L'ira di Conte si abbatte sulla Juventus | JMania

L’ira di Conte si abbatte sulla Juventus

L’ira di Conte si abbatte sulla Juventus

Nel racconto del lunedì, il giorno dopo la bruciante sconfitta contro la Sampdoria occorre partire dal mattino presto. Già intorno alle 10 Antonio Conte si presenta a Vinovo in compagnia di Fabio Paratici. Non è andata giù al tecnico bianconero la sconfitta contro i blucerchiati. L’atteggiamento dei suoi lo ha fatto infuriare, è mancata quella …

antonio-conte1-300x161Nel racconto del lunedì, il giorno dopo la bruciante sconfitta contro la Sampdoria occorre partire dal mattino presto. Già intorno alle 10 Antonio Conte si presenta a Vinovo in compagnia di Fabio Paratici. Non è andata giù al tecnico bianconero la sconfitta contro i blucerchiati. L’atteggiamento dei suoi lo ha fatto infuriare, è mancata quella proverbiale fame che i giocatori hanno messo sempre in campo. Sarà stata la sosta, saranno stati i panettoni e gli spumanti, sarà stata una certa svogliatezza nel sentirsi arrivati a metà stagione con il campionato magari non da considerarsi chiuso, ma quasi, saranno state le assenze in campo. Sta di fatto che la Juve è caduta, è caduta per errori individuali e di squadra, è caduta per leggerezze che non sono piaciute affatto a Conte, è caduta con l’uomo in più! Questo il racconto di Tuttosport odierno nel pezzo a firma di Lovato:  “Squadra a rapporto, dunque. Volti tirati, zero voglia di scherzare. Il tecnico bianconero non alza la voce, questo almeno è il messaggio che filtra. Ma la sua è una disamina accorata, lucida, a tratti feroce. Riecheggiano le parole che il tecnico mai vorrebbe pronunciare: «Presunzione, mancanza di fame». Si analizzano le manchevolezze. Tre i concetti chiave”.

“L’intensità è l’arma principale della Juve”. Già, un must del calcio voluto da Conte per i suoi. Un’attenzione, una ferocia nella corsa e nella cattiveria agonistica che è mancata alla Juve quando ha visto di trovarsi in vantaggio di un goal e con l’uomo in più. La consapevolezza di poter trascorrere un pomeriggio tranquillo si è trasformata in un incubo.

“La poca voglia di sacrificarsi è presto sfociata in una sorta di anarchia tattica”. Nella ripresa sono mancate corsa e lucidità. Il centrocampo doriano ha sovrastato quello bianconero occupando spazi e profondità. La causa potrebbe essere individuata nel fatto di aver sopportato allenamenti molto duri nella sosta natalizia per irrorare benzina nelle gambe e nei muscoli in vista di una seconda parte di stagione massacrante. E poi arriva l’interrogativo di fondo che ci portiamo avanti dall’estate. La Juve gioca bene, porta nella rete avversaria più giocatori, ma spesso, anche con le piccole, fa fatica a chiudere le partite. L’anno scorso è stato emblematico. In vista di un possibile ruolo da protagonista in Europa occorre invertire al più presto questa rotta.

Ma ora non c’è tempo da perdere. La Juve potrà tornare subito in campo domani e potrà avere l’occasione di mostrare nuovamente gli occhi della tigre.

2 commenti

  1. Quello che mi lascia perplesso della partita con la samp e’ il fatto che, si’ stavamo sotto di un gol, ma c’erano ancora 20 25 min da giocare e non siamo riusciti nemmeno a pareggiare….non e’ un bel segnale per niente….questa e’ una squadra che se non gioca sempre al massimo dell’intensita’ tattica e agonistica rischia di perdere facilmente….a parte la classe di vucinic, la’ davanti non facciamo paura a nessuno…..Giovinco da attaccante sta sbagliando un sacco di gol e continua a giocare….il quaglia che e’ quello che ha segnato di piu’ sta fuori per dei motivi assurdi…..se schieri una difesa a 5 (i tre centrali + lich e deceglie sulle fasce), si potrebbe provare Giovinco dietro ad una coppia di punte….secondo me le cose davanti andrebbero meglio, anche se magari si soffrirebbe un po’ di piu’ nella zona mediana…..forza juve

  2. Metabolizzata, amaramente, la sconfitta con la Samp, si torni a pensare alla prossima partita e si giochi partita, dopo partita con il coltello tra i denti.
    Le lezioni dure ed amare servono, eccome…se ne faccia tesoro.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi