Juventus-Inter, Allegri: "Le vacanze ci hanno ricaricato"

Juventus-Inter, Allegri: “Le vacanze ci hanno ricaricato”

Juventus-Inter, Allegri: “Le vacanze ci hanno ricaricato”

Juventus-Inter, Massimiliano Allegri in conferenza stampa alla vigilia del derby d’Italia: “Vogliamo riscattare Doha, Sneijder è un giocatore del Gala”

Juventus-Inter, Massimiliano Allegri in conferenza stampa alla vigilia. Si apre ufficialmente il 2015 della Vecchia Signora, con Allegri presentatosi oggi davanti ai giornalisti per rispondere alle loro domande alla vigilia del derby d’Italia. Il 2014 si è chiuso con la delusione della Supercoppa Italiana, ma i bianconeri sono pronti a ripartire: “La squadra è tornata carica – assicura l’allenatore della Juve – , avevamo bisogno di un po’ di giorni di vacanza dopo cinque mesi intensi. Quella con l’Inter è una partita contro una squadra che ha fatto progressi e ha trovato autostima. Soprattutto è pericolosa la prima dell’anno, basta vedere Real e Barcellona. Farà risultato chi sarà più concentrato. Non è una questione né fisica né tecnica. E’ solo una questione di testa”.\r\n\r\nIl 2015 ha restituito ad Allegri due calciatori, Caceres e Marrone, che gli consentiranno di fare quelle rotazioni in difesa fin qui impossibili:\r\n

Stanno tutti bene, Caceres e Marrone sono in gruppo, Barzagli è ancora fuori. Contraccolpo dopo Doha non c’è. Abbiamo perso ai calci di rigore contro un’ottima squadra. Dispiace aver perso però il percorso è positivo. Tempo per sbagliare non ne abbiamo più – sottolinea – visto che ci sono tre obiettivi da raggiungere.

\r\nInevitabile parlare di calciomercato: la Juventus sta cercando di rafforzarsi, ma non comprerà tanto per comprare. Lo disse l’estate scorsa Allegri, lo ribadisce oggi:\r\n

Abbiamo le idee molto chiare, rinforzare la Juve non è facile. Si può rinforzare e completare. Non è un segreto che cerchiamo un trequartista e un difensore. Prima arrivano meglio è. Tevez non rinnova? Manca ancora un anno e mezzo. Credo non ci sia niente di particolare, a volte si fanno delle dietrologie inutili. Farà il professionista fino alla fine. Se tra due anni vuole andare da un’altra parte è giusto che lo faccia. Il calcio come la vita non si ferma. Alla fine quello che rimane è sempre la società.

\r\n

\r\n\r\nIl nome più caldo è quello di Sneijder, uno che innesterebbe in una squadra già rodata ulteriore esperienza e qualità. Il suo arrivo, però, metterebbe in discussione Pirlo, Vidal e Pereyra:\r\n

Iniziamo a far arrivare Sneijder che è del Galatasaray. Servono giocatori di qualità almeno uguale a quelli che abbiamo. Sneijder è un giocatore che ha qualità tecniche e andrebbe a completare un reparto già molto forte. Creerebbe ulteriore competizione. Non potrà giocare in Champions? Il fatto di prendere giocatori che non possono giocare in Champions non significa che non ci teniamo. Anzi – evidenzia – , quando affronteremo il Borussia, lo faremo per passare il turno.

\r\nNessun turnover, infine, in vista della trasferta di Napoli: contro l’Inter giocherà la squadra migliore:\r\n

C’è chi ha giocato meno, però non faccio calcoli perché quella con l’Inter sarà una partita difficile. Poi a fine gara vedremo se ci saranno squalificati. Se ci saranno – conclude – , a Napoli giocherà qualcun altro.

\r\n 

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi