Kutuzov accusa i media: "Mie parole su Conte manipolate ad arte" | JMania

Kutuzov accusa i media: “Mie parole su Conte manipolate ad arte”

Kutuzov accusa i media: “Mie parole su Conte manipolate ad arte”

Oggi le sue parole non le leggerete su nessun quotidiano: Vitaly Kutuzov smentisce quanto pubblicato nei giorni scorsi da alcuni quotidiani, parlando senza mezzi termini di “manipolazione delle sue dichiarazioni”. L’obiettivo è quello di rovinare la reputazione di Antonio Conte, per cui ogni mezzo va bene. Dopo aver già smentito tutto dalle colonne del ‘Corriere …

Oggi le sue parole non le leggerete su nessun quotidiano: Vitaly Kutuzov smentisce quanto pubblicato nei giorni scorsi da alcuni quotidiani, parlando senza mezzi termini di “manipolazione delle sue dichiarazioni”. L’obiettivo è quello di rovinare la reputazione di Antonio Conte, per cui ogni mezzo va bene. Dopo aver già smentito tutto dalle colonne del ‘Corriere del Mezzogiorno’, ieri l’ex attaccante del Bari è stato ospite di Fabio Ravezzani, ha ribadito il suo stupore per la pubblicazione da parte del ‘Corriere della sera’ di stralci delle sue deposizioni: “Io ho detto non di più e non di meno di quello che sanno tutti e alla fine più o meno ho ripetuto le parole di tutta la squadra. Alla fine non so come ci son rimasto in mezzo io…” . Quindi, come ribadito dai suoi compagni, Conte era all’oscuro di qualunque macchinazione: l’esatto contrario di quanto pubblicato da alcuni giornali. “Diciamo che una cosa detta in una maniera, girata in un’altra maniera, diventa cattiva, è un gioco di parole”, prosegue Kutuzov, che poi insiste: “Il Corriere della sera scrive qualcosa che non può sapere”.

Nonostante si sia tirata in ballo una partita a promozione in A già raggiunta, Kutuzov precisa che “Conte ha cercato di motivarci fino all’ultimo momento fino all’ultima partita, lui si è comportato come un allenatore per il quale il campionato non era finito. Ci faceva i complimenti, diceva: vinciamo l’ultima partita e facciamo festa”. Infine, sottolinea la bontà dei suoi rapporti con l’attuale tecnico bianconero: “Avevo un rapporto buono col mister e adesso si è rovinato e non so come guardarlo in faccia; e continuo a dire che è un grande allenatore e un grande uomo, e vorrei chiamarlo e parlarci tranquillamente, ma sono in difficoltà nel parlare con lui… E’ una storia creata per vendere giornali, finirà per far uscire mister Conte ancora più forte e deciso a non mollare mai. Anzi, quando finisce squalifica, quello non esce più e vince il campionato”.

Ascoltate voi stessi l’intervento di Kutuzov:

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=FtJWGbCxD34[/youtube]

6 commenti

  1. Ma se dovessero approvare la legge sulla diffamazione sui giornali la cazzetta che farà?

  2. Ho ascoltato l’intervento di Kutuzov a Tele Lombardia, la cosa che più indignava il giocatore era, non solo la mistificazione del contenuto della sua deposizione all’Autorità Giudiziaria, ma soprattutto la scelta di tempo con la quale si era deciso di tirare fuori questa bufala: l’immediata vigilia della “partita dell’anno”. I medesimi organi di stampa, nei giorni precedenti, non avevano perso occasione per dare fiato e risalto alla congerie di malignità, di volgari allusioni e sospetti di illeciti messi in campo da quel galantuomo di De lamentis e dai suoi lagnosi dipendenti. Fin quando la Juve non deciderà di reagire con determinazione, querelando e richiedendo i danni a tutti coloro che continuano a infangare la sua storia sportiva e la dignità dei suoi tesserati, non ne usciremo mai.

  3. Kutuzov è un uomo non uno quaquaraquà come Carobbio che ha venduto anche la madre per 30 denari.

  4. Grazie Kutuzov,nn ce n’eravamo affatto accorti….corriere e gazzetta riescono a mascherare tutto così bene….

  5. capitan sparrow

    Attenzione: bruciato Kutuzov ne potrebbe comparire un altro…..

  6. Grazie per aver confermato quanto tutti già sapevamo…

    Eh ma noi Juventini abbiamo manie di persecuzione… 🙂 che brutta gente sospettosa siamo. e pure paranoica.

    Gazzetta e Corriere mi han rotto le sfere.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi