Juventus - Chievo 3-1 | Intervista ad Antonio Conte | Video

Juventus – Chievo 3-1, Conte: “A Capello brucia l’aver superato i suoi record”

Juventus – Chievo 3-1, Conte: “A Capello brucia l’aver superato i suoi record”

La Juventus batte il Chievo per 3-1 ma nel post partita Antonio Conte ne ha per tutti. In primis per i tifosi che hanno fischiato Giovinco alla sostituzione: “Trovo ingiusto il clima che si è creato attorno a Sebastian – dice il tecnico bianconero a ‘Sky Sport’ – , tanta è l’amarezza che non voglio …

conte-sky-juventus-chievoLa Juventus batte il Chievo per 3-1 ma nel post partita Antonio Conte ne ha per tutti. In primis per i tifosi che hanno fischiato Giovinco alla sostituzione: “Trovo ingiusto il clima che si è creato attorno a Sebastian – dice il tecnico bianconero a ‘Sky Sport’ – , tanta è l’amarezza che non voglio neanche parlarne. E’ inaudito che in una squadra che al terzo anno di fila sta facendo robe straordinarie, alcuni giocatori vengano presi di mira e non so per quale di motivo, forse per una campagna mediatica fatta ad arte. Questo mi dà fastidio. Guai a chi tocca i miei calciatori, guai…”.

Tornando alla gara contro il Chievo, si è trattato della dodicesima vittoria casalinga consecutiva per i bianconeri:

“Non aspettavo particolari risposte, i miei calciatori rispondono quotidianamente – continua Conte – , e poi ci sono alcune situazioni nelle quelli bisogna alzare la voce, per non abbassare la guardia, e perdere la giusta strada. Proprio per crescere ancora, non andava tralasciata la situazione di Verona. I ragazzi sanno che andiamo a fare qualcosa di storico, il terzo scudetto consecutivo. E per tre anni non è semplice per nessuno tenere alta la concentrazione, lo insegna la storia”.

E qui si innesta una polemica con Fabio Capello, ex tecnico della Juventus che conquistò gli scudetti 28 e 29, poi revocati:

“Ci sono momenti in cui si è più tranquilli, e io alzo la tensione. Faccio bene o male, lo dicano gli altri, io rispetto tutti, anche quelli che dicono fesserie. Uno non può fare una cosa che si fanno referendum a 360 gradi. Bisogna sorridere, poi parlano persone di livello e io resto basito, mi stupisco. Io non risponderei su questioni altrui. Capello? Mi riferisco a quelli che… si facessero i fatti loro, sarebbe più opportuno, c’è più puzza in casa loro”.

Un’intervista in stile Mourinho, questa di Conte, che ha ancora qualcosa da dire all’attuale CT della Russia:

“Chiederò al presidente di iscriverci al campionato inglese. Quando parlano i guru noi dobbiamo stare zitti – prosegue Conte -, inchinarci e fare riverenze, e ascoltare. Ora giochiamo senza di lui e a quanto pare in un torneo amatoriale. A qualcuno dà fastidio perché superiamo i numeri di quei due anni, 2004-2005. Io mi ricordo la Juventus di Lippi e Trapattoni, quella di Capello per i titoli revocati non per il gioco. Stranamente spesso Capello mette il becco in casa di altri, ma guardi a casa sua. Ripeto, ha vinto due scudetti, ma nessuno ricorda cose emblematiche. Eppure aveva un’armata e uscì nei quarti in Champions come noi. Mi guarderei bene prima di dire fesserie. Hanno tolto quei due titoli? Già, quella fu una grande fesseria. Quella squadra stravinse sul campo. Capello mi fa ridere, la campagna contro Seba mi amareggia”.

Il finale è per la ripresa della cavalcata dopo il mezzo sto di Verona la scorsa settimana e prima dell’Europa League:

“Abbiamo 8 punti in più, questa è una Juve più completa. La prima era arrembante – evidenzia – , ha vinto lo scudetto da imbattuta, quando tutti ci davano da quinto posto, non facendo grandi investimenti. Nel Milan c’era Ibra, poi c’erano l’Inter del Triplete, il Napoli di Cavani e Hamsik, e noi ci siamo confermati. In questo terzo anno, ribadisco, stiamo facendo cose straordinarie. La Juve è migliorata tantissimo dal punto di vista tecnico tattico. Il giocatore che mi ha sorpreso in positivo? Tutti – conclude – , perché abbiamo messo 63 punti e continuino a sorprenderci”.

11 commenti

  1. Capitan Sparrow

    Ci hanno provato con scommessopoli: niente, solo “non poteva non sapere”. Ci hanno provato con le offerte dall’estero: vedrai, se ne andrà a fine anno: non se n’è andato. Ci hanno provato con i dissapori con Marotta, o via uno o via l’altro: sono ancora lì entrambi. Oggi ci provano facendo credere ai tifosi bianconeri che ha messo in discussione gli scudetti revocati: sono convinto che tutti (quasi tutti….) i tifosi juventini sanno chi, fra Conte e Capello, è più legato ai colori bianconeri. Avanti il prossimo: chissà cosa si inventeranno ancora per mettere Conte contro società, tifosi, squadra…… A proposito, non è che il mascellone avanza la sua candidatura a sostituire Antonio? Portandosi dietro Franco Baldini, naturalmente…… Quanto a Moggi, lo sto difendendo dal 2006 ma, caro Direttore, la Juve con 8 titolari della finale del mondiale 2006 non è riuscita ad andare oltre i quarti di champions. La Juve di Capello era una squadra con 8 finalisti del mondiale (5 campioni del mondo); la Juve di Conte, come dice Lei, è inferiore a quella di Capello; chi fra Conte e Capello rappresenta il valore aggiunto, e chi non ha saputo ottenere i risultati che gli erano stati richiesti?

  2. Sulla polemica Conte-Capello non entro perché la trovo futile e non costruttiva.
    Detto questo, voglio spendere però due parole su tutti quei commentatori (faziosi), giornalisti (giornalai) e giornali da parrocchia (su tutti il corriere dello sport) che da questa polemica hanno tratto l’ennesimo dibattito capzioso e bacchettone.
    Ieri sera in tv e stamattina nei giornali si è fatto passare che Conte avrebbe implicitamente ammesso la liceità della revoca dei due scudetti.
    Ebbene, a tutti loro mi preme far notare che Conte ha soltanto detto che alla Juve, a differenza di Lippi e Trapattoni coi loro cicli di vittorie, ci si ricorda di Capello non per il gioco espresso dalla sua squadra ma piuttosto per gli scudetti revocati.
    Per questa frase, secondo lor signori, Conte avrebbe ammesso che cosa?… Ve lo dico io: proprio niente!!
    Che Conte sia un personaggio scomodo, spigoloso e spesso sopra le righe a me non importa granché (e Mourinho allora?), ciò che m’importa da tifoso juventino è che sia un vincente… e Conte lo è senz’altro!!!
    E da tifoso juventino disprezzo profondamente tutti coloro che, come avvoltoi in costante attesa, non possono far altro che fiondarsi su queste inutili frattaglie di notizie per costruirci la loro ragion d’essere, che è quella di vivere eternamente ai margini.

  3. la reazione di Conte per me è stata esagerata rispetto alle dichiarazioni di Capello…

  4. Conte ha detto delle cose sacrosante, compreso che i due scudetti di Capello erano strameritati, per la forza della squadra e non certamente per il gioco espresso. Detto questo, Conte dovrebbe essere un po meno “sanguigno”, essere un po più “falso” (come lo sono la maggior parte degli addetti ai lavori) per non incorrere nelle strumentalizzazioni dei media, che per qualche titolo in più venderebbero anche il loro padre.

  5. Grande Conte in tutto e per tutto!!!

  6. Ma scusa Conte sono io che resto basito sentire ancora la stessa menta ossia cose straordinarie, noi siamo la Juve non il bari o l Atalanta, non me ne vogliano i tifosi delle succitate squadre, per noi vincere lo scudetto e’ normale quindi taci e fai meno il buffone perché non sei in grado nemmeno di fare una sostituzione

  7. Continuo il post affermando che:”I tifosi hanno la memoria corta”! Vi ricordate che Capello aveva praticamente messo fuori rosa Del Piero? Ecco, chiedete a Del Piero quello che pensa di Capello. A questo aggiungo che non appena la Juve fu ingiustamente retrocessa, Capello fuggì al Madrid: soltanto questo basterebbe per farci girare le scatole. Termino rammentando che, sebbene Capello abbia vinto in Spagna, fu mandato via perchè i madrilisti (che hanno il palato buono in fatto di calcio) non gli perdonavano il gioco scialbo e sparagnino della sua squadra. Ma anche in Inghilterra, sembra, non abbia lasciato molti estimatori …

  8. Conte ha ragione in tutto! In effetti della Juve di Capello si ricordano soltanto i grandi calciatori ed i due scudetti revocati ingiustamente (come Conte riconosce perfettamente e, d’altro canto, come non potrebbe?). Conte si è seccato perchè Capello ha detto che lui non avrebbe mai convocato i giocatori nel giorno di riposo (leggete bene: giocatori! Gente che guadagna centinaia di migliaia di euro che vengono convocati straordinariamente per una riunione di 40 (quaranta) minuti a seguito di un pareggio che ancora adesso lascia l’amaro in bocca a tutti noi tifosi) e che il campionato italiano “non è allenante” per l’Europa, ergo è scarso. Quando vinceva lui il campionato era allenante (infatti ha vinto 2 C.L. con la Juve), quello di adesso è scarso. Ma non vi girano le scatole?

  9. Mi stupisco che ancora ci si stupisca che Giovinco venga fischiato.
    Per quanto riguarda Capello credo che volesse fare un complimento a Conte quindi questo sproloquio non l’ho capito. E dire che di quella squadra ci si ricorda solo per i due scudetti vinti e poi tolti mi pare offensivo nei confronti di una squadra enorme e di una ferita sempre aperta. Una squadra non fa 91 punti se non ha un gioco, nemmeno coi campioni di quel tempo.

  10. Mah…io dico che questa polemica con Capello non dovrebbe esistere…cioè…secondo me è creata ad arte…se fanno una domanda a Capello, lui risponde…non credo che si intrometta con gli affari della Juve, anche perché sono state più le volte che ha fatto complimenti a Conte che altro…
    Conte in questo manca di umiltà, secondo me…se Capello dice la sua perché gli chiedono, è inutile controbattere in questo modo…

  11. Abbiamo una grandissima squadra, un grandissimo allenatore e una curva da serie B. Provo vergogna & disgusto per i [email protected] che hanno coperto di fischi e INSULTI Seba, cosa pensavano di fare???
    Grande Mister, meglio sarebbe stato “sfanculare” il pubblico, una lezione di umiltà farebbe bene soprattutto a loro.
    FINO ALLA FINE FORZA JUVENTUS
    Karl

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi