Juventus - Milan ci sarà Copelli (proprio lui). Quello che Meani... | JMania

Juventus – Milan ci sarà Copelli (proprio lui). Quello che Meani…

Juventus – Milan ci sarà Copelli (proprio lui). Quello che Meani…

Ci sarà Rizzoli a dirigere Juventus-Milan di sabato prossimo. Quel Rizzoli di Juventus-Roma dello scorso anno, protagonista di una gestione quantomeno singolare dei falli, di un recupero nel recupero impossibile da regolamento e della mancata assegnazioen di almeno due rigori netti alla Juventus. A fine partita, fu il Dg Marotta a presentarsi davanti alle telecamere …

Ci sarà Rizzoli a dirigere Juventus-Milan di sabato prossimo. Quel Rizzoli di Juventus-Roma dello scorso anno, protagonista di una gestione quantomeno singolare dei falli, di un recupero nel recupero impossibile da regolamento e della mancata assegnazioen di almeno due rigori netti alla Juventus. A fine partita, fu il Dg Marotta a presentarsi davanti alle telecamere per recriminare su un aribtraggio che privò la Juventus di due punti importantissimi (prima che i bianconeri cominciassero a farsi del male da soli).

[youtube width=”540″ height=”370″]http://www.youtube.com/watch?v=leioDKD01tI[/youtube]

Ma torniamo alla terna (o meglio quaterna) di Juventus-Milan di domenica prossima, poiché nella composizione troviamo il guardalinee Copelli. Per chi avesse la memoria corta,lo scorso Marzo la difesa di Luciano Moggi ha individuato un paio di telefonate ritenute rilevanti dai carabinieri, ma non presenti nelle intercettazioni che hanno costituito la base delle informative del pool del ten. col. Auricchio (chissà come mai), che vede protagonista proprio il guardalinee Copelli e Leonar­do Meani, addetto agli abritri del Milan ai tempi di Calciopoli.

Quella che potete ascoltare nel video seguente risale al 13 maggio 2005 e riguarda la designazione dello stesso Copelli per Lecce-Milan del 15 maggio.

[youtube width=”540″ height=”370″]http://www.youtube.com/watch?v=0-qabwY4z9E[/youtube]

Risale al 16 aprile 2005, invece, un’altra telfonata, di cui trovate la trascrizione in calce, in cui Meani tranquillizza un agitatissimo Cristiano Copelli, assistente che aveva commesso un errore piuttosto grossolano in Sampdoria-Palermo e che era stato attaccato in campo e poi sui media dal ds rosane­ro Rino Foschi.

Copelli: Leo? Ti disturbo? Hai due minuti da dedicarmi?

Meani: Certo, dimmi

C: No, adesso mi sono rotto il *****, sai che non ho mai detto o fatto nien*te, perché ho sempre voluto andare avanti con le mi armi. Ma adesso ba*sta… ieri sera ho visto la trasmissio*ne Sky e c’era Foschi, c’era anche Franco Ordine, De Biasi, l’altro che non mi ricordo che c’è sempre… Sconcerti. Adesso Foschi ha girato…

M: Sì! Ha girato tutto!

C: Ha girato tutto come attacco per*sonale a me, tutto quanto. Io ho chie*sto scusa, io ho sbagliato, la manife*stazione non è stata corretta, chiedo scusa, però questo assistente dopo un errore del genere è inqualificabile, è una persona che non deve prende*re più in mano la bandierina. Andate*vi a prendere tutti gli articoli sono an*ni che ne ha combinato a non finire. Al che Bonan è intervenuto e ha det*to: guardi Foschi, che Copelli è uno degli assistenti internazionali ed è uno che…

M: E’ candidato ad andare ai Mon*diali

C: No, ha detto: uno dei più bravi. Al*lora Foschi ha detto: no, guardi non ha capito, questo non deve più pren*dere in mano una bandierina, non deve più uscire su un campo di cal*cio, è uno dei mali delle partite di cal*cio. E’ intervenuto De Biasi… …. e Fo*schi ha ribattuto: no Gianni, ti cono*sco da tanto tempo, ma non hai ca*pito questo assistente non deve più uscire. E allora no! Non ci sto…

M: Allora sai cosa faccio ora, chiamo Braida che è suo amico, e gli dico: senti, dì a Foschi di piantarla!

C: No, soprattutto, il problema qual è? Lui in campo mi ha detto di tutto e io sono stato zitto…

M: Sì, si vedeva il labiale che diceva: lasciate stare è pazzo, è pazzo!

C: Diceva: adesso ci penso io, ades*so lo distruggo io, ci penso io a muo*vermi… E io sono stato zitto. Ha fat*to delle dichiarazioni da querela e nessuno dei miei capi mi ha detto: Cristiano, al di là del tuo errore, for*se sarebbe opportuno di valutare… vabbè. Mi sono preso le parole, sono stato zitto, perché fa parte del gioco, va benissimo. Siccome ha fatto la fi*gura del coglione e Zamparini gli ha detto che è un coglione. Siccome ha fatto brutta figura con le dichiarazio*ni, ha chiesto scusa, perché fa la bra*va persona, però mi sta sparando a zero con delle motivazioni tecniche che non esistono, io posso aver sba*gliato e chiedo scusa, pago per l’er*rore, mi faccio fermare, ma che deb*ba passare sotto le forche di Foschi questo no, perché è un attacco alla mia persona.

M: Tu stai tranquillo

C: Leo, io sto tranquillo…

M: Tu stai tranquillo che ci penso io, appena passa la partita questa qua con il Chievo mercoledì, io parlo con Galliani, e Galliani lo sa, e gli dico: guardi questo qui è un nostro uomo, quel pirla del Palermo…

C: No, Leo, sì… ma al di là del ‘no*stro uomo’ che ci mancherebbe, il problema è che io credo di essere una persona che può sbagliare, ma che può anche valere, ho dimostrato di saper fare delle cose anche giu*ste, no? Ho parlato con Pierluigi…

….

C: Adesso non posso accettare che Foschi vada in giro a dire certe cose su di me solo perché ha detto in cam*po ai suoi giocatori che mi distrugge*va

M: Ma tu adesso stai tranquillo che ci penso io, sai che ti voglio bene, ve*drai che faremo il massimo. Io so co*me far imbestialire il mio capo: ‘io ti distruggo’ ha detto? ma chi ***** sei, cretino? Non ti preoccupare…

C’è gente cui è stata rovinata la vita senza neanche un’intercettazione, e chi invece, nonostante tutto, continua ad essere al suo posto. Il grande Imbroglio (di prioreschiano conio) sta per finire.

 

13 commenti

  1. potevano fare arbitro mazzola, e guardalinee tronchetti e guidorossi

  2. Ma non disperiamo, se non avranno il buonsenso di restituirci il maltolto, un rimedio ci sarebbe, ma questo sarà l’oggetto della seconda puntata….sempre ammesso che la società Juve decida veramente di affondare il colpo, verso i veri mandanti.

  3. Che farsopoli avesse una maschera deviante….è evidente…. altrimenti certi famosi onesti non avrebbero potuto fare quello che hanno fatto, tutto da SOLI. Avevano complici importanti….molto importanti….
    Ma purtroppo continueranno….ci lasceranno sfogare…per poi…..
    Ma non lo avete capito ancora che le regole le fanno e disfanno loro….?

  4. @magic66 Concordo in pieno!! ..io ne parlo sempre, ma pochi ascoltano, sono accecati dal petroliere accattone.

  5. Appunto,Magic66il tuo intervento è una sintesi di ciò che volevo dirti.Non voglio dire che la”mente creativa”di farsopoli sia Galliani(sarebbe ridicolo creare una trappola e caderci dentro),ma sicuramente sapeva qualcosa e ha avvisato chi doveva.Ma evidentemente è stato tradito dal suo mandante….

  6. quoto magic66……..

  7. @ Darrel Abbot: Secondo me, e penso di non sbagliarmi di molto, Galliani e’ quello che ha fatto partire calciopoli perche’ non avrebbe sopportato di essere messo da parte a favore di moggi…berlusconi lo voleva perche’ era stanco di tirare sempre fuori un sacco di soldi di tasca sua mentre la juve di moggi, come ebbe a dire il compianto avv. Agnelli, era diventata un grande affare, dato che gli agnelli non dovevano quasi piu’ tirare fuori una lira, grazie ovviamente a Giraudo (grande dirigente) e Moggi…..ormai l’invidia milanese per i successi della triade era diventata insopportabile……Enzo Ferrari disse una volta:”In italia ti perdonano tutto, l’unica cosa che non ti perdonano e’ il successo” …. un saluto a te e forza juve

  8. e la juve davanti a questo cosa aspetta a ricusare questo guardialinee? nulla? non lamentiamoci perchè la causa del nostro male la abbiamo in casa per colpa di persone che non ci difendono.

  9. ovviamente era la champions del 2007….ma che volete fa,il 2006 non riesco a rimuoverlo….eheheheheh

  10. Magic66,e ti dirò di più.Moggi è stato di recente nella mia città a presentare il suo libro ed ha raccontato proprio quest’aneddoto.Tutto è successo dopo un trofeo berlusconi,lo stesso presidente del milan,nonchè degno erede di Superman,chiamò Moggi a palazzo grazioli per chiedergli di subentrare a Galliani,e il direttore gli disse subito si.Berlusconi gli chiese di aspettare qualche giorno perchè avrebbe dovuto parlare con calma a Galliani,visto che aveva intenzione di cambiare l’intera dirigenza del club rossonero…..dopo poco tempo,come per miracolo,vennero fuori le prime voci su farsopoli.Ma guarda un po che coincidenza.E di meani che vogliamo dire?era l’addetto agli arbitri,e a detta di galliani,in società non lo conosceva nessuno!come se un datore di lavoro avesse alle sue dipendenze uno che va a rapinare banche per conto dell’azienda,venisse scoperto dalle autorità e dicesse:”No,ma io quello non lo conosco,è solo un millantatore!”.Indi,i rossoneri farebbero bene a starsene un attimino zitti,visto che nel 2006 si sono ritrovati a giocare la champions ed addirittura vincerla….e pensa un po,nel processo(chiamiamolo così)di primo grado,erano stati mandati in B.Ma guarda un pò!

  11. Ma perche’ nessuno spende mai una parola contro Galliani ed il “nano”?….Sono loro i veri padroni del calcio italiano e ovviamente nessuno li attacca minimamente…..quei 2 sono molto peggio di moratti, i veri iniziatori e manovratori di calciopoli….se vi ricordate Moggi, alla scoppio di calciopoli, disse: “maledetta quella volta che sono andato a palazzo grazioli per parlare con berlusconi”…vorra’ pur dire qualcosa, o no?….

  12. Era ed è tutto previsto, quando si affrontano certi loschi figuri o marpioni (come li ha chiamati il DIRETTORE) queste sono le conseguenza da mettere in preventivo. Detto questo, il campo dirà comunque la sua anche se venisse il provolone ad arbitrare coadiuvato da mr.”piaccia o non piaccia” e beatrice..!!! p.s che vadano in MALORA..amen!! ciao..

  13. Se il buongiorno si vede dal mattino……………………..

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi