Juventus - Real Madrid: questo bicchiere mezzo... | JMania

Juventus – Real Madrid: questo bicchiere mezzo…

Juventus – Real Madrid: questo bicchiere mezzo…

Ho atteso parecchio prima di inizare a scrivere. Questa partita di ieri sera suscita in me diversi sentimenti e considerazioni contrastanti. La prima questione che mi sono posto a riguardo dei commenti piuttosto entusiasti per la prestazione, in verità assai degna, è se questi commenti sarebbero stati dello stesso entusiasmo se poi il Galatasaray non …

FBL-EUR-C1-JUVENTUS-REAL MADRIDHo atteso parecchio prima di inizare a scrivere. Questa partita di ieri sera suscita in me diversi sentimenti e considerazioni contrastanti. La prima questione che mi sono posto a riguardo dei commenti piuttosto entusiasti per la prestazione, in verità assai degna, è se questi commenti sarebbero stati dello stesso entusiasmo se poi il Galatasaray non avesse perso a Copenaghen. Francamente non credo. Non credo che si sarebbe visto di buon occhio un altra occasione persa, perchè la sensazione così a distanza di molte ore, è che si potesse vincere. L’altra considerazione, diciamo non propriamente ottimistica è la seguente: sento molti parlare di vincere le prossime due gare come una cosa praticamente già quasi certa e non come una cosa al limite, fattibile; voglio ricordare a tutti che la Juve in questo girone di Champions non ha ancora vinto una sola partita, ottenendo una sconfitta e tre pari e che non vince in Champions dalla partita con il Celtic dell’anno scorso. Totale partite senza vittorie 6. Quindi non è che siamo così prodighi di vittorie da considerare le prossime due gare una botta di vita. Sicuramente non lo sarà la trasferta a Istanbul. Bisogna volare basso. Non faccio del pessimismo che non è da me, ma cerco di esser realista.

Venendo alla prestazione, è indubbio che la Juve ha disputato una buona gara. Ora dipende dai punti di vista se è più giusto considerare una prestazione buona perchè si è giocato alla pari contro il Real Madrid e lo si è messo in difficoltà, come gli stessi Casillas e Ancelotti hanno ammesso, oppure se considerarla una prestazione così così, visto che il Real non è che avesse questa gran voglia di vincere e neppure sembrava così terribile. Real che poi nel secondo tempo quando ha accelerato un poco, ci ha messo seriamente in crisi, segnando due gol e andando vicinissimo a un terzo (traversa di Xabi Alonso). Allora forse devo pensare che la Juve è certamente una buona squadra ma non ancora ottima. Una squadra buona per il campionato italiano ma ancora non veramente pronta per l’Europa. Insomma che questo è il nostro massimo attuale: arrivare a giocarsela alla pari con il Real Madrid seppure con un certo timore reverenziale o complesso di inferiorità che dir si voglia.

Io ho visto ad esempio, una certa mentalità combattiva, soprattutto nel primo tempo ma ho visto anche tanta paura di perdere. Nei commenti ho sentito paragoni con la Juve di Ranieri e che la stessa aveva fatto meglio di questa contro il Real. Ma quella Juve aveva ancora giocatori ”Europei” e ”Mondiali” come Del Piero, Nedved, Trezeguet o compagnia bella, mentre questa Juve di quel livello pare avere solo Tevez. Lo stesso Buffon, senza volerlo incolpare di nulla per i due gol presi, pare ormai un portiere normale ed è dall’inizio di questo campionato che prende gol normali da portiere normale. I salvataggi miracolosi, quel tenerci ”in partita” come faceva una volta, sembrano un lontano ricordo. C’è Vidal che sta lavorando per raggiungere certi livelli, però davvero i giocatori di caratura internazionale, quelli che poi quando a tutti tremano le gambe a questi viene ”la cazzimma” si contano davvero sulle dita di una mano. Devo dire che pur considerando la prestazione ottima di Caceres (salvo l’errore), di Vidal e di Pirlo, ritengo che il migliore in campo sia stato Pogba. Probabilmente per indole personale e sfrontatezza giovanile, uno che ha affrontato il Real Madrid come dovesse affrontare il Cazzimperio. Per lui ieri non faceva alcuna differenza.

Ho visto un Conte che ha ”vissuto” in modo forse eccessivo la partita e qualcuno dice che ha condizionato Caceres nel passaggio sbagliato, anche se nelle interviste ha smentito. Il modulo poi ad esempio, questo tanto ventilato 4-3-3 non c’era o era solo sulla carta, se non una vera e propria montatura per gettare fumo negli occhi agli avversari. Abbiamo giocato con un 4-5-1 con Tevez encomiabillissimo a fare l’ala e a volte il terzino.  La Juve col coltello fra i denti l’ho vista solo a tratti e quasi esclusivamente nel primo tempo. A volte sembrava più la paura di scoprirsi che quella di offendere. Il primo tempo, nonostante diverse conclusioni nostre, è finito con un possesso palla del 50% a testa. Buona la prova di sacrificio di Llorente, buona anche la prova da terzino (che non è un terzino) di Asamoah e del già citato Caceres che avevano difronte due dei giocatori più forti e più veloci del mondo: Bale e Ronaldo.

Devo dire in tutta franchezza, e penso che lo stesso hanno fatto molti di noi, ieri si è passati dall’illusione di poterla vincere, alla paura di perderla e di brutto. Alla fine quando il Real negli ultimi 5 minuti faceva una ”penosa”, ma a loro utilissima melina, alla nostra squadra stava benissimo il pari e si vedeva, e non so dirvi se questo sia giusto o meno. Probabilmente devo dire che anche da casa e sugli spalti a quel punto stava bene il 2-2 e il rimandare ancora per l’ennesima volta il discorso qualificazione alle partite che verranno. Ripeto: non so dirvi se questo sia veramente giusto o meno.

Una partita dove si sono viste cose molto buone e altre meno buone. Ai ragazzi non gli si può rimproverare probabilmente nulla se questo è il loro massimo. Si parlava oggi del se puntare alla qualificazione o al campionato o all’Europa League. Io punterei a quello che viene senza fare tanti pronostici. La prossima volta vorrei vederli solo più arrembanti e fare meno calcoli. La storia insegna che per vincere questa Coppa bisogna giocarsele tutte e non far calcoli. Speriamo iniziamo a farlo dalla prossima partita.

Foto Getty Images – Tutti i diritti riservati

18 commenti

  1. non posso che approvare tutto.
    anche il mio pensiero resta questo: abbiamo sempre qualche buon motivo per credere che si poteva fare meglio e che le cose si aggiusteranno prima o poi….

    non resta che crescere, aspettare e fare le scelte giuste.

    il problema è proprio questo:
    Marotta ha dato una squadra migliore dello scorso anno a Conte?
    Conte sta spingendo sull’acceleratore?
    I giocatori sono adeguati al livello e al ruolo in cui giocano?

  2. Il primo tempo di ieri della Juve è stato ottimo, come non vedevo da tempo.

    Tuttavia a mio parere la nostra squadra può competere con Real, Barcellona, Bayern Monaco solo se è al top fisicamente, se corre a 100 all’ora (come il primo tempo di ieri)ma appena rallenta, non c’è partita nel senso che le squadre che ho citato anche se giocano male o non sono fisicamente al top, hanno comunque dei fenomeni specialmente in attacco che basta un’azione, un’errore difensivo come quello di Caceres ieri per fare subito goal.
    A mio parere noi manchiamo molto di freddezza sotto porta…le azioni si sviluppano sulla fascia poi palla indietro,poi palla sull’altra fascia e si tenta sempre di sfondare centralmente.
    E’ un po’ il gioco del Barcellona solo che loro hanno Messi e quindi ti inventa gol impossibili.

    I calci d’angolo sono sempre battuti palla a terra pur avendo Llorente in attacco. Infatti al primo cross decente ricevuto ha segnato. Ma che senso ha avere un attacante di quasi 2 metri se non gli si fanno i cross?
    Caceres ha fatto si quell’errore però prima gli ho visto fare interventi straordinari ed io lo proverei sulla fascia destra perchè i cross li sa fare.

    Insomma abbiamo una buona squadra il risultato di ieri non è da buttare visto la vittoria del Copenaghen, ma l’errore più grande che potremmo fare è quello di dare per scontato di battere i danesi in casa. Mi sa che dovremo sudarcela la qualificazione..

  3. @Magno..
    Detto che Pirlo non l’ho mai visto col sangue agli occhi, gioca con calma (che significa ragionare sempre prima di fare qualcosa) e riesce a trasmetterla anche ai suoi compagni.. Non mi sembra un istintivo.. è uno di quelli che usa bene il cervello e sa già cosa fare prima che gli arrivi il pallone.. Ora credo che Pirlo e Barzagli (ma ci aggiungo Chiellini e Marchisio) risentano di un campionato 2012-2013 giocato senza avere cambi, alla quale va sommato una nefesta Confederation’s Cup.. Non ti riposi, salti la preparazione, ti alleni per entrare in forma il prima possibile per arrivare in condizioni decenti alla supercoppa italiana.. poi inizia il campionato e le partite ogni tre giorni.. Difficile essere in formissima e giocare al massimo dal punto di vista fisico.. solo il star bene fisicamente può farti avere il sangue agli occhi, altrimenti pensi a gestirti.. sappiamo tutti che non abbiamo una panchina lunghissima (due anni fa non avevamo neanche una squadra.. ;)) quindi i nostri migliori hanno poche occasioni per tirare il fiato e quando ci sono, c’è la nazionale con Prandelli, che anche a qualificazione acquisita non li esime dalla convocazione.. (un tempo non si provavano nuovi giocatori a qualificazione conseguita??)

  4. L’unica cosa che non mi e’ proprio piaciuta e’ come Conte ha fatto giocare Tevez, praticamente sempre lontano dalla porta…. Conte dice sempre di voler vincere ma poi, di fatto, mi sembra abbia piu’ paura di perdere che il coraggio di vincere …. anche quando attacchiamo, si ha la sensazione che lo facciamo sempre un po’ col freno a mano tirato … forza juve

  5. *errore ho scritto vialli volevo dire ravanelli 🙂

  6. Ciao ragazzi allora eccomi qua al solito vi ho letto uno per uno come faccio sempre vi saluto e vi ringrazio come sempre. mi pare che nel mio piccolo ho centrato abbastanza nel segno perchè dai vostri commenti vedo che anche fra di voi ci sono sensazioni contrastanti quindi questo bicchiere è pieno o vuoto a seconda da dove lo si gurda.

    mi pare la sintesi esatta è quella di enzo, qui facciamo tutto noi davvero nel bene e nel male. speriamo di farlo in futuro solo nel bene.

    ci tengo a precisare su pirlo e barzagli l’appunto che mi fa giustamente juver e in qualche modo mi collego anche a quello detto da cuorebianconero.

    sicuramente gente come pirlo e barzagli hanno il curriculum dei grandi , io dau n poco di tempo a questa parte vedo e forse è una mia impressione che pirlo gioca un poco per la platea e barzagli che è sempre ottimo mi pare giochi con una calma olimpica del tipo ” quando ho fatto il mio vada come vada”. ripeto è una mia impressione magari mi sbaglio . i due sono ottimissimi non fraintendetemi pero’ non vedo quel sangue agli occhi che è di quelli che vogliono emergere. in sintesi sono due giocatori arrivati che forse giocheranno ancora un anno max due o tre. diverso era il discorso di vidal o di pogba che magari vogliono emergere. è in quel senso che non ho citato pirlo e barzagli magari sbagliando ripeto.

    questo si ricollega anche a quello che dice cuorebianconero in quanto è vero che lippi avevai n rosa gente che non era di caratura internazionale, il probglema è che poi lo sono diventati tanto è vero che è stato poi possibile vendere vieri vialli jugovic paolo sousa dilivio torricelli padovano eccetera eccetera tutti pagati abbastanza poco e rivenduti come top player o quasi. ecco forse da noi mancano ancora questi giocatori che ”forse” diventeranno di caratura internazionale” ma adesso non lo sono. io penso che chiellini lo stesso marchsio se recupera lo stesso caceres se sta bene o llorente su cui nutro molta fiducia lo possono diventare. probabilmente ancora gli manca un poco di quel sangue agli occhi. almeno a livello europeo. spero di essermi spiegato bene senza fraintendimenti.

  7. alessandro magno

    al solito vi sto leggendo tutti appena posso vi rispondo

  8. L’unica nota positiva (apparte la sconfita del Galatasaray) e il fatto che seppur ultimi abbiamo il destino della qualificazione in mano nostra e non dipendiamo da altri. Se non si vince con il Copenhagen a Torino e non si fanno punti ad Instanbul meglio evitare ulteriori figurace in Champions.
    Una domanda a tutti. Visto che in Champions giochiamo con il 4-3-3 o 4-5-1 non possiamo giocare anch in campionato in questa maniera in modo che i giocatori (specialmente i difensori) perfezioni un po i movimenti di questo modulo??

  9. Ciao Ale, complimenti come al solito. Quello che penso io è che molto semplicemente ancora non siamo abituati, come collettivo, ad affrontare partite del genere. Abbiamo giocato un buon calcio, quando ci siamo trovati in vantaggio però si è vista la paura di perderlo… E questo è quello che fa la differenza. Ma è un percorso che dobbiamo continuare, tutto verrà da sè, continuando con questo impegno e questa voglia di vincere. Il Real non ha giocato alla morte, ma noi abbiamo fatto davvero bene. E che ci sia una differenza enorme a livello di organico è chiaro a tutti. Quindi, per me, bene così, continuiamo a crescere, senza illuderci. E come dici tu, adesso dobbiamo pensare a vincere queste due partite, che nonn saranno per niente facili. Forza Juve Sempre.

  10. @magic66: assolutamente, quindi figuriamoci riproporre quell’atteggiamento in Champions quando neanche in Serie A è utile. D’altra parte Napoli e Roma stanno vincendo giocando un ottimo calcio, e alla lunga è il buon gioco che ti premia più delle partite vinte cercando di amministrare il punteggio (Firenze insegna)

  11. a parte che ha ragione il magno quando dice che era più un 4-5-1 che un 4-3-3, bisogna considerare una cosa:
    ronaldo-benzema-bale = 250mln circa
    tevez-llorente-marchisio = 9 mln + bonus
    qualcosa vorrà pur dire

  12. @Edo…. addormentare le partite non funziona neanche in italia …. ti sei gia’ dimenticato firenze?? …. forza juve

  13. io penso che ormai si possa usare il copia&incolla per commentare le nostre partite da 2 mesi a questa parte…sempre la stessa “storia”: “partita dominata, occasioni sprecate, punteggio che va stretto, puniti al primo errore, gol regalato agli avversari, 5-10-15 minuti di buio..”

  14. Bravissimo Ale Magno, uno che è andato a leggersi la classifica e ha visto che siamo ULTIMI nel girone senza averne mai vinta una…
    E lasciamo perdere discorsi tipo “se l’arbitro non avesse espulso Chiellini” , “se il loro portiere non le avesse parate tutte”: questi sono discorsi da interisti piagnucoloni, invece ammettere i propri errori serve a crescere!
    E ammettiamolo, abbiamo i punti che meritiamo, in Europa gli errori si pagano, la mancanza di qualità si paga, la mancanza di concentrazione si paga, non è come in Italia dove ci basta addormentare la partita e aspettare una distrazione degli avversari.

  15. Alcune considerazioni…
    1) il fatto che il Real acceleri un attimo, può essere anche dovuto al fatto che la squadra avversaria (come è fisiologico)non tenga il proprio ritmo per tutta la partita..
    Fatto sta che molti pronosticavano una doppia debacle, con vagonate di gol presi, ma possiamo dire che dal punto di vista del gioco, considerando la doppia sfida, non c’è partita. Poi sono anni che il Real basa la sua politica sportiva sul costruire un insieme di super giocatori (basandosi soprattutto sulle giocate individuali) ma a livello di gioco si fanno preferire molte altre squadre (Bayern, Barça, Juve..)
    2)Considerare solo Tevez di livello mondiale, dimenticando Pirlo, Vidal e Barzagli, lo considero peccato grave.. 😉 Diciamo che mi tengo Barzagli e lascio loro Varane.. 🙂
    3) il 4-3-3 è quello già visto nel primo anno.. Vucinic svolgeva lo stesso lavoro che ha svolto Tevez col Real abbassandosi, in fase di non possesso palla, sulla linea dei centrocampisti..(ed infatti ne risentiva in fase di finalizzazione, visto il maggior dispendio di energia e la minor lucidità) mentre possiamo assimilare il lavoro svolto da Marchisio con quello svolto da Pepe (con maggior qualità visti i micidiali inserimenti salvati da Casillas e Pepe sulla linea, non dimentichiamolo..)

    Loro non saranno nel loro momento migliore, ma forse neanche noi.. 😉

  16. Capitan Sparrow

    Ciao A.M.
    Stavolta mi trovi d’accordo solo in parte. La Juve è questa, il Real è questo. Mi spiego; partiamo dal Real: è la classica squadra di Ancellotti, lenta, compassata, che accelera solo quando non ne può fare a meno. Questa squadra però ha alcuni giocatori (Ronaldo e Bale su tutti) che fanno della tecnica in velocità la loro arma migliore. Acquistare Bale per fargli fare passaggi di 10 metri è uno spreco di denaro e di talento. Il Real è venuto a Torino per fare la partita nel modo che il suo allenatore ha sempre disegnato sul campo: col possesso palla, attendendo l’occasione propizia. Non concordo sul fatto che il Real non avesse voglia di vincere; ci ha provato, secondo i dettami del suo allenatore. Invece ho visto una Juventus che ha nuovamente costretto uno dei più grandi portieri del mondo a superarsi più volte. Quanto alla Juve, sarebbe bene ricordarsi che fra i fondamentali che vengono insegnati in tutte le scuole calcio ai difensori c’è quello di buttare la palla fuori o in una zona del campo in cui non c’è pericolo, quando si viene pressati. Ho rivisto l’azione in TV e mi sono convinto che probabilmente Caceres lo sa, e l’ha fatto pochi minuti dopo in un’azione analoga….. Ultima considerazione, quando si ha un attaccante con quelle caratteristiche, bisogna sfruttarlo al meglio. Continuo ad avere dubbi sul fatto che l’attaccante sia utile alla squadra solo quando tiene palla e smista l’azione ai compagni; mi chiedo: quando segna gol come quello di Fernando martedì, è per caso inutile?

  17. Per vincere bisogna avere anche un pizzico di fortuna. Personalmente Credo che siamo una buonissima squadra sebbene non a livello di alcune big.
    Tuttavia bisogna considerare, per la partita di martedi, l’aspetto psicologico. Fare 60 minuti ad alto livello e subire il pareggio su un nostro errore(a dire il vero quest’anno ci capita spesso) abbatterebbe anche un elefante. Naturalmente il real giocava senza patemi, mentre all’andata anche loro sono andati in crisi nonostante la ns inferiorità numerica.La vittoria ci manca ma non dimentichiamo che due partite sono state disputate con il bayer,
    mentre con i danesi il loro portiere ha fatto miracoli e con i turchi nonostante siamo andati sotto siamo riusciti a ribaltare il risultato.Io credo che andremo avanti e problema sarà di chi affronterà noi escludendo Bayer e barcellona, con le altre giocheremo ala pari.

    musica online gratis link

  18. Cuorebianconero

    Concordo sull’analisi fatta da A.Magno ma ci tengo a voler evidenziare il fatto che il mister Conte ha avuto paura di osare.
    E’ vero che vi sono stati degli errori tecnici nei gol presi ma è anche vero che sul 2-2- avrebbe potuto sostituire Marchisio con Giovinco o Quagliarella, ovvero con una punta vera, ma non lo ha fatto e questo non dipende dai calciatori se hanno o meno una valenza ed un peso specifico europeo; prova ne è la Juve di Lippi che vinse la Champions con giocatori del calibro di Torricelli, Carrera, Marocchi e lo stesso Conte, oltre agli altri campioni che vi erano in squadra, tuttavia quella era una squadra che rischiava, che osava, invece questa la vedo forte in Italia ma paurosa in europa e qua deve necessariamente intervenire Conte, altrimenti saremo sempre una cenerentola europea.
    PS. Io sono un estimatore di Conte, quindi la mia non è un’anailisi contro il nostro mister, ma una valutazione su ciò che vedo.
    FUORI TEMA: CHE FINE HA FATTO PEPE?

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi