Krasic, come rifiutare un milione di euro pur di arrivare alla Juventus | JMania

Krasic, come rifiutare un milione di euro pur di arrivare alla Juventus

Curioso retroscena di mercato rivelato da Gianluca Di Marzio durante la trasmissione “Speciale è sempre calciomercato”, in onda su Sky Sport. L’esperto del settore dell’emittente satellitare ha rivelato che l’esterno serbo della Juventus, Milos Krasic, pur di trasferirsi in bianconero, oltre ad aver spinto il Cska ad abbassare le pretese per il suo cartellino, avrebbe …

Curioso retroscena di mercato rivelato da Gianluca Di Marzio durante la trasmissione “Speciale è sempre calciomercato”, in onda su Sky Sport. L’esperto del settore dell’emittente satellitare ha rivelato che l’esterno serbo della Juventus, Milos Krasic, pur di trasferirsi in bianconero, oltre ad aver spinto il Cska ad abbassare le pretese per il suo cartellino, avrebbe rinunciato a ben un milione di euro di ingaggio, tanta era la sua voglia di vestire i panni del dopo-Nedved per la Vecchia Signora. «La Juve non dipende da me. I paragoni con Pavel Nedved sono un onore». Milos Krasic è il trascinatore della Juventus. Il serbo ha realizzato una tripletta nel successo per 4-2 che i bianconeri hanno ottenuto contro il Cagliari. «La cosa più importante è che abbiamo vinto, i miei tre gol vengono dopo. Voglio ringraziare i tifosi che ci hanno sostenuto per tutta la partita. Grazie a loro e a chi mi ha aiutato, mi sto trovando bene qui alla Juve. Ora spero di continuare a ricambiare il loro affetto», dice Krasic dal sito della società torinese. «Juve Krasic-dipendente? Assolutamente no, siamo un grande collettivo e ci aiutiamo uno con l’altro, questa è la nostra forza», aggiunge l’ex giocatore del Cska Mosca. Krasic è sbarcato a Torino dopo una trattativa estenuante tra la Vecchia Signora e il club russo. Ora, dopo appena un mese bianconero, l’esterno ha conquistato tutti. Si sprecano i complimenti e c’è chi si sbilancia con complimenti impegnativi: Krasic viene accostato a Pavel Nedved, un altro esterno biondo che ha fatto la storia della Juve. «Per me –dice Krasic– è un onore essere paragonato a un campione come lui, farò di tutto per cercare di seguire le sue orme. Ma soprattutto per cercare di fare bene per Juve».

Fracassi Enrico – Juvemania.it

2 commenti

  1. Ma perchè un giocatore deve essere paragonato per forza ad un altro?
    Non si può essere campioni senza assomigliare a questo o a quello del passato?
    Diamo tempo al tempo e vediamo se Krasic, che è ancora giovane, saprà essere determinante come i vecchi campioni juve.

  2. Krasic l’erede di Nedved? Non direi, Pavel è stato grandissimo e sapeva essere mezza punta e centrocampista completo; piuttosto nella sua potenza di corsa e nella capacità di aggredire gli spazi mi ricorda un altro grandissimo juventino:Zbigniew Boniek!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi