Juventus Conte: "Sconfitta col Bayern non avrà conseguenze" | JMania

Juventus Conte: “Sconfitta col Bayern non avrà conseguenze”

Juventus Conte: “Sconfitta col Bayern non avrà conseguenze”

Dopo la delusione di Champions League, la Juventus si rituffa nel campionato. Lo scudetto numero 31 è ad un passo, ma Antonio Conte non vuole sntir parlare di lotta al tricolore già decisa: “Ha perfettamente ragione Mazzarri a credere ancora nello scudetto: in queste sette partite può accadere di tutto. Certo, chi insegue non può …

Dopo la delusione di Champions League, la Juventus si rituffa nel campionato. Lo scudetto numero 31 è ad un passo, ma Antonio Conte non vuole sntir parlare di lotta al tricolore già decisa: “Ha perfettamente ragione Mazzarri a credere ancora nello scudetto: in queste sette partite può accadere di tutto. Certo, chi insegue non può scivolare“, spiega il tecnico della Juve nel corso della conferenza stampa alla vigilia di Lazio-Juventus, posticipo della 32/a giornata di Serie A, che si disputerà domani sera alle 20.45 all’Olimpico di Roma. Stasera, intanto, il Napoli secondo sarà di scena a San Siro contro il Milan.
Tornando all’eliminazione dalla Champions League, Conte aggiunge: “La sconfitta con il Bayern non ci ha lasciato insicurezze, perchè gli obiettivi della società, e cioè qualificarsi per la Champions e tentare di rivincere lo scudetto, sono stati rispettati“. Per la gara con la Lazio, intanto, infortunato Chiellini, si candidano ad una maglia da titolare uno tra Federico Peluso o Martin Caceres. In avanti, non è escluso l’utilizzo di Mirko Vucinic come unica punta, vista anche l’indisponibilità di Sebastian Giovinco.

11 commenti

  1. rogerilmigliore

    conte invece ha le idee chiarissime altrimenti non vinceremo nemmeno il secondo scudetto di fila(che non è riuscito manco al milan degli ibra e dei thiago silva),oltre ad essere eliminati dalla champions. I giocatori servono,inutile comprare il top player se poi c’è il buco intorno invece che una squadra solida. Il napoli dei tre tenori non insegna nulla?CAvani e lavezzi sono due dei migliori top player e hamsik è un gran bel giocatore,eppure tutto quello che hanno vinto è una coppa italia. La societa’ è stata brava a costruire una squadra solida per poter iniziare a vincere. Se sei adulto mi domando come fai a pensare che una juve demolita nell’organico,nelle finanze,nell’onore possa in 18 mesi presentarsi e vincere tutto in italia ed europa. RIPETO: il bayern che abbiamo visto si sta costruendo da anni a suon di milioni,pazienza e competenza. Una rosa tra le migliori d’europa gli ha consentito di ammazzare da tempo il campionato tedesco e,di conseguenza,risparmiare i titolari e presentarli freschi ed agguerriti nella champions. Noi non ce lo possiamo ancora permettere.

  2. @rogerilmi..peggiore
    mi sa che stavi descrivendo te stesso…quello che voglio sottolineare è che secondo me sia conte che marmotta, soprattutto quest’ultimo, non è che abbia le idee chiare sugli obiettivi da porsi, continua a sostenere che per la juve non è possibile spendere 20-30 milioni per un fuoriclasse, ma li spende volentieri per acquistare mezzi giocatori o ripiegare su vecchi spremuti che non giocano neanche un minuto. Se anche conte avalla queste campagne acquisti siamo fritti. Ritornando alla partita di coppa per me la Juve ha affrontato la partita con la consapevolezza e la rassegnazione di aver fatto il massimo. Ma il nostro motto è quello che il massimo si deve sempre dare nelle partite da giocare non accontentarsi di quello che si è fatto. Non so se rendo l’idea. Noi non ci possiamo accontentare. Se poi anche ai tifosi va bene così giustificando questo atteggiamento allora non si arriverà da nessuna parte. La partita con il bayern ci deve far riflettere sugli errori commessi sul mercato e da non ripetere. E smettiamola sul discorso del fatturato delle altre squadre. Gli altri avranno più soldi ma noi non è che quelli messi a disposizione da Agnelli siano stati spesi alla perfezione. E poi permettimi io da tifoso ormai adulto della juve voglio vedere una juve più vincente in europa che in italia per scrollarci di dosso il taboo secondo cui noi vinciamo in italia solo perchè aiutati, come sostengono gli antijuventini.
    Ed infine ribadisco che il nostro quarto è stato l’unico senza storia e non è un orgoglio. Vorrei che conte riflettesse soprattutto su questo aspetto.

  3. @Manuel…..secondo me la differenza l’ha fatta una condizione fisica a dir poco precaria….giocare con due fantasmi in campo (pirlo e marchisio) e senza Vidal, non e’ che puoi sperare di fare granche’, soprattutto se gli altri corrono e arrivano quasi sempre prima sulla palla….. la juve che ha battuto il chelsea se la giocava fino in fondo….e poi, come qualita’, non cambierei assolutamente Pirlo Vidal Marchisio con i loro shweisteiger, Martinez e kroos….la differenza di qualita’ ce l’hanno sicuramente sulle fasce con Robben (anche se e’ nettamente in fase discendente) ma soprattutto Ribery…..per il resto non ho visto fenomeni…..forzxa juve

  4. rogerilmigliore

    @GIUSEPPE fortuna i pseudo tifosi come te sono pochi. Solo un ignorante di calcio e un simpatizzante all’acqua di rose puo’ concentrare in poche righe simili sciocchezze. Altrimenti sapresti che uno squadrone come il bayern è in costruzione da circa 10 anni. L’ultima champions vinta risale al 2001. E,nonostante un fatturato che noi ci sogniamo e una rosa formata anche da “panchinari” da 30 mln di euro è tornata a monaco con la coda tra le gambe nelle ultime finali. Anche solo immaginare che una squadra reduce da una disastrosa retrocessione e da settimi posti sino a un anno e mezzo fa torni in champions e vinca tutto…ma nemmeno proseguo.E’ tempo sprecato spiegarlo a te.

  5. Magic io rispondevo a Giuseppe… lui scriveva che la nostra era l’unica partita senza storia dei quarti io ho solo detto che di partita senza storia per me ce n’erano due.

    Non paragono niente e nessuno ma se me lo fai notare allora beh ti dico che i tedeschi ci temevano pre pretattica e noi pure sino alla gara d’andata.

    Visti i valori in campo e non sulla carta direi che le qualità differenti in modo enorme ci siano stati tra noi ed il bayern e non tra real e galatasary.

    Un saluto.

  6. @Manuel…..come fai a paragonare il quarto nostro con quello del real??? ……come tasso tecnico Bayern juve e’ una sfida molto equilibrata….infatti pure i tedeschi temevano tantissimo questo quarto con noi…..per quanto riguarda real- Galatasaray ci sono differenze di qualita’ enormi tra le due squadre….anche se, come ha detto lo special one, se Drogba non si mangia il 4-1 sarebbe stato un inferno per il Real…..come vedi c’e’ modo e modo di uscirte dalla champions….noi siamo usciti giocando con la mentalita’ di una provinciale…..un saluto a te e forza juve

  7. beh, direi che non c’è nulla di nuovo: è in linea con la tradizione europea della juve andare fuori alla prima squadra un pò forte che si incontra, sia che la si incontri agli ottavi, ai quarti o in finale. unica eccezione nel 2003. e stiamo parlando di juve molto più forti di quella attuale, se non si sono vergognati all’epoca, non vedo perchè dovrebbero vergognarsi conte e i giocatori attuali.

  8. Giuseppe..

    Beh Galatasaray real non mi sembra avesse come dici tu “tanta storia”.

    Per il resto posso essere d’accordo.

  9. e poi io vorrei sottolineare una cosa il nostro quarto è stato l unico che non ha avuto storia. Mi preme sottolineare questo mi preme sottolineare che ci siamo presentati al cospetto del bayern come un agnello sacrificale che abbiamo accennato una reazione flebile solo prima di essere colpiti a morte. Se questo è da juve caro conte vergogna.

  10. diciamo che ci ha lasciato la certezza di quello che siamo ossia un ottima squadra senza un fuoriclasse di vero cuore juventino che nel momento in cui è fuori forma nei migliori elementi non soccombe in italia perché il nostro campionato ad oggi è il quarto o quinto in europa non so se metterlo alla pari con quello francese o con quello turco che hanno figurato meglio di noi in europa. Ma viene umiliata e stritolata appena incontra una squadra degna di tale nome. Mi dispiace ma è meglio che la cattiva figura in europa anziché riempirci di orgoglio svegli la dirigenza che a questo punto deve decidere cosa fare. Parliamoci chiaro mentre queste due stagioni sono il frutto di una reazione di orgoglio tipica del leone ferito di tanta fortuna come quella di trovare dei giocatori in cerca di rivalsa e dello sfacelo del calcio italiano post farsa, da questo momento è necessaria una programmazione seria fatta di obiettivi più consoni a noi soprattutto a lungo termine. E per questo credo sia necessario mettere da parte l incompetenza di marmotta

  11. Magari insicurezze no, ma una condizione fisica pessima si’….questo finale di campionato sara’ una sofferenza….forza juve

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi