L’allegria di Allegri | JMania

L’allegria di Allegri

L’allegria di Allegri

(Di Gaver) Leggo continuamente di un allenatore che tenta di dirottare le attenzioni dei più verso binari che gli possano dare maggiormente credito, un allenatore che spera in un finale di stagiopne che possa mascherare limiti propri palesi, un allenatore (ed un dirigente) che ispira alla cospirazione e di quella cospirazione conservano un segno tangibile …

(Di Gaver) Leggo continuamente di un allenatore che tenta di dirottare le attenzioni dei più verso binari che gli possano dare maggiormente credito, un allenatore che spera in un finale di stagiopne che possa mascherare limiti propri palesi, un allenatore (ed un dirigente) che ispira alla cospirazione e di quella cospirazione conservano un segno tangibile persino nei meandri piu intimi. Vero, il gol di Muntari è stato molto importante, decisivo… per quella partita. Forse!
Ma in quella partita, breve parentesi, ci fu anche un gol netto annullato a Matri ed il successivo pareggio dello stesso attaccante bianconero.
Quindi, volendo ridurre il tutto ad un mero gioco infantile da cortile, dovremmo con un pallottoliere contar tutto e dire che quella partita, mancando la smentita del campo, sarebbe finita 2-2, con buona pace dei telefonini dei nostri “amici”.
Ma il calcio, quello vero, è altro, e Galliani & Allegri lo sanno. Sono uomini di calcio e sanno perfettamente che il campo non può essere ridotto ad un solo episodio, seppur importantissimo come il gol del ghanese che prega per uno scudetto.
Il campo è programmazione, è atletica, è psicologia… E Conte, in tutta la stagione, è stato superiore, anche in virtù del recente passato bianconero ed anche per le differenze (su carta) che separavano i due schieramenti.
Ma capisco Allegri, la sua particolare “allegria”, il suo tentativo di esulare tensioni enormi che lo attanagliano, dopo aver perso la Coppa Italia contro l’eterna rivale, una Champions contro un Barca tutt’altro che stellare anche in virtù di SUE programmazioni errate (Thiago Silva?), ed ora indietro di un punto dopo esser stato avanti di 7 (dopo lo scontro diretto) ed aver perso malamente in casa punti contro Fiorentina e Bologna.
A memoria contemporanea, un fallimento maggiore tra le grandi può vantarlo solo la Roma, che però ha l’attenuante del nuovo allenatore.

Volendo proseguire nel famoso gioco da cortile, inviterei l’allegro Mister anche a fare un bagno con la “cera”, ed ammettere i numerosi episodi (più di ogni altra squadra) che han visto fortunata la sua squadra, invece di menzionare sempre Firenze e Muntari.
Sono tanti, non li cerco su Google, invito voi a farlo… Ma Bologna (braccio scandalo di Seedorf), Parma (auto tunnel di Ibra), Genoa (mani di Nesta), Roma (doppio fallo prima del gol decisivo) e che sono quelli che al volo mi vengono in mente, valgano circa 8 punti!
Beh, se poi confrontiamo la classifica dei rigori, li non c’è davvero storia, il Milan è assolutamente campione d’Italia… e senza adoperarsi neanche per la metà delle azioni gol proposte dalla Juve.
Finisce qui la disamina polemica, perché altrimenti andremmo avanti in eterno, ma  è voluta per un  semplicissimo motivo… Il calcio è un pallone che scorre sull’erba, non una smorfia davanti alle telecamere, e questo torneo ricorderà Allegri (al di la del risultato finale) soprattutto per al sua continua “allegria” dinanzi alle telecamere.
Dall’altra parte, però, avrà il contraltare di un tecnico arrivato dalla B, e capace di adattare la propria squadra ad ogni evenienza, di saper cambiare modulo, di essere riuscito a valorizzare giocatori sui quali in pochi scommettevano (Giaccherini, Bonucci, Borriello), di aver saputo gestire anche situazioni di carattere monumentali per la società come la presenza di un’icona come Del Piero che, anche grazie a Conte, sta facendo ancora il Capitano!
I campionati non si vincono in sala stampa, ma sul campo, cercando di rimediare ad errori dei quali siamo stati gli artefici.
Allegri la propria allegria dovrebbe trasformarla in saggezza calcistica, accettare quanto di buono e di meno buono egli ha prodotto, e non scaricare altrove per una palese incapacità di saper accettare giudizio.
Contro la Roma rischiò Thiago Silva già infortunato, perdendo uno dei centrali più forti al mondo per un suo errore di valutazione e non per il gol di Muntari.
Poi, aver messo un po’ da parte El Shaarawy in un momento di gran forma del ‘faraone’ ed aver riproposto un Robinho impalpabile è un suo errore e non del gol di Muntari.
Una preparazione che ha portato negli ultimi periodi il Milan ad annaspare anche contro squadre non motivate è un errore del suo staff e non del gol di Muntari.
A prescindere da come andrà, e per la bellezza di un campionato che dall’estero ormai non tutti ci invidiano, per il futuro Allegri & Galliani pensino a quello che non hanno fatto, piuttosto che agli episodi dei quali si sentono vittime. Altrimenti, per onestà, dovremmo stilare una classifica che comprenda tutti gli episodi, e non solo quelli che ci appassionano di più.
Ma smetterebbe di essere calcio! E noi vogliamo che il calcio sia ancora in mano (e nei piedi) degli interpreti sull’erba, e non nelle battute e nelle illazioni scontate di chi tenta di rendere invisibili i propri errori.
Saluti .

3 commenti

  1. Il prossimo anno, dove andrà ad allenare il mister Allegri?
    Potrebbe restare al Milan e “vincere tutto” …… come quest’anno.

  2. …….E poi ditegli di “SPINGERE”…… che forse domenica ci sorpassa!!!!!!!!

  3. Allegri ora non ti lamenti: all’Inter hanno negato un Goal alla Muntari, hanno continuato a perseverare regalando al Milan rigori inesistenti e favoritismi fino alla fine.

    Dite a Galliani che metta sul telefonino per prima la Foto che ritrae lo STENDARDO JUVE con la 3^ STELLA ed a seguire la rete alla “Muntari” negata all’Inter accompagnato dal rigore “Inesistete” con le immagini dei “Favoritismi” ricevuti durante l’anno.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi