La lettera della tifosa Simona: "Un Conte fino alla fine"

La lettera della tifosa Simona: “Un Conte fino alla fine”

La lettera della tifosa Simona: “Un Conte fino alla fine”

Ho sempre detto di essere orgogliosa della mia squadra del cuore, la Juventus. Sono ancora riconoscente alla squadra, allo spirito di squadra e al mister Conte. Sono profondamente delusa e amareggiata per l’atteggiamento della dirigenza nei confronti di una persona come Antonio. Da un punto di vista tecnico si sono fatti “ scappare” un allenatore …

juventus-premiazione-conteHo sempre detto di essere orgogliosa della mia squadra del cuore, la Juventus.
Sono ancora riconoscente alla squadra, allo spirito di squadra e al mister Conte.
Sono profondamente delusa e amareggiata per l’atteggiamento della dirigenza nei confronti di una persona come Antonio.
Da un punto di vista tecnico si sono fatti “ scappare” un allenatore di indubbia capacità. E quando dico scappare forse uso un eufemismo.
Conte non ha scelto di rinunciare alla guida della Juventus per un Club più prestigioso o per ricevere compensi più cospicui. Conte ha dato le dimissioni rinunciando alla sua squadra del cuore, quella che ha vissuto come protagonista di gioco e come coordinatore e lo ha fatto cosciente anche di perdere del denaro ma non la sua dignità.

Non c’è bisogno di avere una laurea in psicologia per capire che deve essere stato esasperato per arrivare a tali decisioni.
Come si fa a farsi sfuggire un allenatore talentuoso e vincente in questo modo?
Tecnicamente non si è stati in grado di capire quanto fosse importante per la società Juventus, altrimenti non lo si sarebbe condotto a prendere determinate decisioni.
Umanamente si è già visto una scena di questo genere con Del Piero. L’unica differenza è che Del Piero non ha avuto modo di restare e Conte è stato messo in condizione di andarsene.
Questa situazione si può paragonare nel primo caso ad un dipendente di un’azienda che ha dato tutto, che ha lavorato onestamente e con profonda dedizione per una vita e che si vede recapitare una lettera di dimissioni due anni prima di andare in pensione. Il secondo caso è paragonabile ad un manager che rimette in pista una ditta in crisi e che viene contrastato a tal punto che se ne va col ringraziamento del tipo “Grazie ma saremo grandi anche senza di te, sappiamo ripartire perché siamo forti” (anche se viene da chiedersi perché nonostante tante “capacità” prima dell’arrivo del manager eravate in crisi!).

A parte tutto mi sento di ringraziare di cuore Antonio Conte come allenatore e come uomo.
È stato bello vivere le emozioni delle vittorie con un mister che si è sgolato ogni volta, che è non ha contenuto la gioia e che ci ha trasmesso amore per il suo lavoro con animo verace e tanto cuore.
Non dimenticheremo mai il tuo talento e la tua umanità.
Hai fatto risalire la Juventus dal settimo al primo posto e lo hai fatto per tre anni con punteggi degni di entrare nella storia.
Sei stato eccezionale quando hai difeso l’uomo Giovinco dagli attacchi dei tifosi , quando hai fatto giocare Vucinic contro l’Inter dopo la batosta che gli avevano dato, quando hai deciso di far giocare nella Coppa Italia chi non aveva avuto occasione di giocare in campionato, quando hai abbracciato i tuoi giocatori con l’affetto di un padre.
Sei un esempio e nonostante tanti abbiano cercato di infangarti, di metterti in difficoltà, tu sei amato dai tifosi e da chi ha l’onestà intellettuale di riconoscere i tuoi grandi meriti .
Anche se oggi non fai più parte della Juventus tu sei la Juventus e lo rimarrai per sempre.

Con affetto, Simona

27 commenti

  1. Ma come fate a non capire…? mi sembra veramente surreale…! State colpevolizzando la società, quando Conte ha messo paletti, anzi travi, insuperabili, lui doveva essere l’uomo piu’ felice della terra per la fortuna che gli e’ toccata, avrebbe dovuto amare la Juve a prescindere, ma veramente voi pensate che sarebbe bastato Sanchez per vincere la coppa…! e secondo voi il Chelsea il PSG il Real il Barca il City il Bayern che ci fanno li con tutti quei soldi che hanno…? Conte avrebbe dovuto capire le esigenze della societa’…che di sicuro cerca di fare la propria fortuna, questo a prescindere dall’allenatore, si era gia’ capito prima del termine della stagione che sarebbe andata cosi’, tutti speravamo in un ripensamento, ma Antonio era determinato, mettiamo pure che la goccia sia stata Iturbe…! e vi pare che un solo giocatore possa creare una frattura simile…! nooo Conte aspettava un pretesto per andarsene, probabilmente ambisce ad un club che lotti per la Champions…quindi auguri ad Antonio, oggi il nostro mister e’ Max ed io mi sento di fargli i piu’ grossi auguri di imbocca al lupo. ed un plauso alla dirigenza per l’encomiabile determinazione nel perseguire nuovi traguardi, con o senza Conte.

  2. Grazie Conte ma non è da Conte mollarci così. La società era stufa di sottostare agli umori dell’allenatore che aveva cominciato a rilasciare dichiarazioni un po’ troppo distanti dallo spirito di collaborazione. Non sono felice ma comunque sto dalla parte della società. Si sapeva già tutto a giugno poteva andarsene allora invece di fare sto casino, e magari trovavamo un allenatore migliore. FJS

    • Simona Moretti

      Cerchiamo di dire le cose in modo chiaro e sensato. Conte non allenava un squadra di paese ma la Juventus . E’ stato ingaggiato per vincere . Le squadre di livello non giocano per beneficenza o per divertimento. Per questo motivo i club più prestigiosi sono disposti a pagare 100 milioni di euro per Bale e per lo stesso motivo un Messi o un Ronaldo ne costerebbero anche di più di Bale. Se vuoi competere a livello europeo ti devi adeguare. In Italia le società anche più prestigiose non hanno queste disponibilità economiche e per questo motivo un buon allenatore può fare la differenza con le sue tattiche e il suo carisma perchè si può trovare come avversari buoni o ottimi giocatori ma non le eccellenze europee.
      Per questo motivo se vuoi andare in europa devi avere un organico che almeno si avvicini all’ottimo senza arrivare all’eccellenza. Nessuno toglie merito ai giocatori della Juventus , ma è un dato di fatto che calcitori di un certo calibro possono fare la differenza. Sarà un caso che la Juventus abbia fatto il record di punti dopo l’arrivo di Tevez e llorente ? E’ una novità che alla Juventus mancassero degli ottimi attaccanti e la possibilità anche di avere cambi in caso di necessità o infortuni? Sento dire che nessuno ha chiesto a Conte di vincere. Forse ci si è dimenticati che Conte quando ha perso in Europa è stato massacrato e bersagliato di domande su come pensava di gestire l’europa league il prossimo anno (domande che non sono state fatte alla Roma che era di parecchi punti dietro alla Juve) ? Se lavori a certi livelli per lavorare bene DEVI avere unità di intenti con la società che deve capire che per ottenere risultati si deve investire. Se la società ti può offrire quasi esclusivamente giocatori a parametro zero o a prezzi di “saldo” e non tiene conto delle tue richieste ragionevoli (Conte aveva chiesto Sancez mica Messi o Ronaldo) come fai a lavorare bene?. Se sei una persona che se ne frega ti prendi i tuoi soldi, fai come ti dice la dirigenza e se lavori male fa lo stesso. Se hai voglia di fare bene e senti di avere le qualità per farlo ti aspetti più rispetto per le tue idee e per le richieste più che sensate perchè adeguate alla squadra che alleni. Per tutti questi motivi non mi sento di condannare Conte ma di capire che se ha fatto scelte difficili e forse disperate ha delle buone ragioni e penso questo anche perchè ho visto in lui delle caratteristiche e dei comportamenti che mi fanno avere stima di lui.
      Purtroppo non riesco a stimare una società che ha mandato via Del Piero e che ha scelto Allegri, un allenatore che nella sua carriera è stato esonerato un po’ di volte, che ha portato il Millan quasi in serie B e che è stato” un po’ ” anti-juve . La verità sul caso Conte forse non la sappiamo ma se dovessi creare una squadra di paese preferirei prendere Conte come allenatore piuttosto che Agnelli e Marotta come dirigenti! Simona

      • Capitan Sparrow

        Simona, che ce voi fà….. Neanche io riessco a stimare una società che manda via Del Piero in quel modo e Conte in questo, pretendendo le nozze con i fichi secchi. O vuoi vincere (o comunque andare avanti) in Europa, e allora investi (non in Messi, come dici tu, ma in Sanchez) o ti accontenti di vittorie e piazzamenti in Italia, dove non c’è bisogno di investire vista la modestia del nostro campioato. Conte ha detto no. Pure io (e credo di capire anche tu) dico no. Per dirla con Vasco “…quanta gente comunque ci sara’ che si accontentera…”

      • ” Se lavori a certi livelli per lavorare bene DEVI avere unità di intenti con la società che deve capire che per ottenere risultati si deve investire. Se la società ti può offrire quasi esclusivamente giocatori a parametro zero o a prezzi di “saldo” e non tiene conto delle tue richieste ragionevoli (Conte aveva chiesto Sancez mica Messi o Ronaldo) come fai a lavorare bene?.”
        d’accordissimo sul fatto che devi avere unità d’intenti, un pò meno chiaro è il fatto che se non ti comprano sanchez non possa lavorare bene. compito di un allenatore, per quel che mi riguarda, è tirare fuori il meglio dal materiale a disposizione.
        se fosse vero che se compri giocatori da 100 mln vinci, la champions la vincerebbe tutti gli anni il real intervallato ogni tanto dal barca. neanche bayern o united potrebbero inserirsi. invece anche quest’anno il real è andato a 30 secondi dalla sconfitta, salvato dal montero di turno e non dai mister 100 mln.
        ricordo un barca-juve 0-1 ai supplementari 10 contro 11, cross di birindelli goal di zalayeta. strano il calcio, non è vero? passiamo il turno con due giocatori che neanche il cagliari ci avrebbe comprato.
        conte è un grande allenatore, ma in europa deve ancora imparare qualcosa.
        buffon barzagli chiellini bonucci pirlo marchisio sono vice campioni d’europa, vidal pogba tevez llorente li vogliono tutti (tranne tevez, per fortuna) è proprio una squadra così scarsa da allenare?
        se io dovessi creare una squadra di paese valuterei una cosa: se gioco contro squadre che parlano il mio dialetto conte è il meglio, se devo giocare la maggior parte delle partite contro squadre che parlano un’altro dialetto, adesso come adesso, forse, mi guarderei attorno.

        • Capitan Sparrow

          Non si tratta di una squadra di paese e non si tratta di parlare un dialetto, ma di giocare al calcio contro squadre più attrezzate della tua. La colpe di Conte è di aver chiesto giocatori in grado di avvicinare la sua squadra alle grandi d’Europa? A proposito, l’Atletico da cui Simeone ha indubbiamente tirato fuori il massimo, ha poi vinto la finale?

    • condivido tutto…fino alla fine forza Juve.

  3. questa è la mia idea, il mister avrebbe preferito salutare tutti a fine campionato, la società per diversi motivi (campagna abbonamenti, maggior appeal della società verso probabili giocatori da acquistare e qualche altro motivo sconosciuto) ha estorto a Conte la promessa di pensare bene alla sua decisione durante le settimane di vacanza.

  4. voglio evitare di giudicare il comportamento di conte ma “apprezzare il coraggio che ha avuto nel fare questa difficile scelta continuando a stimarlo” è forse chiedere troppo. quando ai primi di maggio va in televisione affermando che questa squadra non era migliorabile ed era alla frutta (marchisio vidal asa bonucci llorente giovinco isla caceres lich chiello etc, tutta gente tra i 26 e i 30 anni non è più migliorabile? mah..) si era autoescluso da solo: con quale faccia ti presenti davanti ai giocatori che hai definito finiti e cerchi di motivarli e dargli degli obiettivi se non sei più che sicuro che te ne andrai al secondo giorno di ritiro? la storia probabilmente è che conte e società erano già d’accordo a lasciarsi a maggio, hanno aspettato solo che terminasse la campagna abbonamenti ed allegri è due mesi che ha firmato il contratto. vorrei tanto sbagliarmi, ma a volte a pensare male….

    • Capitan Sparrow

      “…Quello che abbiamo fatto in Italia non è migliorabile…” “…Penso che storico sia la definizione più attinente per questo scudetto. Abbiamo vinto tre scudetti e due supercoppe, facendo se non sbaglio 267 punti totali. La Juventus in questi tre anni non avrebbe potuto fare di più…”.
      Non ha detto che i giocatori erano finiti; ha semplicemente affermato che in Italia più di così non si può fare (certo, si potrebbe vincere con 114 punti…), aggiungendo “…ritengo che in Europa il percorso sia stato ottimo…”. Dove si poteva migliorare? In Italia no, quindi in Europa.

      • Ha anche detto “non si può mangiare al ristoranre di 100 euro con 10 euro”. Implicitamente hai dao ai tuoi giocatori delle mezze calzette…

        • chissà cosa ne penserebbe Klopp di questa dichiarazione…

        • Capitan Sparrow

          Rileggiti il mio post e dimmi dove ho dato delle mezze calzette ai giocatori della Juve. Ho semplicemente detto che in Italia si è fatto il massimo, quindi non si può migliorare il massimo possibile, mentre in Europa c’è ancora da lavorare. Adesso lavorerà Allegri….
          Quanto ai 100 euro, è così difficile da capire? La partita casalinga col Bayern, che la Juve ha giocato al massimo delle sue possibilità uscendo fra gli applausi, ne è la prova lampante: gli altri hanno giocatori migliori dei nostri. Che non vuol dire che i nostri siano mezze calzette. Se vuoi stare in Europa con chances di vittoria (o almeno di ben figurare) devi tirar fuori i soldi e migliorare quello che è inferiore alle altre squadre. Anche se i tuoi giocatori NON sono mezze calzette (cosa che Conte non ha mai detto)

  5. un ex allenatore codardo,un nuovo allenatore pirla,una dirigenza ubriaca

  6. Cuorebianconero

    Si certo adesso la colpa è della Società vero? ma se non sbaglio è lui che è scappato e dopotutto la Società non gli ha mai promesso di comprare Messi o C.Ronaldo visto che soldini ce ne sono pochini e lui lo sapeva.
    Si è comportato come un bambino viziato che se non gli comprano ciò che vuole lui sbatte i piedi e se ne va.
    L’UNICA COLPA DELLA SOCIETA’ E’ CHE HANNO CHIAMATO ALLEGRI (VERGOGNOSOOOOO).
    P.S. La Società era ok quando lo difendeva e lo pagava e lui era squalificato, vero?

    • Simona Moretti

      Dire che Conte doveva restare è facile , capire perchè se ne è andato e apprezzare il coraggio che ha avuto nel fare questa difficile scelta continuando a stimarlo non è assolutamente semplice nè scontato.
      A giudicare sono capaci tutti , a comprendere in pochi . Antonio Conte merita qualche riflessione in più sul suo operato e sulla sua persona e non giudizi affrettati ed incompleti che rischiano di essere ingiusti e di svilire le sue scelte e la sua dignità. Simona

      • Cara Simona
        siamo d’accordo sul non giudizio. Ma tu, onestamente, credi che essere andato via al secondo giorno di ritiro sia stato giusto?
        Aldilà di quello che poteva pensare, volere, sentire, e tutto. Ha lasciato una squadra in ritiro, siamo diventati lo zimbello di Italia ed Europa, ha compromesso quel po’ di mercato che si poteva fare. Lui lo sapeva che grandi spese non se ne potevano fare. Sapeva pure che non gli si chiedeva la CL o un altro scudetto. Solo di continuare un progetto, di inserire i giovani, di costruire una Juventus che facesse scuola a tutto il calcio italiano.
        La sua decisione presa in questi tempi è dannosissima per il club, per la sua immagine, per il mercato, per i giocatori che erano allenati da lui, per i giocatori che ha coccolato ma anche demolito con le sue parole a fine campionato (“con questi giocatori non si può vincere la CL” o qualcosa del genere…).
        Conte ha avuto i suoi meriti, è entrato nella storia del club e del calcio europeo, nei cuori dei tifosi. E appunto per questo ci si aspettava più rispetto. Bastava andare in conferenza stampa e dire: quest’anno miriamo a crescere ancora. Nessuna promessa. Sarebbe andato bene così!
        Invece il suo atteggiamento, da quello che sembra, è stato: io avevo fatto la lista della spesa, voi non avete comprato quello che volevo, quindi io me ne vado per salvarmi la faccia. Questo non è umanamente scusabile/comprensibile, è un atto simile a quello che lo ha portato a schierare Motta durante una partita per dire alla società “se non si vince è perchè non comprate chi voglio”.
        Così è facile!
        Io ammiro Klopp; lui non ha campioni ma fa giocare la squadra in maniera incredibile. Lui non vuole la squadra di campioni ma lavora per batterle, e ci è riuscito diverse volte…Allora bisogna essere onesti:
        Grazie conte per i tre anni, ma così non ci si comporta.
        Se ne fosse andato a Maggio ci avrebbe fatto più figura! Sarebbe stato il momento doloroso ma giusto.
        La società ne sta facendo di cavolate, ma quella di Conte, mi dispiace perchè lo stimo, è stata la peggiore e colossale che si potesse fare.

  7. Se vabbeh, mo pure na fetta di burro e marmellata sembra acida a confronto.
    Parliamo di cose serie e mettiamo il cestino di Hello kitty per un attimo da parte.
    Conte è un professionista.
    Conte è stato preso dal Lecce e plasmato dal Trap, fino a diventare capitano e allenatore in campo della Juve.
    Quando c’ è stata la possibilità AA l’ha voluto a Torino dove la società ha lavorato duro per dargli una rosa completa che lui, grazie alla sua sapienza, ha portato ai vertici del calcio italiano, sfigurando solo per sfortuna in ambito europeo imho.
    Che la Juve non potesse comprare Sanchez, DiMaria, Cuadrado senza vendere Pogba e Vidal l’avevano capito anche i bambini dell’ oratorio, arrivare alle dimissioni improvvise al secondo giorno di ritiro è GRAVISSIMO, non succede nemmeno in lega pro, un atto simile è stato fatto solo per poter dimostrare che lui se ne va perchè la società non gli da gli strumenti per lavorare.
    Beh , pur non smettendo di ringraziare per quanto fatto rivaluto proprio l’UOMO Conte che scappa nell’ anno in cui nessuno gli chiedeva ne di vincere lo scudetto ne tantomeno la Champions ma solo di portare avanti un progetto importante che mette la rinascita definitiva della Juventus al centro.
    Voleva andarsene?DOVEVA farlo a fine stagione.Sapeva come stavano le cose e forse non avremmo dovuto fare un mercato improvvisato per un allenatore d’ emergenza.
    Ha coccolato Giovinco? Bravo!ma la realtà è che ha mancato di rispetto ai colori che amo con un gesto stupido e plateale utile solo a far godere le avversarie e i tifosetti da bar sport, un grande uomo non si comporta così e un grande allenatore prende la rosa che gli danno e la fa rendere al massimo, Simeone ne è un esempio, meglio un Simeon che non vince la Champions che un Conte che FORSE potrebbe vincere la CL con un psg o simili.Poi spalmiamo di miele una lettera piena di cuoricini ed inviamola a Conte per tutte le gioie sportive che ci ha regalato, ma a fondo pagina scriviamoci “mister stavolta hai scazzato alla grande”, quando è arrivato il vergognoso scandalo calcioscommesse questa società ti ha difeso in blocco come in nessun altro posto sarebbe successo e tu ci regali le dimissioni in ritiro? uno schifo.

  8. I soliti discorsi di sempre …….Senza nulla togliere ai meriti di Conte

    Marotta ha portato alla Juve la difesa + forte d’italia ,un centrocampo da favola con Pirlo Vidal Pogba Marchisio, attaccanti come Vucinic – Tevez -Llorente ecc…ecc….però è sempre e solo merito di Conte.

    • ok… vediamo come rendono tutti questi senza Conte, il quale aveva detto che i giocatori erano spremuti.

      • ma sbaglio o la difesa più forte d’Italia era la stessa che era un colabrodo con Del Neri (che mi risulta sia stato scelto da Marotta)….. e che ancora lo era con Prandelli !!!
        Cerchiamo di vedere le cose come realmente sono e non come l’Azienda vuole farci vedere.

        Purtroppo attualmente la Juve era Conte.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi