Lazio-Juventus, conferenza stampa Allegri | Video

Lazio-Juventus, la conferenza stampa di Allegri [Guarda]

Lazio-Juventus, la conferenza stampa di Allegri [Guarda]

Lazio-Juventus, conferenza stampa Massimiliano Allegri: il tecnico bianconero è concentrato e ottimista anche per il passaggio del turno in Champions

juventus-lazio-allegriLazio-Juventus, conferenza stampa Massimiliano Allegri. Il tecnico della Juventus si è presentato oggi davanti ai giornalisti per anticipare il match in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Sarà una Juve incerottata quella che partirà per la capitale, poiché mancheranno all’appello diversi titolari: sarà convocati anche il 17enne Romagna. “Romulo convive con la pubalgia – ammette Allegri – e oggi valuteremo se sarà a disposizione per il match con la Lazio. Riguardo Evra, lui è quasi guarito e sarà a disposizione sicuramente da mercoledì. Caceres, invece, tornerà dopo il derby col Torino, così come Marrone che è l’unico che ha avuto una ricaduta”.

La Juventus giocherà dunque un ciclo di numerose partite in pochi giorni con gli uomini contati, soprattutto in difesa. I risultati fin qui hanno confortato le scelte di Allegri, ma a gennaio probabilmente si dovrà tornare sul mercato:

Per ora siamo contati in difesa ma finora la squadra ha fatto comunque bene visto che abbiamo la miglior difesa del campionato. Questo è un dato confortante. Pirlo? Lui potrà giocare domani contro la Lazio, anche se devo valutare ancora bene la sua tenuta visto che è rientrato solo da dieci giorni. Vidal? E’ arrivato a 48 ore dalla partita – ammette – , non so se partirà dall’inizio. La scorsa sosta non è stata positiva. Dobbiamo quindi fare tesoro di quanto imparato allora ed farci trovare pronti già da domani.

Quanto alla presunta polemica Conte-Agnelli, Allegri dribbla abilmente ed evita ulteriori discussioni:

Sono contento che i miei giocatori vadano in Nazionale. Fare polemiche a distanza, però, non serve a niente. Dovremmo ritrovarci col CT a Coverciano per cercare di confrontarci e migliorarci in vista futura. Questo credo sia uno spunto di partenza. Nel calcio italiano ci sono ottimi allenatori e preparatori atletici – sottolinea – , confrontandoci si può migliorare a livello di campo. Io alla Lazio? Con loro avevo parlato quest’estate. Alla fine non abbiamo fatto niente e sono arrivato alla Juve. La Lazio ha un’ottima organizzazione di gioco, viene da una sconfitta e sarà quindi molto arrabbiata. Può ambire ad arrivare terza, ha giocatori di ottima qualità, come Candreva, Mauri, Klose o Djordjevic ad esempio. Dobbiamo essere pronti e non pensare sia facile.

L’attenzione è rivolta tutta alla sfida di domani, dunque, ma Allegri non può far finta che in settimana ci sia l’importantissima trasferta di Malmoe, che deciderà la sorte dei bianconeri in Champions League:

La Juventus ha le possibilità di passare il turno, ma bisogna arrivarci – dice – Dobbiamo fare 6 punti in queste ultime due partite, perché è tutto ancora aperto. Parleremo delle prime otto quando passeremo il turno. Se pensiamo già alla Champions? No, abbiamo il dovere di pensare prima alla Lazio.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi