formale tra Narducci e la difesa Ambrosino, pare. Niente di che. Ghione di Striscia si mette in piedi sulla sedia accanto la mia. Dichiarazione spontanea dell’ex arbitro De Santis.

[Ore 10.23]
La Morescanti, che ha preso anche la procura della Fazi, si riserva di fare deduzioni su possibili integrazioni alle 75 telefonate, accettate oramai da tutti. De Santis alla voce. Non si sente nulla. L’unica cosa di cui si parla è il mistero delle integrazioni. Quali sono le nuove telefonate ?

[Ore 10.25]
De Santis si pone un interrogativo. Sono stato spiato da Tavaroli/Telecom e non han trovato nulla. Poi sono stato indagato da Auricchio e i mezzi ben più potenti di una Procura della Repubblica. Come mai solo per aver preso delle magliette al termine di Lecce-Juventus sono stato associato a Cupole ?

[Ore 10.30]
“Sarei stato” – continua con la voce rotta dal dolore l’ex arbitro migliore d’Italia De Santis – “il fondatore della Combriccola romana. In base a queste accuse, non sono potuto neanche più uscire da casa. Per la vergogna e la paura. Poi in udienza Auricchio stesso quattro anni dopo ha negato l’esistenza di questa combriccola che m’ha rovinato la vita. Ho dovuto aspettare quattro anni per sentire in quest’aula che con Lecce-Parma non c’entravo niente, perché i giocatori avevano semplicemente smesso di giocare. Quattro anni con una definizione datami dai carabinieri: alto profilo delinquenziale. Ero innocente e m’hanno rovinato”.
Casoria: “Capita a tanti, chiunque può sbagliare”. A De Santis non basta. Allora Casoria: “Non si preoccupi. Il popolo controlla”.

[Ore 10.33] Poi De Santis parla dell’ennesima umiliazione. Aver dovuto scrivere una lettera di scuse alla famiglia Facchetti per “evitare una condanna certa ed ancora una volta il linciaggio morale”. L’ha dovuta scrivere pur essendoci agli atti di questo processo le prove che non aveva diffamato nessuno. Tantomeno un defunto. Gianfelice Facchetti non solo non gli ha mai chiesto scusa. Ma continua a esternare, parlando anche fraudolentemente di schede svizzere, cercando di distrarre la pubblica opinione dalle telefonate tra l’ex arbitro e il padre, Giacinto Facchetti.

[Ore 10.38]
De Santis continua ignorando le lamentele del giudice Casoria. Lecce-Parma: sarebbe bastato ascoltare addirittura Zeman (che parlò e protestò le colpe semmai dei calciatori). Sarebbe bastato fare le indagini a trecentosessanta gradi come prescrive la legge. Cioé, anche a favore dell’indagato. Non ci sono telefonate tra lui e Moggi. Sarebbe stato associato, sdoganato, riassociato. Avrebbe ricevuto una scheda svizzera paradossalmente da sdoganato, quando cioé con Moggi secondo Auricchio aveva rotto. Gli altri arbitri facevano quello che volevano. Collina, Trefoloni, Rosetti. Le intercettazioni di Collina a fronte delle sue magliette sono state ben più gravi. Ma stranamente giudicate irrilevanti. De Santis chiede (il) conto. Qualcuno deve pagare.
[Ore 11.00] da Tuttosport
Il pm ha depositato agli atti l’intervista a Zamparini. In aula c’è stata una lunga dichiarazione spontanea di De Santis. La sintesi: Auricchio mi aveva insegnato, quando avevo svolto un corso con lui, che le indagini devono essere fate a 360 gradi e invece scopro che ci qui ci sono intercettazioni in cui altri arbitri parlano e non vengono accettati. Ci sono telefonate aberranti con Collina, Rosetti e Trefoloni e anche altri. La mia vita è stata sconvolta, mi hanno intercettato e pedinato quelli della securty Telecom, come risulta dagli atti di Milano, per poi dire che non c’era nulla di scorretto nei miei comportamenti. Perchè non si è fatto altrettanto in una indagine ufficale e non c clandestina da parte della polizia? Si doveva indagare a 360 gradi alla ricerca della verità e questo non è successo.

[Ore 11.10] da Tuttosport
A causa della nube causata dal vulcano islandese, che ha creato problemi con i voli, oggi non è stato possibile ascoltare Ancelotti e Salvagno, ispettore di Torino. Niente da fare neanche per quanto riguarda l’avvocato di Pairetto, che doveva depositare le ulteriori telefonate. Il giudice Casoria ha stabilito che nell’udienza del 4 maggio sarà presente il perito nominato da corte che trascriverà le 74 intercettazioni richieste da Moggi e altre 20 richieste da Pairetto. I tempi si allungano, per la trascrizione ci vogliono almeno 30-40 giorni. Nuova udienza il 27 aprile: riconvocati Ancelotti e l’ispettore Salvagno, i pm concluderanno il controesame ascoltando, a partire dal 27, il magistrato Cosimo Maria Ferri, l’ex arbitro Cuttica, Guglielmo Pepe, Fabio Vignaroli e il tecnico del Manchester City, Mancini.

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi