Lippi: "Conte e Pirlo garanzie Juve" | JMania

Lippi: “Conte e Pirlo garanzie Juve”

Lippi: “Conte e Pirlo garanzie Juve”

Secondo molti addetti ai lavori ci sarebbero molte analogie tra la Juventus di Marcello Lippi del 1994 e l’attuale progetto bianconero che vede come timoniere Antonio Conte. ‘Tuttosport’ ha pertanto raggiunto il tecnico campione del mondo 2006 per conoscere il suo pensiero in merito a queste analogie: “Una decisione giusta, perchè Conte rappresen­ta in modo …

Secondo molti addetti ai lavori ci sarebbero molte analogie tra la Juventus di Marcello Lippi del 1994 e l’attuale progetto bianconero che vede come timoniere Antonio Conte. ‘Tuttosport’ ha pertanto raggiunto il tecnico campione del mondo 2006 per conoscere il suo pensiero in merito a queste analogie: “Una decisione giusta, perchè Conte rappresen­ta in modo forte la juventi­nità, che ha impersonato da giocatore e capitano. Lui è stato uno dei protagonisti di una Juve protagonista, sa come si fa e come ci si comporta. E’ stato un tra­scinatore in campo, lo sarà anche in panchina – ha ammesso Lippi -. Cos’è la juventinità? Quell’entusiasmo, quella determinazione, quella rab­bia agonistica che ha sem­pre contraddistinto questa squadra. Conte può risvegliare il vecchio spirito e insegnarlo ai nuo­vi. Vedo l’entusiasmo giusto nell’ambiente. Paragoni con il 1994? In quella stagione arriva­rono tanti campioni e molti ne avevo trovati lì: così si creò una grandissima squa­dra. Ora mi sembra che ci siano i presupposti per ri­creare quello scenario, an­che perché le intenzioni della società mi sembrano chiare, c’è la volontà di fare un mercato importante e rafforzare la squadra“.
Il primo nuovo ingresso dell’organico risponde al nome di Andrea Pirlo, uno che Lippi conosce molto bene: “La Juve ha concluso una grande operazione. Anzi, siccome l’ha preso a parametro zero, significa che è un magnifico affare. Pirlo non si discute: è un fuoriclasse assoluto ed è in grado di adattarsi a qual­siasi situazione tattica. Ha classe, intelligenza e la per­sonalità per dare un’im­pronta netta a qualsiasi squadra. La Juventus non si pentirà di averlo ingag­giato e Conte saprà utiliz­zarlo al meglio – ha aggiunto il CT campione del mondo -. Ora servono solo un paio di giocatori molto importanti e la squadra può diventare molto competitiva nelle mani di Conte. La base c’è e mi sembra di aver capito dai propositi della società che il mercato sarà di quel­li di primissimo livello”.

Un commento

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi