La Juventus saluta l'Europa: 1-1 nel ghiaccio di Poznan | JMania

La Juventus saluta l’Europa: 1-1 nel ghiaccio di Poznan

La Juventus saluta l’Europa: 1-1 nel ghiaccio di Poznan

La Juventus resta di ghiaccio e saluta l’Europa. I bianconeri pareggiano 1-1 contro il Lech nella trasferta di Poznan. Un pari che non basta per proseguire l’avventura europea, anche in virtù della vittoria del Manchester City sul Salisburgo. Al gol di Rudnevs nel primo tempo, risponde Iaquinta a 6′ dalla fine. Libertazzi, al 90′, manca …

La Juventus resta di ghiaccio e saluta l’Europa. I bianconeri pareggiano 1-1 contro il Lech nella trasferta di Poznan. Un pari che non basta per proseguire l’avventura europea, anche in virtù della vittoria del Manchester City sul Salisburgo. Al gol di Rudnevs nel primo tempo, risponde Iaquinta a 6′ dalla fine. Libertazzi, al 90′, manca la rete della possibile vittoria. Un gol che avrebbe potuto raddrizzare una partita che doveva essere rinviata. Il rammarico più grande, infatti, è per le condizioni meteo che hanno reso quasi impossibile giocare. Alle temperature polari (si è iniziato a -9°), si sono aggiunti campo ghiacciato e bufera di neve. Per l’Uefa nessun problema, così come per i padroni di casa, sicuramente pià abituati a certi climi. Nessun alibi, comunque, per una Juve che ha lottato fino all’ultimo, anche se il tecnico bianconero Del Neri, a fine partita, ha commentato: «Partita irregolare».

BESTIA NERA – Campo non riscaldato e ai limiti della praticabilità per la Juve nella trasferta sotto zero di Poznan. Il terreno di gioco è una lastra di ghiaccio, ma per il delegato Uefa si può giocare. Così le squadre scendono in campo, quando il vento si affievolisce e consente alla temperatura di “salire” a un quasi accettabile -9°. Del Neri si affida a Del Piero e Iaquinta in attacco, mentre in difesa c’è l’esordio del giovane Camilleri e quello dal primo minuto di Traore. Per i padroni di casa recupera Rudnevs, protagonista con una tripletta nella partita d’andata. L’attaccante si conferma vera bestia nera della Juve: al 12′ porta in vantaggio il Lech con un bel colpo di testa su calcio d’angolo. Brutto colpo per i bianconeri, che sembrano patire più dei polacchi le condizioni meteo. Il Lech prova a spingere, e sempre Rudnevs sfiora il raddoppio. Scampato il pericolo, la squadra di Del Neri comincia ad affacciarsi nell’area avversaria e si rende pericolosa prima con Sissoko, chiuso all’ultimo in corner, e poi con una conclusione di Iaquinta deviata in angolo. Il freddo, però, non consente grandi giocate. A rendere la situazione ancora più complicata arriva anche la neve, che comincia a cadere fitta sul terreno di gioco. La Juve, comunque, non molla, e va vicina al pareggio con una punizione di Del Piero che il portiere del Lech, Kotorowski, non trattiene. Bonucci arriva per primo sul pallone, ma non sfrutta al meglio l’occasione.

SOTTO ZERO – In avvio di ripresa le condizioni meteo, se possibili, sono ancora peggiori. L’unica novità è il cambio di pallone: da quello bianco (praticamente invisibile), a quello rosso, decisamente più appropriato alla situazione. Pronti, via, e sempre Rudnevs si rende pericoloso con un diagonale che esce al lato. La Juve prova a rispondere con Pepe, e cerca con insistenza di proporsi in avanti. Neve e ghiaccio, però, continuano a rendere praticamente impossibile costruire buone trame di gioco e le azioni più pericolose nascono spesso da errori degli avversari. Il Lech inserisce forze fresche prima con Kilkut al post di Krivets, e poi con Mozdzen per Rudnevs. E subito Kilkut per poco non approfitta di una disattenzione di Chiellini calciando fuori da ottima posizione.

IAQUINTA NON BASTA – Anche Del Neri decide di cambiare, con Lanzafame che prende il posto di Pepe. Il più pericoloso dei bianconeri resta sempre Krasic, e proprio dal serbo arriva una delle azioni migliori per la Juve con un bel cross per Del Piero che di testa manda di poco fuori. Entra anche Melo per Sissoko, ma l’assalto dei bianconeri si arena sulla neve che sempre più fitta si ammucchia sul campo. Del Neri prova il tutto per tutto, con il giovane Libertazzi che entra per Traore (non al meglio). L’ultimo sprint regala il meritato pareggio a Del Piero e compagni: Iaquinta all’84’ trova il gol dell’1-1 che regala le ultime speranze qualificazione. La vittoria potrebbe arrivare al 90′, ma il colpo di testa di Libertazzi non è abbastanza forte.

«Partita irregolare». Non ha dubbi Gigi Del Neri che, ai microfoni di Mediaset, esprime il suo rammarico per la prematura eliminazione della Juve dall’Europa League. I bianconeri hanno pareggiato 1-1 contro il Lech nella trasferta di Poznan, in una partita pesantemente condizionata dalle condizioni meteo. «Stasera se le condizioni fossero state diverse molto probabilmente avremmo vinto -dice il tecnico della Juve- Così è difficile giocare, non si vedevano neanche le righe del campo. Abbiamo concesso poco e niente, e lottato fino all’ultimo. Peccato. Se siamo usciti, però, non è stato per questa partita, ma perché dovevamo fare meglio nelle precedenti». Del Neri prova a vedere il bicchiere mezzo pieno: «Ci dispiace, e c’è grande rammarico, perché ci tenevamo a fare bene in questa competizione. Purtroppo il calcio è strano. Ad ogni modo adesso non avremo impegni infrasettimanali e questo ci consentirà di recuperare qualche infortunato».

BACHERO – Anche il tecnico del Lech, Bachero, la pensa come Del Neri, nonostante i polacchi abbiano ottenuto la qualificazione: «Fosse stato per me, questa partita non l’avrei fatta giocare».

Credits: TuttoSport
Fracassi Enrico

4 commenti

  1. LECH HA VISTO PALLONE (praticamente invisibile) E LE RIGHE DEL CAMPO- AVEVANO NOKTOWIZOR.
    LA JUVE ANDATO MEGLIO QUANDO CAMPO C’ERA GIA’ BIANCO, ALMENO HA FATTO UN GOL, NEL PRIMA PARTE ERA TROPPO VERDE è NN RISCITO. DOVETE GIOCARE SOPRA LE ALPI E DAL GIUGNI FINO MARZO PERCHE IN ITALIA TROPPO CALDO , PUO ARRIVARE 40 GRADI SOPPRA ZERO. MEGLIO CHE COMPRATE IL SIG.RUDNEVS.
    QUESTO TEMPO VI HA SALVARO ONORE SIGNIORA DI….NEVE.

  2. hanno giocato dai!! era da preoccuparsi se venivano skiacciati!

  3. Nel gelo della tundra non abbiamo avuto infortunati,è gia’ una vittoria. Ora sotto col campionato !

  4. Juventinonelsangue

    Nulla da dire sull’impegno dei ragazzi,però quando non si mette la palla in porta,va a finire così.Ah,non so a voi,ma a me sto Camilleri è piaciuto,mi auguro che il mister lo riproponga.Sempre e comunque FORZA JUVE!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi