La Juve assediata dai media, di Pirlo la prima querela | JMania

La Juve assediata dai media, di Pirlo la prima querela

La Juve assediata dai media, di Pirlo la prima querela

Che la Juventus sia assediata dai media è ormai un dato di fatto. Chiunque indossi la maglietta bianconera viene subito fatto oggetto di inchieste mediatiche prive di fondamento e che nessuno si sarebbe mai sognato di mettere su quando indossavano maglie di altri colori. Oltre ai vari Buffon, Conte e Bonucci, in questi giorni è …

Che la Juventus sia assediata dai media è ormai un dato di fatto. Chiunque indossi la maglietta bianconera viene subito fatto oggetto di inchieste mediatiche prive di fondamento e che nessuno si sarebbe mai sognato di mettere su quando indossavano maglie di altri colori. Oltre ai vari Buffon, Conte e Bonucci, in questi giorni è stato attaccato anche Andrea Pirlo, tramite un articolo apparso sull’Espresso che ha tirato fuori la presunta ascendenza Sinti (i cugini dei Roma) e i suoi investimenti nel siderurgico. “Sono anni che questa storia circola e non ho mai capito chi l’abbia messa in giro, io come tutta la famiglia sono di Brescia, l’articolo conteneva falsità, procederò per vie legali”, ha spiegato il centrocampista della Juventus e della nazionale a ‘Vanity Fair’. “Sono affari miei, sono cose che abbiamo da diversi anni, sono cose che no dovrebbero essere scritte. Può sembrare che abbiamo troppi soldi, che abbiamo guadagnato troppo e a me non piace quando si parla di soldi. Se ho guadagnato tanto e’ perché me lo sono meritato, la gente non deve essere invidiosa. L’Italia ha un problema di invidia quando si parla di soldi e verso noi calciatori, sembra che tutto sia regalato”, ha proseguito Pirlo parlando dei suoi investimenti, prima di tornare a parlare di calcio e dello scudetto appena conquistato.

“Ero convinto di poter fare una grande stagione, ma non pensavo così incredibile, senza neppure una sconfitta. Dopo dieci anni di Milan, non e’ stato facile cambiare, ho valutato tante cose e ho scelto la squadra che mi sembrava avere le maggiori motivazioni. Posso giocare ancora a questi livelli forse 4-5 anni, se mi sento bene, mi diverto ancora, poi mi piacerebbe fare qualche campionato in America, non sono il tipo da vacanza in Dubai o Cina, cercherei un’esperienza di vita interessante per me e i miei figli. Voglio continuare a vincere. E poi, quando smetto, mi piacerebbe fermarmi per un paio d’anni. Girare l’Italia e il Mondo con la mia famiglia. Non ho rimpianti, ho seguito il mio sogno, ma per giocare mi sono perso un pezzo di vita e penso che me lo riprenderò”, ha spiegato Andrea.

Sull’omosessualità nel calcio, infine, l’ex milanista ha chiarito: “Ne abbiamo parlato a volte tra compagni di squadra, tutto e’ possibile e per me non sarebbe certo un problema, ma non mi e’ mai sembrato di averne incontrati. Sul coming out in Italia non siamo pronti, non so cosa sarebbe della carriera del calciatore, in Italia si darebbe tantissimo risalto alla cosa”.

5 commenti

  1. Mi pare che il filone di pensiero diffuso alla Juve sia del tipo
    “dimostriamoci superiori, non reagiamo e andiamo avanti col nostro lavoro”. Lo stile Juve porterebbe a questo. Il punto è che le perle, i porci, non le meritano.
    E’ l’ora di mettere via fioretto e guanti e passare allo “stile Bud Spencer”.
    Badilata di merda a noi, carriola di merda a voi.
    Io sono stufo di sto permissivismo. Essere tutelati da altri giammai. E allora tiriamo fuori i bastoni e cominciamo a restituire le mazzate. Basta immobilismo, dai più è interpretato come paura e gli sciacalli non aspettano altro.

    O si dà fuoco alle polveri e si decide di intraprendere una linea dura, DURISSIMA, fatta di querele, denunce e richieste di danni o, una volta per tutte, si lascia questo ambiente di merda.

    Da perdere hanno tutto loro.
    Perchè la Juve non si fa forza del proprio peso, della propria storia, della stima incondizionata che provano all’estero (Real, Man Utd e via dicendo) nei nostri confronti e mettiamo tutto sul piatto?

    Fuori dai denti: o la si pianta con questo gioco perverso o gli stadi ve li riempite col Borgorosso F. C., i diritti tv ve li trovate dimezzati e la vostra amata nazionale ve la fate con l’Internazionale, con gli amanti dell’usato garantito e coi ciucci dalle accoppiate formidabili tipo Maggio-De Sanctis.

  2. Alessandro Magno

    bene ha aperto una strada chissà che la seguono anche altri

  3. La notizia non dovrebbe essere che Pirlo stia “querelando” questi signori che non fanno evidentemente bene il loro lavoro.Ma che la stessa cosa , oltre che più logica non la stiano facendo anche gli altri vittime come sono, delle calunnie di chi si nasconde dietro un tesserino professionale.

  4. hermione cosa vuoi dire scusami non ho capito che centranno conte agnelli elkan marotta buffon e bonny???loro per me sono innocenti

  5. Grande PIRLO…spero che AGNELLI,ELKANN,BUFFON,CONTE,BONUCCI….inizino a ripulire …la nostra povera ITALIA dai Calunniatori iscritti ad un ORDINE PROFESSIONALE.. che la DEONTOLOGIA non la conosce e quindi non la fatica…e si guadagna da vivere…Calunniando i Cittadini Onesti e coprendo e salvando i DISONESTI…CORROTTI…PRESCRITTO…BUGIARDI.INTERCETTATORI..CORRUTTORI….

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi