Juventus, pronta alleanza strategica con il River Plate | JMania

Juventus, pronta alleanza strategica con il River Plate

Juventus, pronta alleanza strategica con il River Plate

Juventus e River Plate potrebbero presto stringere una sorta di alleanza per sviluppare strategie sportive e manageriali comuni. Lo scrive oggi ‘Tuttosport’, secondo cui il club bianconero starebbe continuando l’opera diplomatica internazionale volta a realizzare una fitta rete di contatti con tanti club sparsi per il Mondo. La dirigenza del River Plate, il club più …

juve-river-sciarpeJuventus e River Plate potrebbero presto stringere una sorta di alleanza per sviluppare strategie sportive e manageriali comuni. Lo scrive oggi ‘Tuttosport’, secondo cui il club bianconero starebbe continuando l’opera diplomatica internazionale volta a realizzare una fitta rete di contatti con tanti club sparsi per il Mondo. La dirigenza del River Plate, il club più titolato d’Argentina, dal canto proprio cerca partner e proprio nel giorno di ferragosto, Mariano Mera uno dei due candidati alla successione di Passarella alla presidenza, ha incontrato Giuseppe Marotta. Il River, ha uno dei vivai più interessanti al Mondo e proprio due mesi fa la squadra Under 17 ha vinto il titolo mondiale per club battendo in finale l’Atletico Madrid.

“Guardando all’Europa, per noi la Juventus è il primo interlocutore con cui dialogare – le parole di Mera riportate da ‘Tuttosport’ -. E’ una questione di storia e tradizione: il River Plate è stato fondato nel 1901, ha vinto 35 titoli in Argentina, due coppe Libertadores e una coppa Intercontinentale. E’ naturale che cerchi di collaborare con un club che abbia requisiti analoghi. Le forme della collaborazione verranno definite dopo il passaggio di consegne all’interno della nostra società, ma l’idea è quella di essere un partner strategico per la Juventus: dare l’opportunità ai nostri giovani di emergere in un grande club italiano e, magari, realizzare anche operazioni come quella di Trezeguet, portando in Argentina campioni maturi, ma che possono ancora dare tanto. Poi si possono fondare academy insieme, per individuare nuovi talenti e aiutarli a crescere. E poi tour per diventare sempre più due club globali”.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi