Juventus calciomercato: Buffon rinnova, Giovinco spara alto

Juventus calciomercato: Buffon rinnova, Giovinco spara alto

Juventus calciomercato: Buffon rinnova, Giovinco spara alto

Juventus calciomercato: Buffon prolunga per due anni al ritorno dalla nazionale, Giovinco chiede 3 milioni l’anno più bonus

giovinco-rinnovo-cessioneJuventus calciomercato: Buffon rinnova dopo la nazionale, Giovinco ai ferri corti con la società. Al rientro dal doppio impegno con la nazionale italiana, Gigi Buffon rinnoverà il contratto che lo lega alla Juventus prolungandolo per altri due anni. Lo scrive oggi ‘Tuttosport’, secondo cui è già tutto pronto per la firma che avverrà alla presenza dell’agente Silvano Martina. Andrea Agnelli avrebbe già predisposto una conferenza stampa alla quale parteciperà in prima persona per confermare al mondo che Buffon chiuderà la carriera in bianconero.

Più complicato del previsto, invece, il rinnovo di Sebastian Giovinco, fantasista di 27 anni in scadenza a giugno 2015. A febbraio la ‘Formica Atomica’ potrà accordarsi con chi vuole a parametro zero, ma la Juve vuole scongiurare questa eventualità e magari monetizzare la cessione a giugno. Dopo aver giocato bene in nazionale contro l’Azerbaigian, Giovinco chiede più spazio alla Vecchia Signora, ma anche Allegri, così come Conte lo scorso anno, lo utilizza con il contagocce. Nei giorni scorsi sembrava che comunque il prolungamento si potesse fare sulla base dell’accordo attuale, ma invece le parti sono lontane. La Juventus propone un triennale, ma Giovinvo dovrà ridursi l’attuale ingaggio da 2,7 milioni di euro più bonus (1 milione in più di gente del calibro di Lichtsteiner, per intenderci). Gli agenti del calciatore, invece, rilanciano con una richiesta da 3 milioni di euro in su più bonus. Allo stato attuale delle cose, non ci sono i presupporti per un nuovo accordo.

3 commenti

  1. Non dovrebbe essere difficile fare delle buone prestazioni quando incontri dei dilettanti come Malta e Azerbajan……

    Eppure in queste 2 partite si è visto che l’Italia è una bruttissima copia della Juve….dove gli esterni Lich e Asa vincono il contronto con De Sciglio e Darmian 10 a zero ,
    non c’è paragone tra Florenzi e Vidal , e figuriamoci tra Immobile/Tevez ,ne deve fare ancora parecchia di strada il ragazzo campano.
    Vorrei solo sapere se Conte è contento ora che è libero di scegliersi i giocatori e non può più dare la colpa a Marotta , o se invece ha capito che lasciar la Juve è stata una grandissima stronzata

    Di Giovinco che dire seconda scelta alla Juve e seconda scelta in Nazionale, diciamo chiaramente che alla Juve serve altro per essere titolare e non ci possiamo svenare per la panchina …le sue pretese sono assurde al limite potremmo girarlo al Sassuolo per l’altra metà di Berardi già a gennaio.

  2. Seba…tu vuoi giocare e te ne vuoi andare, libero di pensarla cosi’, evidentemente non hai gli attributi x conquistarti il posto alla Juve, alla Juve scendo in campo i migliori, sei tu che devi guadagnarti il posto, altrove sicuramente partiresti titolare, altrove intendo nelle squadre di seconda fascia, sarebbe un peccato perderti, vedremo magari nei prossimi mesi che succede, forza…

  3. Un altro caso Amauri, Iaquinta etc…..
    Possono andarsene quando e come vogliono.
    Giovinco potrà sempre dire che ha dato il massimo, che è stato sempre pronto a sedersi in panchina e a rispondere presente anche al 90° minuto delle partite, ma poi cosa ha fatto? Ma cosa ha prodotto quando è sceso in campo?
    Se la juve e i tifosi devono essere riconoscenti a lui cosa dobbiamo fare a Tevez, a Marchisio, a Pogba, a Barzagli? Ricoprirli di oro fino alla loro morte?

    MA DAI!!!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi