Juventus news

Juventus: rivoluzione nella Comunicazione e Relazioni Esterne

Scritto da Redazione JM
Nell'ottica del rinnovamento e dell'irrobustimento societario voluta da Andrea Agnelli, la Juventus ha effettuato un vero e proprio restyling in due settori strategici: la Comunicazione e le Relazioni Esterne. Lo comunica la stessa società con una nota apparsa sul sito Juventus.com: tra le new entry, spicca il nome di Federico Palomba, proveniente dal gruppo RCS (Corriere della Sera, Gazzetta dello Sport).

"La Juventus intende ampliare la relazione tra il club e i nuovi media (internet, social network, mobile) e in quest'ottica ha ripensato l'organigramma della Direzione Comunicazione e Relazioni Esterne, guidata da Claudio Albanese. Durante il mese di febbraio, infatti, farà il suo ingresso Federico Palomba, che sarà nominato Head of New Media Communication. Palomba proviene da corriere.it (gruppo RCS) dove lascia il suo posto di Content & Marketing Manager e ha precedenti esperienze in Google e Ferrari.
Pertanto la Direzione sarà così composta:


Claudio Albanese: Communication and External Relations Director

Federico Palomba: Head of New Media Communication
Marco Girotto: Editor Manager
Giulio Sala: New Media Officer
Fabio Ellena: New Media Officer e ufficio stampa settore giovanile


Enrica Tarchi: Press Operations Manager e coordinamento editoriale Hurrà Juventus e Juventus Channel
Luca Casassa: Sport Press Officer, ufficio stampa Prima Squadra
Gabriella Ravizzotti: Corporate Press Officer


Flaminia Callieri: External Relations and Charity Officer
Claudia Mijno: Segreteria"

6 Commenti

  • Sono in pieno accordo con Tundra ed Irish.\r\nE’ ora che la Juventus esca dall’ombra e si faccia sentire in modo più duro e che tenda a riottenere quanto gli spetta (scudetti ed indennizzo economico)

  • Finalmente questo restyling ci voleva proprio soprattutto nelle relazioni esterne dove la Juventus, a mio avviso, deve far sentire la sua voce a tutti i livelli. Principalmente nei contatti con i media in generale, che spesso fomentano il mondo dello sport con notizie faziose pro domo loro, accrescendo nell’opinione pubblica quell’antipatia atavica nei nostri confronti che spesso sfocia nella gogna mediatica contro di noi, facilmente riscontrabile nelle trasmissioni sportive domenicali sia sui network pubblici che su quelli privati. Dobbiamo darci una svegliati altrimenti come recitava il titolo di un noto film degli anni 70 ci arrabbiamo. Complimenti ed un saluto affettuoso a Giulio Sala ed a tutto lo Staff di Juventus Channel di cui mi pregio di essere abbonato.

  • Quoto tutto i post di tundra e irish, siamo stanchi di vedere in tv come viene trattata la Juve e il comportamente in campo degli arbitri sempre benevoli con milan e inter!

  • l Presidente Andrea Agnelli e l’Ufficio Stampa della Juve devono iniziare (sono già in ritardo!) a spiegare tutte le menzogne costruite durante gli anni, poi fatte ingurgitare all’opinione pubblica in quei folli 20 giorni del 2006, ed infine dichiarate “Storia” dalla Gazzetta.\r\nServe però una campagna di comunicazione paziente ma continua ed insistente. La Società Juve dovrebbe emettere comunicati e indire periodiche conferenze stampa ponendo domande scomode o spiegando la verità.

  • Il Presidente Andrea Agnelli e l’Ufficio Stampa della Juve devono iniziare (sono già in ritardo!) una Campagna di Controinformazione su Farsopoli; l’opinione pubblica è satura delle menzogne di Gazzetta e Mediaset e vuole la verità. Serve però una campagna di comunicazione paziente ma continua ed insistente. La Società Juve dovrebbe emettere comunicati, interviste ed indire periodiche conferenze stampa ponendo domande scomode. Basta essere timidi! Bisogna passare al contrattacco! cosa teme Agnelli? La ragione e la verità stanno dalla parte della Juve, anzi dello Sport. Svegliamo quei tifosi addormentati dal veleno rosanerazzurro. Occorre, dunque, un segnale da parte della Società che inizi con una campagna di Controinformazione (e non solo di acquisti).

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi