Le bande degli onesti | JMania

Le bande degli onesti

Le bande degli onesti

(Di Gaver) “Qual è la differenza fra informazione e propaganda? La prima non può ignorare il terreno storico, politico o economico su cui si incentra la notizia, mentre la seconda trae forza dall’ignorarlo.”  Con gran piacere ho voluto aprire questo mio “pensiero” con questa bella citazione, dedicata implicitamente al giornalista Marco Travaglio in un articolo …

(Di Gaver) “Qual è la differenza fra informazione e propaganda?
La prima non può ignorare il terreno storico, politico o economico su cui si incentra la notizia, mentre la seconda trae forza dall’ignorarlo.” 
Con gran piacere ho voluto aprire questo mio “pensiero” con questa bella citazione, dedicata implicitamente al giornalista Marco Travaglio in un articolo di straordinaria pertinenza che vi invito a leggere e che mi appare quantomeno attinente a quello che ogni giorno i nostri moltissimi massmediologi in erba e non si sentono in dovere di propinarci. Questa pertinenza mi è apparsa lampante leggendo le dichiarazioni che molti giornali han riportato, in primis quella di Tavaroli a riguardo dei mandati spionistici ricevuti dallo stesso in nome e per conto della società Internazionale F.C., e poi, per proseguire, le belle e simpatiche esternazioni che il giornalista Marco Travaglio ha voluto donarci circa i suoi pensieri su scudetti, scommesse, combine e tifi nazionali, arrivando a sostenere che “la Juve inquinò i campionati”.
Vedete, io sono un fermo sostenitore di un antico detto molto in voga dalle mie parti, ossia che “il pane debba farlo il fornaio”; come a dire, se nell’impasto sono in molti a metterci le mani ecco che il prodotto finale non è poi granché.
Ma i proseliti della “propaganda” non demordono, ed ogni giorno ci donano (a nostra insapute e forse anche contro il nostro volere), una miriade di nuove teorie su quel che è accaduto nel calcio, su come siano andate realmente le cose, su chi abbia ragione e chi no.
Stando sempre attenti, badate bene, a tralasciare sapientemente quel che non conoscono o quel che non vogliono conoscere.
Ecco quindi che Travaglio, da grande tifoso Juve (?), ci dà la sua versione su Calciopoli (Farsopoli), addossando alla triade la responsabilità della perdita del suo ardore bianconero, senza però mai scendere nei particolari riguardo ai numerosi episodi che han coinvolto (tra gli altri) la grande antagonista dei fatti del 2006, ovvero l’inter. E ancora oggi, si sente defraudato del suo ardore calcistico per colpa di calciatori della Juve che a suo dire dovrebbero, se non altro, stare attenti ai loro comportamenti, come ad esempio Buffon che non potrebbero permettersi un infortunio tecnico, in quanto poi gli altri sarebbero legittimati a pensar male.
In allegato, le sanzioni sul calcio scommesse dove, per ora, non vi è presenza bianconera, ne potrebbe esservi, in quanto i fatti per Bonucci e Conte risalirebbero comunque alle loro trascorse esperienze.
Travaglio, dato che è stato sempre molto vicino alle cronache calcistiche ed ha seguito in prima persona ogni passaggio processuale, dovrebbe invece spiegarci, come mai non viene presa attentamente in considerazione (per ora?) quell’Inter-Lecce dalla quale è scaturita l’indagine su Vieri, indagine che appare già nel dimenticatoio, come sempre del resto.
Ci sembra quantomeno doveroso fornire, a lui che è un attento conoscitore del mondo che lo circonda, qualche “aneddoto”  su una squadra che negli anni ha fatto dell’onestà la sua principale dote; ironia a parte, qui nessuno pensa che Moggi e Giraudo siano due santi, ma penso sia ora di smetterla di veder sbandierati in giro vessilli che reputano l’onestà come dote appartenente ai loro soli colori,  mentre bisognerebbe iniziare a pensare che forse proprio nessuno ha il diritto di ergersi a paladino degli integri, in un contesto di miliardi spropositati.
In rete viaggiano pagine di meticolosi racconti, tutti documentabili, che forniscono a chiare lettere un volto (nascosto) di una società che per anni ha sempre voluto ricoprire la parte dell’agnello sacrificale, ma che le ultime vicende giudiziarie e al rilettura di certi episodi passati, riconsegnano all’opinione pubblica come una società che niente ha da insegnare agli altri.
Il giornalista, unitamente ad ogni altra persona che vorrebbe esclusivamente godere della massima verità possibile, dovrebbe anche far molto riferimento alle recenti dichiarazioni di Tavaroli, che evidenziano una privazione di libertà probabilmente inconsueta, per usare un eufemismo. Non dimentichiamo poi il maldestro tentativo del Presidente Moratti di declinare il tutto verso il Compianto Giacinto Facchetti, che fu individuato come il solo conoscitore di determinati episodi.

Qualche episodio di sublime onestà:

“Salvezza(A TAVOLINO) comprata nel 1922, dopo una retrocessione sul campo;

Nel 1922 l’Inter arriva ultima, meno punti di tutti, meno gol fatti e più gol subiti. A fine campionato si decide che invece di far salire le squadre che ne hanno diritto bisogna fare i play-out. Non basta. All’Inter viene data come avversario l’Alta Italia, squadra però già fallita da settimane, per cui vince gli scontri diretti a tavolino!”

1961 SCARSA SPORTIVITA’

Nel 1961 l’Inter protesta perchè la partita Juve-Inter viene fatta ripetere anzichè essere assegnata all’Inter a tavolino per sfondamento delle recinzioni del pubblico che stava troppo stretto e si era portato a bordo campo. Quando viene disputato il recupero della partita (ultima di quel campionato) l’Inter aveva già perso lo scudetto in quanto era a 3 punti dalla Juve capolista (una vittoria valeva 2 punti). Allora molto sportivamente e con il solito seguito di lacrime, manda in campo la squadra primavera e perde 9-1!

Tentativo di rubare uno scudetto alterando le provette di urina del Bologna (nel 1964).

Erano gli anni in cui, secondo quanto riferiscono tutti gli addetti ai lavori dell’epoca, Angelo Moratti regalava orologi d’oro agli arbitri;

Da un’intervista a Bulgarelli.

Bulgarelli, sono passati più di quarant’anni ma sembra che nel mondo del calcio non sia cambiato niente. Che cosa ricorda di quei giorni del 1964?

“Alla vigilia dell’incontro di San Siro contro il Milan Fulvio Bernardini, il nostro allenatore, ci disse che se avessimo vinto sarebbe successo qualcosa di grave. Noi non capimmo a che cosa si riferisse e scoppiammo a ridere. Vincemmo 2-1, ma pochi giorni dopo Pavinato, Fogli, Tumburus, Perani e Pascutti furono trovati positivi al controllo antidoping relativo alla partita contro il Torino, che battemmo per 4-1. Una cosa ridicola, eravamo puliti, e le controanalisi lo dimostrarono. In tutti i campi d’Italia, però, ci chiamavano drogati. Se avessimo davvero assunto sostanze proibite, avremmo rischiato pesanti conseguenze dal punto di vista fisico”.

Poi le manifestazioni di piazza in vostro favore, la riabilitazione e lo spareggio contro l’Inter. Quanto contribuì la reazione della città in vostro favore?

“L’affetto della gente fu straordinario e ci diede una grande forza d’animo per andare avanti. L’atmosfera del giorno dello spareggio fu unica: non c’era la diretta televisiva, molti bolognesi si ritrovarono sui colli e la città era avvolta da uno strano silenzio. La paura era destinata a passare: vincemmo, e portammo a casa un meritatissimo scudetto. Fu molto importante anche l’appoggio della stampa (Il Resto del Carlino e Stadio, all’epoca stampato proprio a Bologna, si mobilitarono per una campagna in favore dei giocatori rossoblù, ndr): senza l’apporto di tanti bravi giornalisti forse il nostro caso non avrebbe avuto la stessa risonanza”.

1966 ANGELO MORATTI IMBROGLIONE (tratto dal Times del 02/09/2006 – di Emilio Marrese da Repubblica.it) Angelo Moratti era un imbroglione e l’unica cosa buona che si possa dire di suo figlio Massimo è che s’è messo alle spalle le malefatte del padre (Io piuttosto direi che ne è stato degno erede). Questo è quanto incredibilmente sostenuto sabato dal londinese Times che ha ripreso – nella rubrica di Brian Glanville titolata sulla “storia gloriosa ma macchiata” dell’Inter – la confessione dell’arbitro ungherese Gyorgi Vadas su un tentativo di corruzione da parte di Moratti senior prima della semifinale di Coppa Campioni col Real Madrid del 20 aprile ’66: denaro, orologi d’oro ed elettrodomestici in cambio di rigori. Il quotidiano scrive che “le vittorie dell’Inter degli anni ’60 furono frutto di corruzione e imbrogli nei quali Angelo Moratti giocò un ruolo cruciale in un sistema messo in piedi da due uomini ora deceduti: Deszo Holti, faccendiere ungherese, e Italo Allodi”, definito “serpentine”. L’Inter, si sostiene, fece offerte per tre anni consecutivi agli arbitri delle semifinali e le prime due volte, nel ’64 e ’65, la cosa funzionò, ai danni di Borussia e Liverpool. La terza no, perché Vadas (le cui rivelazioni furono pubblicate nel libro di un giornalista ungherese), rifiutò una somma con cui avrebbe potuto comprarsi 5 Mercedes: 10 per un rigore all’ultimo minuto, addirittura 25 per un rigore ai supplementari. Il giorno della partita Vadas fu ospite di Moratti nella sua villa e ricevette un orologio d’oro. Moratti promise anche televisori ed elettrodomestici. Ma Vadas non aiutò i nerazzurri a rimontare lo 0-1 dell’andata, la gara finì 1-1 e fu la sua ultima apparizione internazionale. L’articolista del Times si chiede infine il perché di questo strano debole degli italiani per i “condottieri” alla Moratti. Una bella palata di fango su vivi e morti.

1991 coppa uefa LADRATA (Tratto da “Indagine sul calcio” di O.Beha e A. De Caro)

L’8 maggio del 1991 a San Siro si gioca l’andata della finale della coppa Uefa Inter-Roma. Partita strana: normale per tutto il primo tempo, in bianco; nel secondo l’arbitro russo con il cognome da medicinale, SPIRIN, decide di animare la partita e dà un rigore all’apparenza inventato che Matthaus realizza. Finirà due a zero. Negli spogliatoi il tecnico della Roma, Bianchi, e alcuni giocatori, a partire da Giannini, contestano la giustezza del rigore. Ma appunto, succede.Succede anche, però, che ormai 15 anni dopo, il figlio di Viola, Ettore, allora punto di riferimento per il club ad interim presieduto da sua madre, ci racconti una storia veramente interessante. «La finale con l’Inter? L’ho persa io. Mi proposero di comprare l’arbitro. Fu una mediatrice russa che lavorava in Italia e frequentava anche l’ambiente del calcio ad avvicinarmi per dirmi che Spirin era accomodabile: con 150.000 dollari si vinceva la partita. Io dissi no per due ragioni. La prima era legata all’illecito ovviamente, la seconda è che la Roma era già di fatto passata di mano. Avevamo concluso il passaggio di proprietà a Ciarrapico e francamente di rischiare io per regalare a lui la gioia di una coppa proprio non mi andava… Quello che non potevo immaginare e che invece poi mi è apparso chiaro è che qualcun altro accettò la proposta della mediatrice… Alla fine della partita ero nervosissimo. La squadra aveva giocato bene ma era stata punita da decisioni molto discutibili. Negli spogliatoi del Meazza incrociai proprio la mediatrice, bastò uno sguardo. Lei mi vide allargò leggermente spalle e braccia senza dire una parola. Un modo come un altro per farmi capire che qualcun altro aveva detto sì… e questo era il risultato.  Hai visto, potevi farlo tu… lessi nel suo sguardo. E così la Roma perse quella Coppa Uefa»  Ps: nei sedicesimi di finale di quell’anno l’Inter aveva perso con l’Aston Villa la partita di andata per 0-2. Nel ritorno di San Siro riuscì clamorosamente a ribaltare il risultato vincendo 3-0. Sapete chi era l’arbitro di quell’incontro: un certo SPIRIN.  Ps: Coppa Uefa 1992/93 Torino – IK Norkkoping 3-0, arbitro SPIRIN, c’erano e ci sono molte chiacchere in giro, alcune da autorevoli personaggi del panorama calcistico, che parlano di una proposta di mediazione da parte della FC Internazionale tra l’abitro Spirin e la Torino Calcio (ormai l’Inter e Spirin erano diventati una cosa sola).

2000 GLI ELETTROSTIMOLATORI NERAZZURRI

E’ l’anno dei “famosi” Rolex giallorossi regalati da Sensi agli arbitri. Platealmente scoperti questi sono costretti a restituire il gentile cadeau. Ma un arbitro più solerte degli altri restituisce anche un elettrostimolatore regalato dalla dirigenza interista, dichiarando di averlo ricevuto dall’Inter e come lui molti altri arbitri professionisti.

Passaporto di Recoba falsificato.

L’Inter schiera illegalmente, per ben un campionato e mezzo (1999/2000 e 2000/01), Alvaro Recoba come comunitario, sfruttando un passaporto italiano poi risultato completamente falso e mai emesso da nessuna Questura. Il passaporto falso di Recoba serviva per superare i limiti al numero degli extracomunitari. Moratti ha ottenuto da Guido Rossi (quello super partes) lo scudetto per un tributo all’onestà nerazzurra e “ha dimenticato” che il suo direttore generale Lele Oriali ed il suo pupillo Alvaro Recoba hanno da li a poco patteggiato una pena per aver falsificato il passaporto (Recoba non aveva antenati in Europa) e ricettato patente rubata (Ricettazione – quella di Recoba) e sono stati condannati a 6 mesi di carcere ciascuno (tramutata in pena pecuniaria di 21.420 euro). Moratti forse non ricorda che c’è un tetto all’ingaggio di extracomunitari e superare quel tetto significa voler imbrogliare chi, regolarmente, ne utilizza il numero consentito.

 Ps: Nel 2001 il St Etienne è retrocesso in B a causa della penalizzazione di 7 punti e della multa comminata per i passaporti falsi del brasiliano Alex e dell’ucraino Levitsky (ha impiegato 3 anni per risalire in Ligue 1)

2001 Plusvalenze e bilanci taroccati, con buchi di milioni di euro, ma l’Inter comunque si iscrive ai campionati regolamente come se non fosse successo nulla, l’ Ischia nel ’97 in serie C1 per molto meno venne sbattuta in ECCELLENZA, ma vabbè l’ Ischia non conta nulla, l’Inter invece… di quella inchiesta non si hanno più notizie.

 IL 5 MAGGIO 2002

–  Materazzi che, il 5 maggio 2002, chiede all’avversario in partita (la Lazio) di farli vincere (e dire che i laziali – a parte Poborsky – ci hanno pure provato…)

– Peruzzi fa fare il gol a Vieri più finto della storia il 5 maggio dopo telefonata da sede Inter a Peruzzi il 4 maggio

– Il 4 maggio Cragnotti rivela di esser stato contattato da Moratti in una intervista rilasciata: il 5 maggio andò così

 

M.TRONCHETTI PROVERA E TELECOM

Dalle indagini condotte in questi ultimi anni emerge che nel 2002 M.Tronchetti Provera, maggiore azonista della società Telecom e importante azionista della società F.C. Internazionale, commissiona un sistema di spionaggio con utilità prettamente personali e/o private. Vittime di tale sistema sono calciatori, persone pubbliche e società come la F.C. Juventus. Dalle azioni condotte come ammesso dal capo della sicurezza Tavaroli si evincono azioni di spionaggio industriale di assoluta gravità nei confronti delle società citate. Lo stesso Moggi a seguito della apertura di farsopoli più volte ha confessato di sentirsi spiato e perseguitato nel suo lavoro, vedendosi per tale ragione, costretto ad usufruire di SIM ‘segrete’ (sim vizzere) consegnate ai suoi interlocutori appartenente all’ambiente del calcio.

Poi, pensandoci un pò su, si nota che: Massimo Moratti è azionista Telecom, Marco Tronchetti Provera presidente Telecom e principale azionista Inter (attraverso il gruppo Pirelli), Guido Rossi diventa presidente dopo Tronchetti Provera dopo essere stato consigliere Inter, Carlo Buora è vice-presidente Telecom ed è anche vice-presidente Inter, ma a pensar male si fa peccato  Dirigenti interisti, nell’estate 2006 dichiarano di AVER FATTO PEDINARE DE SANTIS DA UN INVESTIGATORE PRIVATO, cosa hanno trovato? Lo hanno trovato che annullava un gol regolare di Trezeguet nella finale della Supercoppa Italiana. A tal proposito, da un articolo di Giuseppe D’Avanzo su Repubblica del 23 maggio 2006, si rimanda a Emanuele Cipriani – boss investigativo che, su input dell’Inter di Massimo Moratti e ordine di Marco Tronchetti Provera, raccoglie un dossier sull’arbitro romano e sua moglie, su Mariano Fabiani del Messina e Luigi Pavarese del Catanzaro. Successivamente (scandalo intercettazioni illegali Telecom) si viene a sapere che si spiavano anche Bobo Vieri (allora giocatore dell’Inter) e Fabio Capello (allenatore della Roma prima e della Juve poi) e che la società di Moratti ha pagato circa 20 milioni di euro alla società “Polis” per i vari pedinamenti.

 2003 Kallon fermato per nandrolone

(l’Inter dichiara che lo usava per i brufoli)

2003 Pagamento fideiussione fuori tempo

Ma poi, di nascosto, fatta risultare “regolare” tramite atto doloso (l’Inter sarebbe stata cancellata dal campionato ed oggi non esisterebbe più.

 DECRETO SPALMADEBITI UTILIZZATO DA TUTTE LE SQUADRE (INTER IN PRIMIS) MENO CHE DALLA JUVENTUS (permette di pagare ratealmente senza interessi – le famose 2000 rate a interessi zero)così molte squadre hanno scampato la retrocessione

 2004 ingaggio di Stankovic

Quando era in precontratto con la Juve e per non finire in tribunale l’Inter decide di scambiare con la Juve Cannavaro per un terzo portiere

2005 Fidejussioni false firmate da Facchetti per la Reggina

In una intervista del settimanale “OGGI” a Luciano Moggi: Ma è vero che esistono delle fideiussioni bancarie firmate da Facchetti per qualche società di calcio? Moggi: “L’ho scoperto leggendo una deposizione di Giuseppe Gazzoni Frascara, ex presidente del Bologna. Mi ha stupito molto. Gazzoni ha messo a verbale, davanti ai giudici, certe cose. Bisognerebbe chiederlo a lui, o a Facchetti o ai giudici. Certo è un bel mistero”.

 2005 ESTATE D’AFFARI

Vendita fasulla dei diritti di sfruttamento del marchio Inter in modo da consentirle di truccare i bilanci per 158 milioni di Euro;  si ricorda che non avrebbe potuto partecipare al campionato 2005-06 (quello dello scudetto fittizio); ma Guido Rossi (toh, guarda chi c’è, sempre questo ex dirigente nerazzurro che assegna gli scudetti!) della COVISOC riammette l’Inter ed addirittura concede uno sconto (ricapitalizzazione di soli 40 milioni e non di 158, con decurtazione del 75% del malloppo)

 2005 UN BEL SOSPETTO

 lo Spezia un anno fa apparteneva a Moratti; è stata venduta ad una società che appartiene ad una Fiduciaria parmense; nessuno conosce (chissà perché) il proprietario attuale di tale Fiduciaria parmense; se si tratta di Moratti o di un suo parente fino al quarto grado, è illecito (punibile con la revoca dello scudetto revocato ad altri e retrocessione).

2006 Martins fermato dalla società stessa per ematocrito alto prima di Cagliari-Inter

2006 DICHIARAZIONI DI WOME SULLE SOSTANZE ASSUNTE IN CASA INTER

(dopo ritrattate perchè sicuramente false – garantisce Bellicapelli Mancini)

 2006 FARSOPOLI

Lo scandalo farsopoli con l’ Inter in primo piano con le intercettazioni della TELECOM il cui propretario era Tronchetti Provera DIRIGENTE DELL’ INTER, in seguito un’ ex dirigente dell’ Inter Guido Rossi viene nominato presidente della FIGC e assegna lo scudetto a tavolino all’Inter, dopo un mese magicamente Guido Rossi si dimette ed entra a far parte della TELECOM, stranamente nelle intercetazzioni su farsopoli solo l’Inter non compare, sarà un caso??? Nello stesso scandalo si apprende che l’Inter ha fatto pedinare illegalmente l’ arbitro De Santis e alcuni suoi giocatori; Il resto lo trovate su questa pagina La verità su calciopoli con notizie sempre aggiornate a riguardo anche rispetto al presente documento. Di seguito sono riportati alcune pillole.

SEQUESTRO DI PERSONA? NO! Quale sequestro, il commissario “davvero straordinario” Guido argonauta Rossi, già consigliere dell’Inter nel quinquennio 1995/1999, difensore dell’Inter (e di Milan e Juve) nel confonto sui diritti TV con la Fiorentina e il Consorzio Calcio Italia, dipendente Telecom in pensione (ora dinuovo a cavallo), ritiene di premiare chi si “era sempre comportato correttamente” e premia l’Inter!  A tal proposito è opportuno riportare una dichiarazione dell’argonauta.” Il fatto che io sia stato per un brevissimo periodo [cinque anni, ndr] nel CdA dell’Inter e che io sia amico personale di Massimo Moratti non c’entra niente. Moratti da quando ho assunto questo incarico, per la sua estrema delicatezza, non mi ha più neanche telefonato…” Ps: Nel corso dello scandalo cosiddetto “Moggiopoli”, giungono a Guido Rossi da tutt’italia segnalazioni su comportamenti illeciti tenuti da altre squadre (Inter, Milan, Roma, Lazio, Parma ecc.). L’argonauta decide di perseguire penalmente chi segnala tali comportamenti perchè “INTRALCIA IL LAVORO DELLA GIUSTIZIA!!!”

  • Incontri, mai negati, di Facchetti con Nucini – l’arbitro ha dichiarato di essere molto amico di Facchetti e di aver pranzato spesso con lui, si lamentava col “brindellone” di ostacoli alla sua carriera e chiedeva raccomandazioni (complimenti, proprio un arbitro super partes, con lui le squadre che incontravano l’Inter erano sicuramente tutelate) – La Juventus per motivazioni simili ha avuto: retrocessione in B, meno 17 in classifica, revoca di 2 scudetti, mancata partecipazione per almeno 3 anni alla Champions, obbligo di fatto a vendere tutta la squadra titolare –
  • Cene, mai negate, Facchetti-Bergamo a casa Bergamo, quando l’Inter andava a giocare in Toscana (addirittura Bergamo dichiara che Facchetti si fermava anche a dormire a casa sua, dove spesso parlavano delle griglie arbitrali) Riportiamo l’intervista a Bergamo nella trasmissione MATRIX di Enrico Mentana. Mentana domanda: “Signor Bergamo, in una telefonata con Moggi si parla di “una cena” con Giraudo a casa sua, Vorrei sapere oltre a loro ha invitato altri dirigenti a casa sua?” Bergamo risponde: “Certamente, venivano a casa mia molti dirigenti di società di calcio anche con le loro famiglie, in quanto legato da vecchie amicizie”Mentana: “Qual’era il dirigente che veniva più spesso a trovarla??”BERGAMO: “beh! per la verità, non posso nascondere che GIACINTO FACCHETTI e’ stato quello che più degli altri RICEVEVO IN CASA”! – La Juventus per motivazioni simili ha avuto: retrocessione in B, meno 17 in classifica, revoca di 2 scudetti, mancata partecipazione per almeno 3 anni alla Champions, obbligo di fatto a vendere tutta la squadra titolare –
  • Telefonate, innegabili, Facchetti-Pairetto – In una di queste si parla a lungo di biglietti di partite dell’Inter da consegnare a Pairetto e pronti nella sede dell’Inter che passerà a ritirare un certo Santambrogio.  – La Juventus per motivazioni simili ha avuto: retrocessione in B, meno 17 in classifica, revoca di 2 scudetti, mancata partecipazione per almeno 3 anni alla Champions, obbligo di fatto a vendere tutta la squadra titolare –
  • Telefonate, mai negate, Moratti-Fazi – La Juventus per motivazioni simili ha avuto: retrocessione in B, meno 17 in classifica, revoca di 2 scudetti, mancata partecipazione per almeno 3 anni alla Champions, obbligo di fatto a vendere tutta la squadra titolare –
  • Telefonate Inter-Bergamo, nella trasmissione di Antenna3 del 11/09/2006 Bergamo dichiara di aver ricevuto telefonate dai dirigenti di tutte le squadre di A e si stupisce di come risultino intercettate solo le telefonate di Moggi – La Juventus per motivazioni simili ha avuto: retrocessione in B, meno 17 in classifica, revoca di 2 scudetti, mancata partecipazione per almeno 3 anni alla Champions, obbligo di fatto a vendere tutta la squadra titolare –
  • Si annoverano anche telefonate che riguardano Facchetti con entrambi i designatori arbitrali in cui si esercitano pressioni per ottenere arbitri di gradimento nerazzurro e le modalità di come taroccare le griglie. E’ risaputo anche di interventi di Facchetti negli spogliatoi arbitri per cercare di influenzare l’andamento del match. Tutte queste cose la Juventus non le ha mai fatte.
  • Dirigenti interisti, nell’estate 2006 dichiarano di AVER FATTO PEDINARE DE SANTIS DA UN INVESTIGATORE PRIVATO, cosa hanno trovato? Lo hanno trovato che annullava un gol regolare di Trezeguet nella finale della Supercoppa Italiana. A tal proposito, da un articolo di Giuseppe D’Avanzo su Repubblica del 23 maggio 2006, si rimanda a Emanuele Cipriani – boss investigativo che, su input dell’Inter di Massimo Moratti e ordine di Marco Tronchetti Provera, raccoglie un dossier sull’arbitro romano e sua moglie, su Mariano Fabiani del Messina e Luigi Pavarese del Catanzaro. Successivamente (scandalo intercettazioni illegali Telecom) si viene a sapere che si spiavano anche Bobo Vieri (allora giocatore dell’Inter) e Fabio Capello (allenatore della Roma prima e della Juve poi) e che la società di Moratti ha pagato circa 20 milioni di euro alla società “Polis” per i vari pedinamenti.

 CLAMOROSI AIUTI ARBITRALI

Da Farsopoli ad oggi in quasi tutte le partite dell’ Inter ci sono clamorosi aiuti arbitrali, ora anche in Europa!

TRASFERIMENTI ILLEGALI

I trasferimenti di Milito e Thiago Motta (campionato 2009/2010) non sono validi e, codice alla mano, essendo il tesseramento di questi due giocatori irregolare, in ogni partita in cui anche solo uno dei due sia stato schierato (anche per pochi minuti) dovrebbe scattare la sconfitta a tavolino…

L’articolo 10 comma 1 del Codice di giustizia sportiva recita: «Ai dirigenti federali, nonché ai dirigenti, ai tesserati delle società, ai soci e non soci di cui all’art. 1, comma 5 è fatto divieto di svolgere attività comunque attinenti al trasferimento, alla cessione di contratto o al tesseramento di calciatori e tecnici, salvo che avvengano nell’interesse della propria società. È fatto altresì divieto, nello svolgimento di tali attività, di avvalersi di soggetti non autorizzati e di avere comunque contatti con tesserati inibiti o squalificati. In questi casi gli atti, anche se conclusi, sono privi di effetto».

Su stessa ammissione di Preziosi(interdetto dal calcio) i presidenti delle due squadre hanno trattato e concluso i due trasferimenti, violando apertamente le regole. Il campionato 2009/2010 non dovrebbe essere vinto dall’inter per nessun motivo. Non appena qualcuno ha cominciato a muovere le acque qualcuno ha provveduto a creare un caso sul trasferimento di Amauri poichè il padre procuratore risultava essere non del tutto conforme. Non è la stessa cosa che trattare con un interdetto, ma la cosa servì a pareggiare il buffetto dato all’inter di Moratti.

Chiudo poi con accenno sulla voglia di tifo “germanico” di Marco Travaglio, che non discuto, ne avrebbe senso in virtù della nostra bella democrazia; però l’Italia, per le sue connotazioni ed il suo cuore, merita la possibilità che le molte lobbyes negli hanno han soffocato, tra cui quella dei giornalisti.
Basti pensare all’iter faticoso ed inconcludente che un giovane è costretto a  sobbarcarsi per accedere al mestiere di narratore di cronaca, e ciò per stessa ammissione degli interessati.
Ad ogni modo, non che in Germania se la siano passata sempre così liscia in materia di onestà e rettitudine; leggete, tra gli altri, questo articolo dell’Espresso riportato da Dagospia, per rendervi conto che gli interessi sanno essere ammalianti a qualsiasi latitudine.


Ma è evidente che la propaganda, come in premessa, a volte tende ad aver la meglio sull’informazione.

Ma preparatevi alla prossima di propaganda… perchè Bravo (giocatore ex Parma) dopo neanche 15 anni, ha solertemente pensato di confessare una pseudo combine in un Juve-Parma del 1997! Verrebbe da chiedergli… e te ne ricordi adesso? Ma aspettiamo anche di conoscere gli autori della combine, sapendo di conoscerne già i nomi, vista la poca fantasia dei soliti propagandisti.

Solo un lettore affamato di verità e intellettualmente integro sa andare oltre, senza mai fermarsi dinanzi al proselitismo di parte, persino se quella parte è la sua.

12 commenti

  1. @64. giusto amico mio, ma ricordati che dietro un disegno perverso c’e’ sempre un personaggio perverso.

  2. per bruno
    la spigazione logica dell’accanirsi contro la juve tela dico io:
    mettiamoci per un attimo ad analizzare bene lam situazione in italia del campionato di seria A
    La juve per gli altri,rischia di aprire un ciclo di vittorie lungo qualche anno e gli altri se continuano a muoversi cosi staranno a guardare.
    abbiamo lo stadio nuovo,un allenatore vincente,una societa che sa quello che vuole,e ci stiamo muovendo bene anche sul mercato,anche a livello giovanile,e le altre grandi d’italia?
    mi sembra che facciano pena
    ed allora provano ad affossarci con tutto cio che gli capita,perchè temono questa nuova juve,eccome se la temono.
    Siamo tornati,e adesso ci riprenderemo ciò che ci hanno tolto con gli interessi

  3. Questo meraviglioso articolo, che definerei un prezioso documento, merita di entrare negli archivi di tutti gli sportivi Italiani e stranieri che amano la vertà. Mi dispiace pensare che resterà SOLTANTO nei PC di noi Juventini e di pochi altri sportivi.
    Un appello va fatto alla Dirigenza JUVE.
    Ci rendiamo conto di quanto possa essere necessario disporre di mezzi di comunicazione come giornale o TV, a diffusione Nazionale?
    Avremmo la possibilità di far sentire la nostra voce e di replicare a chi, fino ad oggi, ha diffuso menzogne.

  4. una domanda: perche’ TUTTOSPORT non pubblica in toto questo drammatico e choccante articolo correlato da testimonianze documentate, mentre LA SPAZZATURA ROSA, appena un frocio con la erre moscia spara una cazzata senza riscontri dopo 16 anni , ti fa un’articolo senza tanto pensarci su? non e’ che a milano in questi ultimi vent’anni qualcuno abbia ” usato” i cugini per allargare la base elettorale,perche’, si sa, il calcio e’ un veicolo pubblicitario formidabile e , guarda caso, l’affaire farsopoli e’ partito subito dopo la scomparsa dell’avvocato e del dottore.Perche’ non riesco a spiegarmi questo attacco frontale alla juve, in fin dei conti si tratta di calcio, qual’era e qual’e’ l’obiettivo vero? secondo me a qualcuno l’operazione “GRANDE MENZOGNA”
    e’ sfuggita di mano. Hanno colpito la juve con farsopoli, ok, ma perche’ continuare ad accanirsi? non trovo una spiegazione logica.

  5. in tutto questo sorprende il silenzio della juve che si offre sempre come vittima sacrificale. è possibile attaccare impunemente l’onore e la dignità della juve.
    perchè?
    il silenzio ha portato alla distruzione della juve nel 2006, per il futuro cosa intende fare la società? e la proprietà?
    è possibile che il primo fesso che intende sputare veleno sulla juve lo possa sempre fare ed avere un sistema mediatico che amplifica ogni fesseria?
    se qualcuno è in grado di spiegarmi l’atteggiamento masochistico della juventus lo faccia perchè io non l’ho capito.

  6. iosonojuventino92

    Bell’articolo, ma alcuni episodi citati e riportati in poche righe meritano più dettagli e più approfondimento.
    Mancano i fatti dello scudetto di legno del 1910;
    Sulla retrocessione del 1922 c’è da approfondire e parecchio. Ad esempio: i campionati si sono conclusi a marzo e si decisero gli spareggi cambiando le regole in corsa (perché in realtà non erano previsti) col Compromesso Colombo solo il 22 giugno! Quindi sono già passati 3 mesi! Colombo era il direttore della cazzetta. Per il primo spareggio, fu creata ad hoc una squadra con meno di 11 giocatori per farla ritirare e dare così la vittoria all’i***r. Nel secondo spareggio è stata affrontata la Libertas Firenze, che era fallita a fine campionato e quindi bersaglio facile. Una cosa che ho notato è che hanno fatto fare gli spareggi anche a squadre che sul campo si erano già salvate!! Mi piace far notare questa cosa (ma solo io l’ho notata?) perché lo spareggio, se si deve fare (ribadisco SE, visto che non erano previsti ma è stato un cambiamento di regole in corsa), lo fa chi è già retrocesso! Non chi è salvo! Attenzione: non si tratta di spareggi del tipo Parma-Bologna 2005! Lo dico per chi dovesse confondere le due situazioni (erano a pari punti, quindi nessuna delle due era salva). Se andate a vedere, ci sono accoppiamenti di squadre salve contro squadre retrocesse o addiritura squadre salve contro altre salve in alcuni casi! E quindi l’i***r fu ripescata a spese del Venezia (salvatosi in campionato, concludendo terzultimo) e si evitò la B (luglio 1922).
    Manca la questione doping, che qualcun altro ha già citato. Aggiungo solo la positività di Zaglio e altri i***risti in una partita tra Juve e i***r della stagione 1961-62 finita 2-2. “Le pillole non le prendevamo di spontanea volontà; casomai, ce le mettevano altri nel caffè”. Queste, le confessioni di Zaglio di molti anni dopo.
    Manca il caso scommesse Genoa-i***r del 1983, dove Bagni segnò il 2-3 dell’i***r a 5 minuti dalla fine e fece saltare la combine facendo perdere milioni di lire ai compagni di squadra. E anche qui c’è da approfondire, mi limito a linkarvi 2 fonti:
    http://www.ju29ro.com/altri-scandali/101-inter-il-caso-genoa-inter-198283.html
    Avrei dovuto linkare 2 fonti. Ma purtroppo qualche coglione ha fatto cancellare la pagina del caso Genoa-i***r da Wikipedia. Che vergogna!! Era fatta anche bene…
    Manca la Coppa UEFA di Ronaldo 1998. Nei sedicesimi di finale l’i***r affronta il Lione in Francia. Deve ribaltare l’1-2 dell’andata. Viene convalidato a Moriero un gol in fuorigioco di 5 metri e viene negato un rigore (a giudicare dalle immagini, ce ne poteva stare anche un altro; sempre per i francesi) al Lione. Risultato finale 1-3. Pare che l’arbitro, il giorno dopo la partita, fu avvistato con una valigetta Louis Vuitton che avrebbe contenuto la modica cifra di 300.000 Franchi.
    Su Farsopoli, quando parlate di Nucini e Facchetti dite che la Juve, per cose simili, ha subito quello che ha subito. Non credo proprio! Non sono d’accordo: non mi risulta che Moggi si incontrasse in parcheggi di periferia con arbitri in attività e prOmettesse loro colloqui di lavoro in banca come invece faceva Facchetti. Dovevate dire “La Juve, questo, non lo faceva”!
    Sul caso Telecomi***r dovete aggiungere le cose che stanno uscendo da 10 giorni a questa parte.
    Manca il caso di Fiorentina-i***r degli anni ’60 in cui Lo Bello concesse 2 rigori regalati all’i***r nel giro di 2 minuti e se ne andò scortato dalla polizia a fine partita.
    Sull’i***r mafiosa di Moratti 1 andava aggiunto anche il fatto che è stata 100 partite (a cavallo di 3 stagioni, mi pare di ricordare) senza avere un rigore contro:
    http://www.ju29ro.com/archivi/articoli/altri-scandali/34-altri-scandali/102-inter-991-partite-senza-rigori.html
    E sul doping recente, andavano aggiunte anche le rivelazioni di Georgatos.
    Penso di aver detto tutto. Al limite, aggiungerò qualcosa in seguito.

  7. Articolo eccellente per la chiarezza e l’ampiezza delle informazioni….sarebbe interessante un articolo dello stesso tipo sul milan e Galliani….c’e’ sempre un silenzio tombale ed imbarazzante sul milan, nessuno dice mai nulla, perche’?……forza juve

  8. Italo Allodi purtroppo è stato pure alla Juventus, e qualcosa di poco chiaro l’ha combinata pure da noi. Tutta la “Banda degli Onesti” attuale, integrata da Abete, Petrucci, Guido Rossi, Auricchio e Narducci, in confronto, non sono riusciti a fare nemmeno un decimo di pasticcerie che ha fatto questo solo uomo.

  9. prescritti da R A D I A R E……………. ! ! !

  10. ma guardate la foto con attenzione:
    si vede che è stato pagato per tirare fuori questa storiella
    Poveraccio,mi fa quasi pena

  11. Ma che stà succedendo alla Juventus? Quando finiranno tutte queste schifezze millantatorie contro di noi? Che ci azzecca a 16 anni di distanza tirare fuori un retroscena del genere. Se ci fosse stata combine Amorusa avrebbe dovuto sbagliare il calcio di rigore che sancì il pareggi dei parmensi, perché altrimenti la Juventus avrebbe vinto il titolo di campione d’Italia in anticipo. E poi scusate ma in uno stato di diritto le accuse vanno provate, altrimenti dovrebbe scattare, in automatico la controquerela.

  12. Alexander De Large

    ARTICOLO ECCELLENTE….MANCA SOLO UNA COSA…L’ECATOMBE PER MORTI DI TUMORE DELLA GRANDE INTER! CITATA TRA L’ALTRO NEL LIBRO DI FERRUCCIO MAZZOLA(FRATELLO DI SANDRO ED EX DELL’INTER DI HERRERA) CHE PARLA DELLE “STRANE” PASTIGLIE CHE IL “MAGO” SCIOGLIEVA NEI CAFFè….E DELLE CRISI CHE COLPIVANO I GIOCATORI NEI POST PARTITA….
    MORALE? LA GRANDE INTER NON SOLO COMPRAVA GLI ARBITRI! MA ERA ANCHE DOPATA! (ALMENO 8 MORTI DI TUMORE TRA CUI FACCHETTI)
    ECCO PERCHè HANNO ACCUSATO LA JUVE DELLE STESSE COSE…LORO VINCEVANO COSI’…

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi