The king of football | JMania

The king of football

The king of football

“Zio non sei al mio livello procurati uno sgabello, per impiccarti intendo Sogni infranti: INCEPTION! Scusa hai un suono diverso? Chiamalo toilette ma resta pur sempre un cesso!” (Marracash) (Di Alessandro Magno) Tutto è andato come doveva andare. Ogni juventino sapeva da giorni che l’Inter non poteva reggere, noi siamo una squadra, loro sono un …

“Zio non sei al mio livello procurati uno sgabello,
per impiccarti intendo
Sogni infranti: INCEPTION!
Scusa hai un suono diverso?
Chiamalo toilette ma resta pur sempre un cesso!” (Marracash)
(Di Alessandro Magno) Tutto è andato come doveva andare. Ogni juventino sapeva da giorni che l’Inter non poteva reggere, noi siamo una squadra, loro sono un ricovero di ex buoni giocatori, campioni o presunti tali. Li ha tenuti in piedi la voglia di fare la partita della vita come sempre è stato contro di noi. Ci abbiamo messo 6 anni, solo 6, a normalizzare di nuovo la cosa. Se pensiamo che in questi anni noi siamo stati buttati all’inferno e loro son stati catapultati sul tetto del mondo, la cosa ha del miracoloso. Sono cresciuto che la Juve era la Juve e l’Inter era una barzelletta, quasi sempre, anche quando era zeppa di campioni. Ho visto la Juventus asfaltare spesso e volentieri i nerazzurri e quando raramente perdeva, era per loro la partita che salvava una stagione. Ho sempre pensato che il loro odio verso di noi fosse nostro motivo di orgoglio, per questo in questi ultimi tempi mi incavolavo parecchio a sentire tifosi caricare questa partita di significati che storicamente non ci appartengono.
Sentivo cose del tipo: ”Mi basta vincere con loro e poi pure andare fuori dalla coppe va bene”… Ma quando mai ragazzi, mi rifiuto di interizzarmi, preferisco perdere con loro e vincere lo scudetto, sempre, a prescindere. E’ proprio questo modo di pensare che di fatto ci faceva vincere contro loro, l’essere mentalmente superiori. Da sempre i forti siamo noi e gli scarsi i mediocri, sono loro. Non sono anti-interista, mi fanno pena.  “I nerazzurri se la facevano sotto ogni volta che ci incontravano” diceva Camoranesi, e questo è. Grazie soprattutto ad Andrea Agnelli  per tutto questo, per averci riportato nella posizione che ci compete.

Veniamo alla partita che fra l’altro è iniziata negli spogliatoi con una stupida polemica. Loro si son sentiti offesi perché nel tunnel dove si cambiano i giocatori, campeggiano 29 scudetti invece che 27, l’han presa come un offesa personale (coda di paglia?). Non hanno pensato evidentemente, che questo è il nostro stadio a differenza di loro che non ne hanno uno, e che quei 29 scudetti li abbiamo messi li in bella vista per tutti, non solo per loro. Hanno risposto appendendo la maglia di Facchetti al di fuori del loro spogliatoio, come nel loro stile, si son nascosti dietro qualcuno che non c’è più e che non può parlare. Può solo essere strumentalizzato, poveraccio, come infatti avviene.
La partita in campo quindi è andata secondo previsioni, noi affrontavamo loro come se fossero l’Inter e nulla più, loro affrontavano noi come se fosse la finale di Champions League. Dovevano vincere per salvare una stagione che dire mediocre vien da ridere, e come da copione han perso. A onore del vero Buffon ci ha tenuto in partita nel primo tempo, un po’ per stanchezza nostra (avevamo fatto 120 minuti tirati Martedì), un po’ per meriti loro, come detto.

Poi la Juventus è salita in cattedra. Nel secondo tempo li abbiamo annichiliti. Non c’è stata più partita, il 3-0 sarebbe stato sacrosanto e strameritato. Conte ha effettuato le sostituzioni finalmente per tempo, cambiando modulo alla squadra. Siamo passati dal 4-3-3 al 3-5-2 e questo ha consentito di bloccare le loro scorribande sulle fasce (soprattutto di Maicon e Obi) e di aumentare il nostro peso a centrocampo. Ultima, ma non per questo trascurabile, ha buttato nella mischia Del Piero per un tempo intero, cosa che molti di noi fra cui io, si erano auspicati più volte in passato, e ”The King” lo ha ripagato alla grande. Ora voglio dire che dopo un bel numero di partite, tutti abbiamo imparato a conoscere pregi e difetti del nostro mister. Conte ha alcune fissazioni, in particolare due. Quella di non buttare mai via la palla, cosa che facciamo a volte pure in area e mi procura sempre molta tachicardia, e attuare il pressing alto per andare subito alla riconquista di questa. Ora va da sé che Del Piero ha 37 anni, e non può fare il pressing alto per più di una decina di minuti, come d’altronde non riesce per una partita intera, neppure agli altri attaccanti più giovani che spesso, vedasi Matri, finiscono solo per sfiancarsi. Quello che intendo dire è che questo pressing alto (che nessuna squadra Italiana attua in questo modo) a volte è producente, altre volte è solo un dispendio notevole di energie, quindi in definitiva, non ce lo ha ordinato il medico di giocare sempre così.
A mio modestissimo parere penso che alcune volte conviene dare invece un poco di respiro alla manovra, contando sulla qualità piuttosto che sull’agonismo. Ieri Conte finalmente pare averlo capito. I migliori momenti della Juve e le migliori cose in campo, si sono viste con Del Piero e Vucinic insieme, autori di tocchi davvero pregevoli. Mirko purtroppo ha rovinato la sua prestazione con un errore (orrore!) davvero macroscopico. Si guardasse un po’ di video del Barcellona, lì Messi avrebbe fatto un pallonetto. Per il resto che cosa posso aggiungere? Dalle parti di Milano continuano ad accadere cose strane, meglio sorvolare. A noi resta l’orgoglio per i nostri ragazzi, per questo Mister, per questo Stadio e questo immenso vecchio-Capitano… E non è poco. Tutto il resto è noia.
Sotto a chi tocca, avanti il prossimo. Noi ci siamo.

19 commenti

  1. Non mi è mai piaciuto parlare di complotti, ma vedere l’andamento dei campionati post farsopoli fa davvero riflettere!

  2. Alessandro Magno

    andrea@ effettivamente ho scritto stanchezza e poteva leggersi stanchezza fisica in realta’ intendevo stanchezza mentale perche’ dopo aver fatto 120 minuti tiratissimi con il miln e 15-20 buoni contro l’inter abbiamo abbassato la guardia forse pensando che la partita si potesse vincere facile.
    Per quanto riguarda i favori arbitrali io credo proprio che la juve sia in credito vedi genoa gol regolare annullato e 8 rigori non dati di cui almeno 4 clamorosi. Non capisco dal tuo conto come escano 6 punti in piu’ per noi ma va bene son conti tuoi.
    Al milan solo nelle ultime 2 giornate mi pare ci sia un gol irregolare con ibra che sI fa passare la palla sotto le gambe quindi e’ assolutamente partecipe dell’azione e quindi in fuorigioco e anche con la roma se pure il rigore c’e’ mi pare che c’e’ anche un fallo precedente di el sharawy. E’ incredibile come tutte ma proprio tutte le decisioni arbitrali dubbie, al milan vengon date favorevoli. E’ anche incredibile come i loro rigori capitino quasi tutti in momenti decisvi mentre a noi proprio non esistono. io dico questo che e’ quello che vedo. Sono convintissimo che per la federazione lo scudetto e’ stato assegnato al milan ad agosto e’ un po da contratto post farsopoli prima e’ passata all’incasso l’inter ora tocca al milan magari poi tocchera’ al napoli vedremo. La verita’ e’ che anche agnelli ha fatto intendere che dobbiamo lottare contro tuttoe tutti
    e mi sembravano parole abbastanza chiare sul chi andassero a parare

  3. Non regge l’argomentazione sul primo tempo. Se noi fossimo stati stanchi per la Coppa Italia, il crollo fisico si sarebbe dovuto far sentire nel secondo tempo. Nel primo abbiamo giocato male ed eravamo schierati peggio. E non ho capito il “Dalle parti di Milano continuano ad accadere cose strane, meglio sorvolare”: perché se si parla di favori arbitrali è meglio evitare, dato che almeno 6 punti li abbiamo anche noi grazie a degli ottimi favori.

  4. Alessandro Magno

    ESONERATO RANIERI AH AH AH AH NON POTEVA CHE FINIRE COSI JUVE INTER -TUTTO SECONDO COPIONE

  5. nulla di che ragazzi ha scritto rivolto a me ” stai zitto ladro”…..due volte. Come vedete nulla di importante. Mancano persino di fantasia gli onesti da prescrizione.

  6. Bravo Mork,anche a me resta la curiosità su quanto ha scritto l’ennesimo mentecattoprescritto e frustrato che viene a scassarci la minchia qui………….comunque visto che qui c’è già chi lo ha munito di sgabello e corda, io mi offro di fare il resto…….un saluto

  7. JM così non vale, ora mi resta la curiosità…..che cavolate ha scritto tale “oli” ?

  8. L’amico Oli dopo aver trovato lo sgabello,lo fornisco io di corda…

  9. Si sarà andato a trovare uno sgabello come da mio consiglio 😀

  10. L’amico Oli ci ha lasciato (digitalmente) 😀

  11. grande kurtz ma come ben saprai ha piu’ titoli del piero in 20 anni di carriera che i prescritti in cento anni di storia……storia…..insomma di eta’ 😉

  12. Io faccio parte della generazione, quella del nostro immenso capitano, che reputa i prescritti come un aborto storico, figlio della farsa del 2006. Gli unici veri antagonisti, almeno negli ultimi quattro, cinque lustri, per quanto mi riguarda, sono sempre stati gli amichetti di Meani e dello Zio Fester. Scusate il razzismo calcistico, ma i tifosi dell’Atalanta di Milano gli ho sempre considerati ontologicamente inferiori, tanto da aver maturato, ad un certo punto, anche un sentimento di pena nei loro confronti. Nonostante la messa in scena di qualche anno fa, consapevole che gli ultimi cinque anni di storia del calcio italiano sono stati inquinati dalla fraudolenta epurazione dal calcio italiano della nostra amata, i prescritti continuo a reputarli tali, alla stessa stregua della Roma, della Lazioe dei napolicchi. Anche se con molti, ma molti più soldi a disposizione.
    Pertanto la soddisfazione nel bastonarli non è mai nulla in confronto di quella che provo nel vedere la mia squadra prendere a pallettate i meanisti. Per questo, vincere questo scudo per me sarebbe qualcosa di strepitoso. Anche se, pur essendo il calcio il luogo dell’impossibile (vedi finale meravigliosa dei meanisti contro il Liverpool o il cinque maggio), dopo la partita di sabato le mia speranze sono ormai ridotte al lumicino.
    Un grazie speciale al nostro immenso capitano. La nostra storia, il nostro orgoglio, colui che continua ogni giorno a farmi ringraziare il buon dio per non avermi creato prescritto o meanista. Noi siamo la Juve, loro al netto di farsopoli sono niente.

  13. Anche io faccio parte della generazione, quella del nostro immenso capitano, che reputa i prescritti come un aborto storico, figlio della farsa del 2006. Gli unici veri antagonisti, almeno negli ultimi quattro, cinque lustri, per quanto mi riguarda, sono sempre stati gli amichetti di Meani e dello Zio Fester. Scusate il razzismo calcistico, ma i tifosi dell’Atalanta di Milano gli ho sempre considerati ontologicamente inferiori, tanto da aver maturato, ad un certo punto, anche un sentimento di pena nei loro confronti. Nonostante la messa in scena di qualche anno fa, consapevole che gli ultimi cinque anni di storia del calcio italiano sono stati inquinati dalla fraudolenta epurazione dal calcio italiano della nostra amata, i prescritti continuo a reputarli tali, alla stessa stregua della Roma, della Lazioe dei napolicchi. Anche se con molti, ma molti più soldi a disposizione.
    Pertanto la soddisfazione nel bastonarli non è mai nulla in confronto di quella che provo nel vedere la mia squadra prendere a pallettate i meanisti. Per questo, vincere questo scudo per me sarebbe qualcosa di strepitoso. Anche se, pur essendo il calcio il luogo dell’impossibile (vedi finale meravigliosa dei meanisti contro il Liverpool o il cinque maggio), dopo la partita di sabato le mia speranze sono ormai ridotte al lumicino.
    Un grazie speciale al nostro immenso capitano. La nostra storia, il nostro orgoglio, colui che continua ogni giorno a farmi ringraziare il buon dio per non avermi creato prescritto o meanista. Noi siamo la Juve, loro al netto di farsopoli sono niente.

  14. ciao ragazzi come sempre grazie.
    Dna il mio titolo era un piu’ maccheronico kung del football come dalla canzone king del rap di marracash conoscete? la redazione ha optato per un piu’ corretto king of football va bene.
    Del piero e’ da clonare niente da aggiungere.

    Oli io devo stare zitto in casa mia? A juvemania? Piuttosto tu che cacchio ci fai qui non ti son bastate quelle di ieri sera? Ah ah ah masochista allora. Comunque e’ inutile che ti affanni a scrivere tanto appena mi e’ possibile ti faccio cancellare e copriti che a -18 muori di freddo 😀

  15. Oli, l’hai presa bene!

  16. oli, vedo che l’hai presa bene!

  17. Il contratto tra la Juventus e Del Piero dovrebbe essere modificato con l’aggiunta della clausola “Rinnovo Tacito” 🙂

  18. Urge rinnovo contratto Alessandro Del Piero per un altro anno:magari ci fossero giocatori così di 37 anni.Come dice Numero7,con cui mi trovo pienamente d’accordo,se giocano Giggs e Scholes in Premier ed hanno 39 e 37 aa rispettivamente non vedo perchè non debba giocare ancora nella Juventus Del Piero.Del Piero SEMPRE E SOLTANTO con una maglia quella della Juventus!

  19. Non c’era titolo migliore…
    incomincio a pensare che il mister Conte stia pensando al 3-5-2 come modulo da adottare da qui alla fine del campionato, o almeno fino a che la matematica non ci dica siete fuori x la lotta scudetto.
    dico questo perchè dalle parole dette ieri sera da Conte(mi serve uno che la butti dentro),mi lascia pensare che stia pensando a Del Piero come 1^punta,senza farlo correre troppo e molto vicino all’area.
    abbiamo visto tutti cosa ha fatto con milan ed inter il Nostro N°10…

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi