Juventus-Lecce 4-0: tabellino, commento, highlights e interviste | JMania

Juventus-Lecce 4-0: tabellino, commento, highlights e interviste

Juventus-Lecce 4-0: tabellino, commento, highlights e interviste

JUVENTUS: Storari, Grygera, Bonucci, Chiellini, De Ceglie, Krasic, Melo (18’st Sissoko), Aquilani (31’st Pepe), Marchisio, Quagliarella (32’st Del Piero), Amauri. All. Del Neri. A disposizione: Manninger, Motta, Legrottaglie, Martinez, Pepe, Sissoko, Del Piero. LECCE: Rosati, Rispoli, Ferrario, Fabiano, Mesbah, Giacomazzi, Jeda (1’st Vives), Grossmuller, Piatti (10’st Munari), Olivera (1’st Ofere), Corvia. All. De Canio. A …

JUVENTUS: Storari, Grygera, Bonucci, Chiellini, De Ceglie, Krasic, Melo (18’st Sissoko), Aquilani (31’st Pepe), Marchisio, Quagliarella (32’st Del Piero), Amauri. All. Del Neri. A disposizione: Manninger, Motta, Legrottaglie, Martinez, Pepe, Sissoko, Del Piero.

LECCE: Rosati, Rispoli, Ferrario, Fabiano, Mesbah, Giacomazzi, Jeda (1’st Vives), Grossmuller, Piatti (10’st Munari), Olivera (1’st Ofere), Corvia. All. De Canio. A disposizione: Benassi, Gustavo, Brivio, Ofere, Munari, Di Michele, Vives.
ARBITRO: Gava
RETI: 17’pt Aquilani, 34’st Felipe Melo (rig.), 44’pt Quagliarella, 37’st Del Piero
AMMONITI: 17’pt Mesbah, 25’pt Olivera, 45’pt Fabiano, 13’st Ferrario, 46’st Grossmuller

IL COMMENTO DI FRANCESCO FEDERICO PAGANI
Delneri era stato chiaro: “Aquilani ci sarà”. Nessun dubbio per l’allenatore friulano, decisissimo a schierare l’ex centrocampista della Roma non solo per via dell’impossibilità di fare altrettanto in Europa League quanto perché in rosa non vi è un altro centrale capace di apportare qualità alla manovra quanto lui. E Alberto ringrazia, fa la riverenza e si sdebita. Tredici minuti ad ascoltare il tic tac dell’orologio. Poi il goal. Che firma con uno dei suoi pezzi forti, una conclusione dalla lunga distanza con la quale buca il malcapitato Rosati, costretto a recuperare palla dal fondo della rete in ben quattro occasioni oggi. Ma non è il solo Aquilani a brillare. Un po’ tutta la Juve, infatti, disputa una prestazione d’alto livello. Basti prendere come esempio Felipe Melo, schifato dai più fino ad un mesetto fa, sommerso dagli applausi al momento della sua uscita del campo oggi. A voler fare i pignoli, comunque, una nota stonata la possiamo trovare: l’incapacità di Amauri di andare in rete. Non a caso la punta italobrasiliana è ancora a secco in campionato. Si batte su ogni pallone, lavora benissimo di sponda, crea spazi. Ma non finalizza, e per una prima punta questa è una pecca piuttosto grave. Al di là di ciò, comunque, altra buona prestazione della Juventus, che dopo le belle prove contro City ed Inter passeggia sul modesto Lecce mettendo in mostra una difesa sempre più solida abbinata alla sempre maggiore puntualità sotto porta messa in mostra già da inizio stagione.

INTERVISTE

ALESSANDRO DEL PIERO

GIGI DEL NERI
“C’è stata una crescita generale, i ragazzi stanno dando il meglio di sé. Il clima è sereno e c’è voglia di fare bene. Melo trasformato rispetto all’anno scorso? Secondo me lui era già così. Ci sono annate che non nascono bene e tutti vanno incontro a prestazioni non all’altezza. Io sapevo che aveva queste qualità. Krasic? È entrato nei meccanismi, noi gli diamo una mano perché si esprima al massimo. Ha una grande aggressività nell’uno contro uno e palla al piede. Se può diventare leader? La sua è una componente importante della squadra, ha ottime caratteristiche, ma ci sono tanti leader in un gruppo. Noi cerchiamo di metterlo nelle condizioni di potersi esprimere bene e lui sta facendo cose importanti non solo per sé, ma anche per i compagni. Aquilani lo conoscevo da giovane, è maturato dal punto di vista tattico. Vicino alla sua, c’è stata una crescita importante da parte di tutti. Non dimentichiamo che il Lecce veniva da un pareggio a Palermo e una vittoria in casa con il Catania, concedere un’occasione ci sta, saremmo utopistici e presuntuosi a pensare di non sbagliare mai, comunque su questa occasione concessa ci lavoreremo”.

ALBERTO AQUILANI
“Non sono un regista, ma un giocatore che ha caratteristiche diverse dai miei compagni. Il mister mi chiede di metterle a disposizione della squadra e sono ben lieto di farlo. Non dobbiamo fare altro che rimanere il più a lungo possibile nei piani alti della classifica, senza esaltarci, ma cercando di migliorare partita dopo partita. La Nazionale? Ci penso certo e spero di raggiungerla, ma per riuscirci dovrò continuare a fare bene con la Juventus. Ho perso l’azzurro per via di un infortunio e ora devo giocare bene e con continuità per riconquistarlo”.

FELIPE MELO
“Dopo le partite contro Manchester e Inter era importante fare una buona gara oggi. Lo scorso anno giocavamo ottime gare e poi facevamo brutte figure contro le squadre meno blasonate. Oggi invece abbiamo dimostrato di essere in grande crescita. Anche nella Fiorentina, quando non c’era Mutu, tiravo io i rigori. Oggi non c’era Del Piero e allora ho provato. Il cucchiaio? Beh, mio padre è arrivato ieri dal Brasile e glielo avevo detto: “Se c’è un rigore, lo tiro e faccio il cucchiaio”…. La nazionale? Quando arriverà il momento ne sarò felicissimo, ma ora devo solo pensare a fare bene con la Juve. Siamo un’ottima squadra, l’intesa con i compagni è ottima, sia con Aquilani che con Marchisio e Sissoko. Krasic? Uno dei più forti con cui abbia mai giocato”.

FABIO QUAGLIARELLA
“Il gol? È vero, potevo anche intervenire di piede, ma l’istinto mi ha detto di farlo di testa, l’importante è che la palla sia entrata. Quest’anno ho il vantaggio di giocare in una grande squadra come la Juve in cui hai più occasioni per fare gol perché si verticalizza di più, chiaro che devi essere bravo e lucido a buttarla dentro. A quanti gol voglio arrivare? Non mi sono mai posto un obiettivo. Questa vittoria è un messaggio a noi stessi per acquistare più consapevolezza nei nostri mezzi. Dopo Manchester e Inter c’è stata un’iniezione di fiducia, partita dopo partita stiamo crescendo, speriamo di toglierci belle soddisfazioni. I prossimi impegni? Se giochiamo da squadra vera possiamo mettere in difficoltà chiunque”.

MILOS KRASIC
“Sono appena al 60% della condizione, perché non ho effettuato la preparazione estiva. Anzi, la sto effettuando adesso, lavorando duro in settimana. Appena mi sarò messo in pari con i compagni, vedrete il vero Krasic”.

5 commenti

  1. Krasic mostruoso, più si và avanti più mi impressiona per quanto è forte!!! Meriti a chi lo ha portato a Torino. Grandi anche aquilani ed il ritrovato melo, il capitano è nella storia dei miti juventini, speriamo di continuare così, peccato solo non avere un attaccante alla dzeko al posto di amauri… se poi arrivasse anche ziegler a rinforzare il pacchetto terzini sarebbe ottimo…

  2. Juventinonelsangue

    Brutto vecchiaccio 36enne….come ti permetti di entrare e addirittura di segnare?Soltanto 178 goals nella tua carriera(miglior marcatore di ogni tempo in bianconero,con Boniperti,ma che sarà mai!),vergognati….e non parliamo di tutti i trofei che hai vinto….eri li per caso…..RIVOGLIO DIEGO E ANCHE EDSON ARANTES DO NASCIMENTO DETTO”GIOVINCO”,non ne posso più di questo vecchio che si permette anche di essere decisivo……AHAHAHAHAHAHAH!CAPITANO…..MIO CAPITANO!

  3. mitico del Piero

    Krasic è divino!!!!!!!!!!!!
    Credo che Marotta dovrebbe acquistare solo giovani come lui disposti a tutto per la juve e solo juve.

    Ecco il vero erede di Del Piero come dovrebbe essere, oltre che un fuori classe, dovrebbe essere pronto a tutto per la Juve

    Tale personaggio non è certo da cercare in cassano che ha dichiarato che dopo gli europei vorebbe ritirarsi, e che quando gli si propone la maglia della juve ci sta un pò a pensare ecc. ecc.

  4. mitico del Piero

    ma che grande quel Del Piero che entra solo 10 minuti, e con una freddezza inaudita segna un gran Goal come quello segnato da Eto’o.
    Fa pena vedere Amauri che quando gli arriva un pallone non riesce mai ad insaccarlo. Non riecse a dribblare ed è molto macchinoso nei suoi movimenti,perdendo più volte la palla. Speriamo che sia solo colpa dell’inattività forzata per il problema muscolare?!

  5. Buona vittoria ripeto terzini e attaccanti e anke l’incapace di del neri potrebbe vincere perke il campionato e scarso di talenti nn voglio pensare se lo scudo lo vincesse la lazio e nn la juventus le unike squadre ke possono battere la juve sono il milan e inter per quando mi riguarda.E lo dice uno del sud ma le squadre di vertice sono loro punto.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi