Juventus, John Elkann: "I soldi non garantiscono vittorie"

Juventus, John Elkann: “Atletico Madrid insegna che i soldi non sono tutto”

Juventus, John Elkann: “Atletico Madrid insegna che i soldi non sono tutto”

John Elkann, proprietario della Juventus, ha parlato oggi a margine dell’assemblea degli azionisti Exor. Il numero uno del club bianconero, ha detto la sua sulla conferma di Antonio Conte: “Se ho mai temuto che Conte potesse andare via? È la stessa domanda dell’anno scorso – le parole di Elkann riportate dalla Gazzetta, quotidiano di cui …

elkann-juventus-azionisti

John Elkann, proprietario della Juventus, ha parlato oggi a margine dell’assemblea degli azionisti Exor. Il numero uno del club bianconero, ha detto la sua sulla conferma di Antonio Conte: “Se ho mai temuto che Conte potesse andare via? È la stessa domanda dell’anno scorso – le parole di Elkann riportate dalla Gazzetta, quotidiano di cui detiene delle quote – , però stavolta è più pertinente. Conte l’ho sentito ieri, di ritorno dallo stabilimento di Melfi. Lui è convinto di quello che ha davanti, è indubbiamente soddisfatto come lo siamo tutti di quello che è stato fatto. Caratterialmente è una persona che guarda sempre alle sfide future e anche noi. Se Conte rinnoverà il contratto in scadenza? C’è molta serenità da parte di tutti per andare avanti in questo modo”.

Insomma, per ora di prolungamento non se ne parla: si proverà ad andare avanti serenamente fino a scadenza, sperando che non ci siano intoppi come con Lippi nel 1998. Parlando di mercato, c’è chi accosta Drogba alla Juventus, ecco il parere di Elkann sull’esperto bomber:

Drogba troppo vecchio? Roger Milla non era un bambino quando riuscì a sorprendere tutti con il Camerun… Uno tra Pogba e Vidal potrebbe partire? Non parlo di questo argomento – replica – , il mercato si farà interessante dopo il Mondiale.

La Juventus investirà ancora, ma sempre tenendo conto del bilancio:

Abbiamo sempre conciliato i successi sportivi (la ragione d’essere di una società sportiva) con i vincoli economici e finanziari (che sono alla base di ogni società). Questa è la priorità che si è data la società e che continuerà a darsi. La Juventus – continua – ha raggiunto risultati straordinari con la conquista del terzo scudetto consecutivo e il record dei 102 punti in campionato. Negli ultimi cinque anni c’è stato un miglioramento dei ricavi, lo Juventus Stadium si è dimostrato un’importante fonte di ricavi. Al momento abbiamo una rosa di giocatori tra le più importanti in Europa.

Dopo aver vinto molto in Italia, i tifosi sognano una coppa europea:

La Juventus sta portando avanti un piano ambizioso nel recupero delle sue potenzialità sportive, l’Atletico Madrid ci dimostra che non sono i soldi a fare la differenza – prosegue John Elkann – , è per questo che amiamo il calcio. La Champions è una sfida fattibile? Assolutamente, lo dimostrano gli altri. Non è solo una questione di soldi. Servono soprattutto capacità organizzative, grinta e fortuna. L’Atletico è un esempio tangibile. La Juve è una grandissima squadra con grandissimi giocatori, un ottimo collettivo che peserà anche sull’economia della Nazionale in Brasile.

4 commenti

  1. Ha ha ha ha…carissimo Elkann, è verissimo non c’è bisogno di spendere per arrivare in finale, Borussia e Atletico dimostrano che è possibile, ma hanno pure dimostrato che a vincere è sempre e solo chi investe, o mi sbaglio.
    Da tifoso Juventino dico che la Champions rimarrà un sogno irraggiungibile, bilancio e vittorie non sempre vanno d’accordo, ed il prossimo anno facilmente passeremo il turno a gironi per poi uscire se va bene agli ottavi, o magari nei quarti, ma comunque sempre zero tituli,
    Comunque amiamo troppo la Juve e Conte dovrebbe essere imprescindibile, lui il vero nostro patrimonio.

  2. Enrico Ferrante

    I risultati sportivi ed economici erano, siam sinceri fino in fondo, già raggiunti dai signori Giraudo, Bettega e Moggi…e, per dirla proprio tutta, a fronte di vittorie e finali europee il bilancio era pure in ATTIVO.
    Lasciam perdere…

  3. con Conte si e usata tanta diplomazia perche i meriti sono immensi…..pensate solo a qualche altra squadra dove un paio di risultati proiettano il loro trainer nella storia del calcio…..ma guardiamo a casa nostra…..a Conte dovrebbe essere richiesto di impostare la squadra del futuro con i giovani ripeto i giovani ( molti gia nostri )…Se invece Conte e la Juve vorranno puntare al record dei record in campionato e dare maggiore priorita alla Coppa europea…..potemmo andare incontro a cocenti delusioni…….ritrovandoci poi con una squadra da rifare e un Conte in meno …..sperando che ci governa ( nonostante certe uscite ) NON SI ROMPA PERCHE trovarne un altro non sarebbe facile…..saluti

  4. Ecco un altro che non perde occasione di parlare quando si dovrebbe lavorare sottotraccia, non assomiglia al nonno nenche in un polsino della camicia, quello almento quando parlava aveva qualcosa di pertinente da dire.
    Sono più che mai convinto che il tempo di Conte alla Juve fosse finito, mi auguro a questo punto che la campagna acquisti sia improntata a grande lucidità con una visione futura che contempli la non permanenza di conte.
    L’altro augurio è che la società ricominci a parlare per bocca del presidente o dell’Amministratore Delegato e che Conte si preoccupi esclusivamente di fare il suo mestiere (pena una situazione tipo allegri al Milan) e quell’altro fenomeno di Elkann continui a fare il paggetto di Marchionne e si trastulli con la cassaforte di famiglia restando il più possibile lontano dalla Juve.
    l’anno appena concluso si è caratterizzato soprattutto dalle topiche comunicative di Conte e Elkann; sono altresì sempre più convinto che l’Elkan buono sia Lapo….

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi