Juventus, Conte | "Voglio campionato, Europa League e Coppa Italia"

Juventus, Conte: “Voglio campionato, Europa League e Coppa Italia”

Juventus, Conte: “Voglio campionato, Europa League e Coppa Italia”

Antonio Conte protagonista a Dubai con Guardiola e Capello: il tecnico della Juve è stato premiato come miglior allenatore del Mondo

FBL-UAE-SPORTS-CONFERENCEAntonio Conte è Globe Soccer 2013 come miglior allenatore dell’anno e non nasconde la sua soddisfazione. A Dubai, il tecnico della Juventus è salito in cattedra assieme ai mostri sacri Capello e Guardiola con il pensiero sempre rivolto alla squadra, piuttosto che ai riconoscimenti personali: “Resta l’amarezza per essere uscito dalla Champions per una gara che non è stata giocata. Ma dopo due anni in cui la Juve è cresciuta tantissimo – ha detto Conte – , adesso deve avere l’obiettivo di vincere anche a livello internazionale. Ora abbiamo tre traguardi: lo scudetto, la coppa Italia e l’Europa League. Dobbiamo provare a vincerli tutti e tre. E io non scelgo. Futuro tra un anno? Non importa nulla, in questo momento ho solo la Juve in testa”.

Conte, assieme a Capello e Guardiola, hanno parlato di “Come creare un gruppo vincente”:

“Ho sempre parlato molto con i miei allenatori per capire bene quello che mi chiedevano e quello che volevo provare a fare. Intorno ai 30 anni – prosegue ancora il tecnico leccese – , ho iniziato a dare suggerimenti ai compagni già in campo. Poi, da giocatore, ho avuto fortuna di avere tutti i più vincenti tranne Capello. Quando vinci sei bravo e questo mi ha agevolato perché mi sono confrontato con loro”.

Tornando alla propria carriera di giocatore, Conte ammette di non essere mai stato molto “tecnico”:

“Non essendo dotato, ho basato la mia carriera su corsa e sacrificio. Non sapevo a chi dare la palla a volte. Così, ora da allenatore ho cercato soluzioni per aiutare i meno dotati tecnicamente. Chiedo ai miei calciatori di chiedermi perché facciamo certi schemi, la loro utilità. Quando capiscono lo fanno più volentieri”, ha aggiunto.

Senza una società forte alle spalle, però, vincere è più difficile, ammette l’allenatore della Juve:

“L’importante è avere società e giocatori di qualità e poi la credibilità che riusciamo ad ottenere presso i calciatori nel portare la nostra idea di calcio. Guardiola è stato un esempio importante per l’idea di calcio col Barcellona e abbiamo studiato quello che ha fatto lui. Le novità nel calcio? Sono favorevole al time-out. Ne farei uno per tempo – conclude – per permettere ai giocatori di comunicare con la panchina. Il calcio è in evoluzione e a me piace studiare”.

Foto Getty Images – Tutti i diritti riservati

2 commenti

  1. Quindi è sicuro di vincere la Champions in futuro, non si sa con quale squadra.
    Non è invece importante se rimarrà alla Juve o meno. Vabbè, per me che sono juventino è invece, guarda un po’, la COSA PIU’ IMPORTANTE.

    E poi sempre questi continui riferimenti a quanto può spendere questa e quella squadra, e loro possono spendere 60 milioni e noi no. Ma cazz……..la forza di vincere te la danno solo i soldi che puoi spendere o meno? Mica se prendi CR7 e Messi vai a vincere la Champions a tavolino. Bisogna giocare a calcio e con personalità, poi si può battere chiunque. Il Dortmund anno scorso è stato a 2 minuti dai supplementari in finale col Bayern (che può spendere), se vanno ai rigori magari vincevano la champions senza spendere un patrimonio come gli altri……

    Non mi è piaciuta questa intervista, non bene così.

  2. sanguebianconero

    Spero che lo abbia detto credendoci veramente
    Devono cercare di vincerli tutti, campionato, coppa Italia! Europaleague

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi