Juventus: la Champions vale 125 milioni | JMania

Juventus: la Champions vale 125 milioni

Juventus: la Champions vale 125 milioni

La Juventus inizia questa sera contro il Siviglia il suo percorso in Champions League: ecco quanto può guadagnare se arriva in fondo

La Juventus inizia questa sera contro il Siviglia il suo percorso in Champions League. “Per amore e per soldi” titola oggi ‘Tuttosport’, che fa riferimento alla duplice motivazione che hanno i bianconeri in coppa. Si tratta di un trofeo che dalle parti di Torino manca da 21 anni, nonostante le diverse finali giocate. Da quando Gianluca Vialli ha alzato al cielo di Roma la Champions League, infatti, la Signora è arrivata in finale altre quattro volte. Contro Borussia Dortmund, Real Madrid, Milan e Barcellona il copione è stato sempre lo stesso.

Gli investimenti del mercato estivo di quest’anno hanno proiettato la Juve tra le favorite assolute per la vittoria del torneo assieme a Barcellona, Bayern Monaco, Manchester City e Real Madrid. Essere forti sulla carta, però, non basta. La Champions è una competizione spesso imprevedibile, per vincere la quale contano spesso altri fattori, non ultimo la fortuna. Certo è che con 153 milioni di euro spesi nella sessione estiva, i campioni d’Italia sono obbligati a provarci. Lo chiede la tifoseria, lo prevedono i piani finanziari della società.

Juventus: 125 milioni di motivi

Arrivando in fondo alla Champions League, a giugno del 2015, sono entrati nelle casse della Juventus circa 100 milioni di euro. Quest’anno, invece, la posta in palio è ancora più alta: 125 milioni. Una cifra mostruosa che da sola consentirebbe ai campioni d’Italia di fare un salto importante verso l’olimpo del calcio mondiale. Dopo aver agguantato i 350 milioni di fatturato, l’obiettivo di Agnelli e Marotta è quello di salire ancora e avvicinare quei mostri di Manchester United e Barcellona che viaggiano oltre i 600 milioni.

Come ha ribadito ieri Buffon in conferenza stampa, piedi per terra e pedalare, la Champions è alla portata, ma bisogna evitare gli errori del passato. Lo impone la storia, lo chiedono i bilanci.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi