Quagliarella: l'ultimo degli accantonati | JMania

Quagliarella: l’ultimo degli accantonati

Quagliarella: l’ultimo degli accantonati

(Di Alessandro Magno) Juventus-Celtic per fortuna e per bravura nostra e’ stata una partita senza storia. La Juventus l’ha affrontata con serenita’ ma senza supponenza. Fin da subito e’ stato chiaro come gli scozzesi non avrebbero mai potuto ribaltare il risultato di andata. Serata tranquilla per i nostri giocatori e per noi tifosi. Meglio cosi! …

Fabio-Quagliarella-juventus-editoriale(Di Alessandro Magno) Juventus-Celtic per fortuna e per bravura nostra e’ stata una partita senza storia. La Juventus l’ha affrontata con serenita’ ma senza supponenza. Fin da subito e’ stato chiaro come gli scozzesi non avrebbero mai potuto ribaltare il risultato di andata. Serata tranquilla per i nostri giocatori e per noi tifosi. Meglio cosi!
Sulla prestazione dei singoli c’e’  da segnalare il ritorno all’esistere e al gol dell’ultimo degli accantonati, ovvero Quagliarella. Fabio ha fatto un gol, per gentile concessione di Vidal, e ha praticamente innescato quello di Matri. Ha giocato sicuramente in modo un poco frenetico e pasticciato ma la sua prova alla fine si puo’ valutare sicuramente come buona. Va considerato che non giocava da molte partite e la voglia di farsi vedere pronto lo ha certamente portato un poco a strafare. Non e’ che il Celtic fosse un banco di prova di chissa’ quale valore, questo va detto, tuttavia va anche detto che pure gli altri due attaccanti, spesso titolarissimi, non e’ che in partite facili hanno fatto sfaceli.

A proposito degli altri due attaccanti e cioe’ Vucinic e Giovinco tanto per essere chiari. Personalmente e’ stata una vera liberazione non vederli in campo ieri. Gia’ utilizzati uno per volta i due, a perder palloni e soprattutto a “fancazzismo” non scherzano. L’uno in attesa che la voglia di giocare lo pervada l’altro con la propensione a cercar di fare solo cose fenomenali che poi nella maggior parte dei casi non gli riescono, ma insieme in campo, sono arrivato al punto di detestarli. Ieri si son viste almeno 2 punte che udite udite, in campo, fanno le punte. Ma no! Con movimenti da punte. Oh … e che popo’ di novita’ e’ questa? Conte con Vucinic e Giovinco vorrebbe clonare un poco il gioco del Barcellona. A parte che le copie non son mai buone come gli originali. A parte che gli spagnoli giocano con un altro modulo (4-3-3) e a parte che abbiamo visto come anche loro quando non trovano la profondita’ diventano irritanti, con il loro tiki taki, ma
soprattutto innocui, ma al di la di tutto cio’ questi hanno Messi che fa 100 gol a stagione e noi vogliamo copiarli con Vucinic e Giovinco che insieme e’ tanto se arrivano a 30? Torno a ripetere: Conte ha 4 attaccanti e quelli che vedono meglio la porta sono Quaglia e Matri (lo dicono i dati gol-minuti giocati). Gli altri due hanno caratteristiche piu’ da assist-man che da punte vere. Li utilizzi tutti e li utilizzi in base alle caratteristiche che hanno senza snaturarli. E soprattutto basta super-titolari in attacco. Si guadagnino tutti il posto.

Concludiamo con qualche considerazione sull’esclusione punitiva del Quaglia a causa delle parole dette ad Alessio. Che ci andava una multa e un esclusione per qualche partita era sacrosanto, che l’esclusione diventasse cosi punitiva da star fuori per giorni e giorni lo trovo sconcertante. Non mi e’ mai piaciuto chi vuole applicare un etica troppo punitiva a una squadra. Perche’ poi se non si hanno le palle di non guardare in faccia a nessuno, si fa la fine di fare figli e figliastri e far brutte figure. Questo e’ un metodaccio squallido che si vede nelle squadre dei bambini dove per una presunta etica si escludono dalle partite i bambini “scarsi” mentre si fa sempre finta di non sentire o vedere quando i casini li fanno quelli “forti” (ovviamente presunti tali). A grandi livelli e’ capitato invece a Prandelli all’Europeo di non chiamare Criscito e invece chiamare Bonucci ma e’ capitato anche a Conte che l’hanno scorso e’ stato mandato platealmente a
cagare da Vucinic che a fine di una partita si e’ rifiutato di fare l’allenamento defaticante. Vucinic dopo quella sparata non ha saltato nemmeno mezza partita ricordiamolo.
In conclusione, giuste punizioni e multe per chi sbaglia. Tutti, nessuno escluso. Pero’ senza esagerare, che poi a fare i grandi moralizzatori si finisce per fare figure meschine.

16 commenti

  1. grazie sempre a te gbdm per la stima. ci mancherebbe 😉

  2. Ah Edo cmq sì hai ragione tu, la filosofia del lo fai tu allora anch’io è sbagliata. Innegabile. Però è difficile non reagire a volte. E hai ragione tutti i dossier fanno cagare, anche quelli di Marotta!

  3. Per quanto riguarda i tifosi avversari sono stato il primo a elogiarli. Anche se più che alla correttezza (che cmq apprezzo molto), mi riferivo al fatto che hanno cantato come dei matti per tutta la partita, io dalla sud non avevo mai sentito così forte la tifoseria avversaria come ieri sera. E voleva essere anche una critica alla sud che ieri sera era freddina…

    Grande Alessandro sei il migliore! Tu mi capisci lo so. Di solito sono io a dirti di non prendertela!!!

  4. a me il comportamento dei tifosi del celtic mi e’ piaciuto ricoridiamo che entrambe le volte hanno chiesto loro lo scambio delle sciarpe. Sono venuti qui a torino e non hanno fatto nessun tipo di casino. Sul “rubentus” nello striscione penso che qualcuno li avra’ male informati e nel tentativo di farci dello sberleffo hanno preso a prestito una cosa che in verita’ a noi offende molto. Siccome sono buono per natura per me e’ un errore in buona fede per cui allo sberleffo rsipondo con sberleffo e london calling ora e’ diventato per loro london INCULING.
    😀
    per il resto tanto di cappello al loro pubblico.

  5. Sì ma io non condivido molto quella filosofia secondo cui “se l’hanno fatto loro, è lecito che lo facciamo anche noi”.

    Io vorrei che si prendesse spunto dal loro tifo incondizionato anche quando si perde, nonchè della cordialità mostrata nelle strade verso i tifosi avversari (mi è capitato in prima persona, ma leggo che la mia non è stata la sola esperienza positiva). Abbiamo uno stadio bellissimo e mi piacerebbe riempirlo con un pubblico che inneggi allo sport, non che insulti l’avversario. Preferisco che il titolo di “tifoseria più antisportiva e maleducata d’Italia” resti a Napoli.

    Riguardo il ridicolo dossier che il Celtic voleva presentare, ti ricordo che un anno fa Marotta voleva presentarne uno simile in FIGC dove lamentava i rigori mai concessi alla Juve (1 rigore in 32 partite, mi pare), che sinceramente mi ha dato molto fastidio, perchè noi siamo la Juve, noi vinciamo sul campo, non andiamo a piagnucolare in FIGC come un Moratti o un Simoni qualsiasi.

    In sintesi, il fatto che gli avversari si abbassino a certi livelli non ci autorizza a fare lo stesso, per me non è lo stile Juve questo.

  6. Edo ti ricordo la coreografia dell’andata con scritto Rubentus. Loro insultano, insultiamo anche noi. E’ normale. E hai sentito cosa hanno scritto e detto sulla partita dell’andata, dossier alla uefa, etc etc… E hai visto cosa ho scritto su di loro nel commento precedente. Qunidi onore a loro, ma il VAFFA se lo sono cercati.

  7. “Personalmente è stata una vera liberazione non vedere ieri in campo Vucinic e Giovinco” è da stampare in grande e tenerlo come monito 🙂

    Io aggiungo che sono una delle coppie d’attacco più impalpabili che si ricordi!!!

    Una menzione a parte per quei “tifosi” che insultavano il Celtic, mentre i supportars scozzesi continuavano a incitare la squadra anche di fronte alla sconfitta: tanto per avere un’idea di cosa è il calcio per loro (divertimento) e per noi italiani (astio)

  8. Sento sirene che dicono Matri al Milan e Quagliarella alla fiorentina io personalmente darei via Vucinic e Giovinco che in due non fanno uno,teniamoci Matri e Quagliarella che per me sono due a cui poter affidare tranquillamente il nostro attacco.

  9. Ciao Alessandro,

    secondo me c’è poco da dire, non abbiamo, come dici tu, una punta che faccia davvero la differenza… Concordo anche sul fatto che Giovinco e Vucinic insieme a volte sono proprio irritanti… Però alla fine tra tante punte più o meno delle stesso livello chi metti metti, e la storia non cambia mica di tanto. Credo che Conte lo sappia e per questo fa giocare chi vede più in forma. Tanto cambia poco. E cmq i risultati gli danno ragione, quindi non facciamoci tante pippe mentali…

    Piuttosto complimenti alla squadra che avendo tutto da perdere ha giocato una partita da grande squadra, con grande attenzione e voglia di chiuderla. Detto fatto. Non è poco.

    E per finire onore e complimenti ai tifosi scozzesi. Ci hanno dato una severa lezione su cosa significa andare allo stadio a supportare la propria squadra. La Sud ieri era piena di zombie. Mi sono vergognato un po’.

    FJS

  10. secondo me non sono compatibili per una questione di testa e movimenti. in fondo giovinco e vucinic son solo diversi fisicamente ma come giocatori son molto simili. io li vedo in campo solo in un 4-3-3 esterni con un centravanti. ma davvero nell’attacco a due non li reggo

  11. a volte anche mi incatenrei io 🙂 😉

  12. Ti leggo sempre.
    So che quando gioca uno tra Giovinco e Vucinic incateneresti l’altro lontano dallo stadio…. 🙂
    Io non ho ancora capito se siano incompatibili o se insieme non ne fanno uno buono.
    Circa Anelka, la sua introduzione graduale a volte con sconcerto dei più perchè a danno di altri è uno schema ripetuto del mister, nulla di nuovo, ciò non vuol dire che abbia priorità sul Quaglia.

  13. scusate gli errori ma scrivo da cellulare

  14. ciao medmax non si puo’sempre esser d’accordo su tutto. Io credo che Quagliarella abbia saltato troppe partite peresser una scelta tecncinca e davanti gli sia stato messo anelka che sappiamo esser un ex giocatore , appena arrivato e non credo che fosse stato cosi valutato dal mister da esser messo davanti a quaglia. Opionione mia condivisibile o meno io lo scrivo non pretendo che sia verità certificata.
    Per quanto riguarda la valutazione ” da juve” è bene dire che se il paragone è col passato prossimo ( del piero, terezeguet , ibra) o remoto ( platini, baggio, bettega ecc) qui nessuno degli attaccanti è da juve e mi pare che ne conveniamo.
    sul fatto che tu dica che vucinic non è superiore a quaglia e anche lui sia soggetto a ”voglie” allora ne devi convenire che è alquanto strano che vucinic giochi sempre e quaglia non giochi quasi mai?
    sul lasciarsi trasportare dai momenti contesto caparbiamente in quanto è dall’inzio dell’anno che scrivo che non voglio vedere in campo insieme giovinco evucinic ( se mi hai seguito li ho battezzati la strana-coppia) quindi respingo in modo assoluto visto che è da tempo che lo dico cosi come la mia passione per conte che ho spinto e voluto e voglio. Ci sono articoli miei di quando abbiamo preso del neri che io volevo conte e perinetti pensa un poco . al posto dio marotta. 😉 sulla poca umiltà non commento perchè è tua opinione lecita e non ho modo di dimostrarti che non c’entra per cui non posso far altro che accettarla come critica anche se non penso di meritarmela. 😉

  15. non essendo all’interno dello spogliatoio non so come facciate a reputare un’esclusione un’azione punitiva piuttosto che una scelta tecnica.
    C’è un’ipotesi non considerata, magari è alla seconda che andrebbe fatta risalire l’esclusione delle ultme gare, non può essere?!
    Una cosa è certa, Quagliarella dà la forte impressione che, se non tirato a molla si adagi su un livello di mediocrità.
    Un film visto e rivisto.
    Pare che debba essere “arrabbiato” per tirare fuori quel qualcosa in più.
    Vedasi anche Chelsea ed altre gare.
    Secondo me Quaglia non è da Juve, così come Vucinic, non possiamo essere in balia dei loro periodi blu o rosa (Picasso insegna…:-) )
    Sebbene a volte anch’io sia critico nei confronti del mister e con tutto l’affetto nei vostri confronti, sono convinto che vi facciate trasportare dagli umori del momento con poca umiltà.
    saluti

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi