Juventus-Cagliari 4-2, tripletta di Krasic | JMania

Juventus-Cagliari 4-2, tripletta di Krasic

La Juventus non ha mezze misure. Perde in casa 1-3 col Palermo il giovedì, travolge sempre in casa il Cagliari la domenica (4-2). Del Neri può sorridere perché ora la classifica sorride ai bianconeri, che, nonostante tutti i problemi che hanno avuto in questo avvio di stagione, sono solo a tre lunghezze dalla coppia di …

La Juventus non ha mezze misure. Perde in casa 1-3 col Palermo il giovedì, travolge sempre in casa il Cagliari la domenica (4-2). Del Neri può sorridere perché ora la classifica sorride ai bianconeri, che, nonostante tutti i problemi che hanno avuto in questo avvio di stagione, sono solo a tre lunghezze dalla coppia di testa Inter-Lazio. Ma soprattutto Del Neri può sorridere perché, tra tanti dubbi, ha una certezza: Milos Krasic è un grande giocatore. Stasera l’esterno serbo è stato incredibile, facendo impazzire la difesa sarda e mettendo a segno una tripletta. L’ex giocatore del Cska Mosca era già un idolo dei tifosi. Da oggi è un eroe. Tra tante belle notizie, per la Juve e per Del Neri c’è una cattiva: Amauri è uscito nel finale in barella per infortunio. Difficile dire se si tratti di un problema grave, ma la sua espressione (e la dinamica dell’incidente) non promettono nulla di buono.

PRIMO TEMPO – Del Neri fa scelte coraggiose e decide di schierare una formazione “pesante” con Amauri e Iaquinta attaccanti. A centrocampo fiducia ad Aquilani, che pure col Palermo era stato tutt’altro che positivo, e in difesa a Rinaudo, messo al posto di Motta, bocciato dopo l’opaca prova di giovedì sera con i rosanero. La Juve comincia bene, mostrando di avere tutta l’intenzione di mettere sotto il Cagliari. E al 13′ arriva subito il premio con Krasic che su una ribattuta della difsa sarda tira al volo da fuori area e non lascia scampo ad Agazzi con la palla che si infila nell’angolo a sinistra. Sembra l’avvio di una gran serata, ma ben presto i tifosi all’Olimpico capiscono che sarà un’altra serata di sofferenza. Il Cagliari, infatti, ci mette poco più di cinque minuti per agguantare il pari: Lazzari fugge sulla sinistra, crossa al centro dove Matri, lasciato completamente solo dalla difesa, non ha difficoltà a infilare Storari con un piattone al volo da un paio di metri. Ma per fortuna di Del Neri in campo c’è Krasic, che è deciso a festeggiare alla grande la nascita della figlia. E al 34′ è bravissimo ad anticipare Agostini con una spaccata su un cross di Amauri (bravo a rubare palla in area). Anche Agazzi ha qualche responsabilità, visto che prende gol sul suo palo. A quel punto la Juve prende a giocare anche abbastanza bene e Iaquinta al 40′ si procura una grande occasione: vince un duello di forza sulla trequarti, entra in area e, solo davanti all’estremo difensore del Cagliari, fa partire un missile a mezza altezza che Agazzi respinge con bravura e un pizzico di fortuna.

SECONDO TEMPO – La ripresa si apre all’insegna del Cagliari, che fa prendere un bello spavento a Storari, bravissimo a deviare in angolo un colpo di testa ravvicinato di Lazzari. L’arbitro, comunque, aveva già fischiato il fuorigioco del giocatore sardo. Reazione immediata dei bianconeri, con Felipe Melo che sfiora il palo della porta difesa da Agazzi con un rasoterra da fuori. Al 56′ la partita viene chiusa virtualmente da Bonucci, che al termine di un mischione in area manda la palla in rete. Iaquinta la tocca, ma sembra che il suo intervento avvenga quando la palla ha già oltrepassato la linea. Al 63′ grande occasione per Matri, che riceve in area, si trova solo davanti a Storari ma prova un improbabile esterno sinistro che finisce fuori. Al 71′ l’incredibile serata di Krasic arriva all’apoteosi quando lo slavo, dopo una percussione al centro, mette dentro la terza rete personale (grazie anche alla deviazione di un difensore). All’81’ il Cagliari accorcia le distanze di nuovo con Matri su assist di Lazzari. Pochi minuti dopo è Nenè a spaventare Storari con un tiro da fuori, su cui il portiere della Juve si mostra attento. Gli ultimi minuti della partita, però, sono una sofferenza, segno che a livello di sicurezza mentale la Juve deve ancora lavorare. Poi c’è l’infortunio di Amauri. È da valutare l’entità del problema, ma avendolo appena recuperato, Del Neri ha tutte le ragioni per essere arrabbiato con la sorte. Intanto, però, si gode una bella vittoria contro l’unica squadra ancora imbattuta in campionato.

Credits: TuttoSport
Fracassi Enrico – Juvemania.it

9 commenti

  1. Bhe se si segna sempre piu degli altri e tutto apposto il problema e quando verra’la ciccita in attakko saranno cazzi acidissimi.

  2. Juventinonelsangue hai detto la cosa giusta. Manca il centrale che giochi nell’anticipo come era Cannavaro esempio, come Nesta Kjaer e Ranocchia e Tasci se lo compriamo. Giocare al recupero in spazi brevi è un suicidio, tanto più che nei contropiedi avversari si gioca in inferiorità numerica e si costringe il centrocampo ad uno sforzo enorme per arretrare e coprire gli spazi. Bonucci è bravo ma non per giocare con Chiellini. La Dirigenza lo sapeva poichè ha inseguito Burdisso che sicuramente non avrebbe fatto panchina. Ora aspettiamo Tasci ma chissò quanti punti perderemo con questa difesa

  3. Be e ovvio ke se ci siamo suggli esterni (d’attakko)questo e assodato per il resto oltre anke lammediana con melo e acquilani okkey.Mentre la difesa e semrpe mi dispiace dirlo scandalosa come l’attakko nn e tanto ma nn e neanke poko squadra ke continuo a dire nn puo arrivare fra le prima 4 senza difesa (nulla) percio’ diko e inutile il mercato egia finito n centra un kazzo tirare con queli ke si ha e gennaio prendere un grande centrale ( nn stendardo come un paio di anni fa ridiciliiiii!!!!!! blanc e soci) dicevo un gran centrale e un grande esterno a destra a sinisrra ce pepe :D.
    E ancora un centravanti insomma tutti ruoli dove la juventus e altamente insufficiente nn ke oscena in partita.Per il resto si vedra’ lo sappiamo l’allenatre nn e questo ki sa ke’ speriamo bene e forza juve,e ricordate ke il campionato italiano e abbastanza medicre di questi tempi quest’anno potrebbe veramente uscire di tutto foza juveeeee.Contro i dirigentiiiii a vita.

  4. La peggiore difesa è condivisa anche con la ROMA…

  5. Juventinonelsangue

    Mannaggia a te Milos….dovevi conservarne uno per domenica prossima….eheh!comunque c’è da lavorare ancora molto,la difesa è troppo lenta,servono più cattiveria e reattività….la soluzione chiellini a sinistra può essere un’idea,e pepe arretrato a destra o a sinistra,alla zambrotta è un’altra idea da prendere in considerazione.Bonucci e Chiellini sono troppo simili,serve più rapidità.Caro mister DelNeri,l’attacco è a posto,la difesa va regolata,e presto,prima che io debba chiedere un trapianto di cuore.Comunque,sempre e solo FORZA JUVE!

  6. domenica contro l’inter ci fanno a strisce!!

  7. Abbiamo il miglior attacco e la peggior difesa della Serie A. Non so da quanto non si verificava sto primato 🙂

  8. Amauri è imbarazzante.
    E con la difesa così continueremo a prendere gol.

    Del Neri, intervistato dalla Rai, ha detto che si deve guardare ai 4 gol fatti e non ai 2 subiti: eh no, caro mister, non ci siamo.
    Del Neri, a domanda di Collovati, ha comentato così il primo gol subito: eravamo troppo avanzati come linea difensiva e Matri ci ha infilati: eh no, caro Gigi, a un metro da Storari non puoi parlare di LINEA DIFENSIVA! Devi mangiare la faccia ai centrali che perdono continuamente l’uomo, non pensare alla zona in quelle situazioni! Eppure ne abbiam già presi diversi di gol a quel modo, con l’attaccante che si infila indisturbato tra i centrali! Possibile che si continui a parlare di ZONA? Perfino Sacchi applicava una zona sporca! SVEGLIA DEL NERI! Ci vogliono difensori che si attaccano ai polpacci degli avversari, negli ultimi metri, e non che pensino più alle geometrie difensive che altro! SVEGLIAAAAAA!! Ci aspettiamo che il buon Milos faccia 3 gol ad ogni partita? Amauri NULLO e difesa colabrodo!

  9. Caro Krasic se stendi anche l’Interfarsopoli entrerai nella storia della Juve con 20 anni di anticipo.
    Forza Juve

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi