Juventus-Lione | L'intervista di Gigi Buffon a Tuttosport

Juventus-Lione, Buffon: “Evitare distrazioni”

Juventus-Lione, Buffon: “Evitare distrazioni”

Juventus-Lione: alla vigilia del ritorno dei quarti di finale di Europa League, Gigi Buffon rilascia una lunga intervista al quotidiano torinese

buffon-presenze-zoffJuventus-Lione, parla Buffon. In attesa che oggi parlino in conferenza stampa Antonio Conte e Martin Caceres, Gigi Buffon, capitano della Juventus, ha anticipato alcuni temi dei prossimi impegni in campionato e in Europa League. Se la Juve è ancora in corsa per due obiettivi, il merito è anche di Buffon, che dopo qualche piccola battuta d’arresto iniziale, ha inanellato una serie di parate quasi semrpe decisive: “Da ottobre a oggi credo di aver fatto una delle migliori stagioni in assoluto. Se succede a 25 anni tutti pensano che sia scontato, mentre a 36 ci si aspetta il cedimento e il crollo. Il mio rendimento mi dà molta soddisfazione”, dichiara oggi a ‘Tuttosport’.

Domani ci sarà da affrontare il Lione nel ritorno dei quarti di Europa League e la Juventus parte dal gol di vantaggio dell’andata:

Per conquistare la coppa dovremmo giocare in casa tre delle prossime quattro partite: è una situazione irripetibile. E serve attenzione – puntualizza Gigi -, nonostante l’1-0 dell’andata in trasferta, questo perché affrontiamo una squadra molto matura che possiede grande esperienza in materia di Coppe europee. In Francia – continua – abbiamo accumulato un vantaggio che non è così grande da ammettere distrazioni. Poi si gioca ogni tre giorni, vanno in campo sempre i soliti perché abbiamo avuto qualche problema con gli infortuni e bisogna mantenere alta la tensione. Per questo sostengo che il Lione dovrà essere preso con le pinze: partite come questa rappresentano il miglior viatico per aumentare il nostro feeling con le Coppe europee: alzare al cielo l’Europa League ci darebbe ancora più sicurezza per il futuro, quando torneremo a giocare in Champions.

Tra scudetto ed Europa League, ribadisce il capitano, la priorità ce l’ha lo scudetto, non ancora vinto, visto che la Roma non molla di un millimetro.

Ci sono delle priorità e non possiamo considerare già vinto lo scudetto. E’ vero, abbiamo un buon margine: però io non mi sento ancora al sicuro. Lo smacco della perdita del campionato sarebbe superiore alla gioia per la conquista della coppa. In questo periodo stiamo giocando tanto, non siamo al massimo della freschezza, è chiaro che si debbano fare un po’ di calcoli. Però alla finale di Europa League – prosegue Buffon – manca ancora tanto tempo e mi auguro che prima delle semifinali la Juventus abbia già iniziato ad assaporare in modo più deciso la gioia per lo scudetto. Arrivare a cento punti? Ci interessa poco, il terzo scudetto consecutivo coronerebbe il sogno di tutti noi e renderebbe questo triennio memorabile”.

Marotta ha elogiato in queste ore Tevez e Llorente, che insieme hanno messo a segno qualcosa come 31 gol…

Sono due giocatori determinanti. Carlitos ha aggiunto al nostro organico classe, carica agonistica e rabbia. Fernando si è inserito bene e sta segnando tanto. E’ impensabile che non vadano al Mondiale. Il Napoli? Ha cambiato moltissimi giocatori, allenatore e filosofia di gioco. E’ normale, quindi, che al Napoli possa mancare un po’ di continuità nei risultati. Però, fossi in loro, continuerei ad appoggiare un progetto che mi sembra molto valido. – conclude

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi