Lazio - Juventus: non gli abbiamo fatto vedere palla

Lazio – Juventus senza storia: non gli abbiamo fatto vedere palla

Lazio – Juventus senza storia: non gli abbiamo fatto vedere palla

Lazio – Juventus 0-3. Ci sarebbe solo da scrivere: ”Mamma che Juve!” e chiuderla qui; tanta è stata la Juve Sabato sera. Al cospetto di una Lazio che si presentava con uno dei migliori attacchi della serie A e ambiziosa di poter centrare il terzo posto in solitaria, la Juve ha reso tutto semplice e …

lazio-juventus-editorialeLazio – Juventus 0-3. Ci sarebbe solo da scrivere: ”Mamma che Juve!” e chiuderla qui; tanta è stata la Juve Sabato sera. Al cospetto di una Lazio che si presentava con uno dei migliori attacchi della serie A e ambiziosa di poter centrare il terzo posto in solitaria, la Juve ha reso tutto semplice e lineare. Non c’è stata proprio partita. Buffon ha avuto un paio di grattacapi da Candreva che tirava da Trastevere ma tutto lì.

Un primo tempo che con un poco più di istinto criminale poteva già chiudersi sul 2-0. Un secondo tempo in scioltezza, dove si poteva finire anche più di 3-0. Stavolta Marchetti non ha fatto il super-uomo come in altre occasioni. Se c’è stato un super-uomo quello è stato Paul Pogba. Stratosferico. Gigante di fatto e di piede. I controlli su certi passaggi sono stati da cineteca. La freddezza sui gol, da primo della classe. Se questo ragazzo osa e resta umile, diventerà uno dei migliori del mondo in pochissimo tempo. Forse già lo è e non lo sa. O meglio, non diciamoglielo.

La Roma ha vinto a Bergamo sul campo di una delle ultime fra le lamentele di Colantuono che è romanista di tifo dalla nascita e in generale non è un piagnone. Nessuno se lo caga. Ha parlato chiaramente di gestione della partita pro-Roma da parte dell’arbitro. La Roma ha poi vinto solo con un gol di scarto. Se ci fosse stato un allenatore a lamentarsi contro di noi apriti cielo, titoloni a go go e se ne parlerebbe per giorni. A Colantuono nessuno lo fila. Lo scrivo solo io. Nessuno ne parla.

E che dire dell’esultanza dei giocatori romanisti al fischio finale? Nemmeno avessero vinto la Champions battendo il Real Madrid. E quelli tesi dovremmo essere noi? Non siamo neppure a metà campionato un pari o una sconfitta ora non pregiudicano nulla e questi vivono le partite come fosse l’ultima giornata. Occhio che fino a Maggio a qualcuno gli saltano le coronarie. Voglio vedere a gestire tutta sta tensione fino ad allora.

Noi invece tutti tranquilli e sorridenti. Pare che tutto giri come deve girare. Il nuovo modulo è ben assimilato anche se Bonucci nella difesa a quattro mi dà qualche patema. Tevez 15 metri più indietro mi pare vada addirittura meglio di prima, che già andava forte. Marchisio è rigenerato. Pereyra un’ottima sorpresa e uomo assist; gli manca solo qualche gol. Se proprio vogliamo mettere i puntini sulle i, manca qualche cross per la capoccia di Llorente, altra arma che farebbe un gran bene al nostro arsenale.

Che dire della Domenica delle altre? Il Napoli impatta 3-3 con il Cagliari (fategli le standing ovation a Zeman fategliele che noi godiamo) e il Toro perde in casa col Sassuolo dopo aver sbagliato l’ennesimo rigore (e c’è ancora chi dice che un rigore gli ha fatto perdere un campionato), direi che manca solo di vedermi il pessimo (di questi tempi) derby di Milano fra due squadre mediocrissime come non mai. Chi vincerà l’uomo dal palmares di cartone appena tornato oppure la squadra con più rigori assegnati al mondo? Direi che comunque vada, per loro, sarà un insuccesso. Chi ci odia ci insegua.

3 commenti

  1. per tre anni abbiamo creduto alla storia del 352 come unico modulo possibile per mancanza di esterni che saltassero l’uomo dando addosso alla dirigenza perchè non prendeva i vari Di Maria, Nani ecc., forse è il caso che ci cospargiamo il capo di cenere.

  2. Gran partita con la Lazio ,Pogba super ……inizia a mettere la palla in rete come Tevez e gli riesce molto bene, se vuole diventare uno dei più forti deve per forza segnare , fra tutti gli altri Pereyra ha fatto molto bene e faccio un applauso anche a Padoin a sinistra….

    Sulle avversarie penso che il Napoli sia stato quello più forte degli ultimi anni ,però oggi non è al livello dei tempi di Cavani-Lavezzi ….
    La Roma troppe chiacchere e poca sostanza ….ho letto poi che Gervinho e Keita partono per la coppa d’africa , sarà un duro colpo per loro.
    Per le milanesi invece è crisi senza fine , il Milan ha sbagliato a cacciare Seedoorf e l’Inter infine prova a cambiare faccia con Mancini……. se vanno bene si giocheranno un terzo posto con il Napoli …. sempre che una tra Sampdoria, Udinese ecc..ecc , non faccia il colpaccio

    forza Juve e avanti tutta per la champions

    saluti

  3. Juve spettacolare con la Lazio. Citerei anche un’enorme Tevez e anche Padoin perché è incredibile la capacità di adattamento a qualsiasi ruolo di questo giocatore. L’unico che non mi é piaciuto è Vidal che sembrava svogliato e ha sbagliato diversi passaggi. Infine un plauso anche a Mattiello che ha tirato una bordata paurosa da fuori con un gran salvataggio di Marchetti. Ci vuole grande personalità x fare una cosa del genere e chissà che questo ragazzo non sia il futuro della nostra fascia sinistra. Un plauso ad Allegri che lo ha gettato nella mischia e che mi pare abbia più coraggio di Conte con i giovani. Sabato sera Allegri era veramente scatenato nei richiami alla squadra altro che compassato. Una splendida Juve che speriamo con il nuovo modulo si confermi mercoledì sera. Ultima cosa: la faccia di Lotito a fine partita non ha prezzo, neanche un episodio dubbio cui aggrapparsi o recriminare. Semplicemente schiantati dai più forti e se andava dentro il palo su tiro alla Del Piero di Pogba che è stato fantastico in questa partita ma che come dice giustamente Allegri deve diventare la normalità x uno come lui.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi