Juventus – Cagliari 4-2: interviste a Bonucci, Chiellini, Delneri, Aquilani, Felipe Melo e Rinaudo | JMania

Juventus – Cagliari 4-2: interviste a Bonucci, Chiellini, Delneri, Aquilani, Felipe Melo e Rinaudo

Giorgio Chiellini ai microfoni di Sky a fine gara fa prevalere la soddisfazione dopo il 4-2 sul Cagliari: «Krasic come Nedved? Milos è diverso, questa capigliatura lo fa assomigliare a Pavel, ma ha caratteristiche tecniche differenti. Di certo s’è integrato alla grande nel nostro gruppo e da subito: sta facendo la differenza. Questa vittoria contro …

Giorgio Chiellini ai microfoni di Sky a fine gara fa prevalere la soddisfazione dopo il 4-2 sul Cagliari: «Krasic come Nedved? Milos è diverso, questa capigliatura lo fa assomigliare a Pavel, ma ha caratteristiche tecniche differenti. Di certo s’è integrato alla grande nel nostro gruppo e da subito: sta facendo la differenza. Questa vittoria contro il Cagliari e quattro gol fatti alla miglior difesa della serie A dimostrano che la Juve c’è: c’è da lavorare, certo, incidenti di percorso ci stanno quando cambi tanto. Se mettiamo attenzione e cattiveria come stavolta però si vince: certo concediamo tanto, ma creiamo tantissimo. Non è questione di attenzione dietro, serve un po’ più di equilibrio. Quando lo troveremo, saremo continui. Oggi siamo tanti altalenanti: adesso ci sono due gare cruciali con Manchester City in Europa League e contro l’Inter a Milano che forse sono cruciali».\r\n

\r\n\r\n

La Juve batte il Cagliari 4-2. Una vittoria che premia le scelte di Gigi Del Neri, che rispetto alla gara col Palermo ha rivoluzionato la squadra inserendo Iaquinta, Amauri, Aquilani e Rinaudo dal primo minuto. Il tecnico bianconero spiega così le sue scelte: «È stata fatta per ragioni di turn over – dice a Sky – e perché ad esempio Del Piero non poteva fare troppo partite e poi perché la fisicità è importante in questo campionato. Aquilani in mezzo poi ci dà grosse qualità di geometria ed è stato scelto per questo». Sulle prestazioni di Iaquinta e Amauri ecco il giudizio del tecnico: «Iaquinta veniva da tre mesi di inattività, Amauri da un mese e mezzo. Non potevamo aspettarci di più. Devono lavorare e devono migliorare. Quando impareranno a giocare insieme andrà meglio. Ho grande fiducia in loro come negli altri attaccanti». Del Neri, comunque, invita tutti a mantenere la calma e dice il suo perché sull’andamento altalenante della Juve: «Piano piano stiamo crescendo – afferma – ma abbiamo bisogno di lavorare molto. Quando pensiamo di avere raggiunto qualcosa poi cadiamo come con il Palermo. Ma andiamo avanti con serenità».\r\nAnche stasera, come contro i rosanero, la difesa non è stata impeccabile, prendendo due gol da Matri su altrettante distrazioni. Del Neri lo ammette: «Anche oggi due tiri in porta e due gol presi – afferma -. Paghiamo duramente qualsiasi errore. Dobbiamo imparare a difendere e a stare attenti. Ma quando fai quattro gol che cosa vuoi dire alla squadra?»\r\nStasera il grande protagonista della partita è stato Krasic con una tripletta. Interrogato sull’esterno serbo, Del Neri nega di avere mai detto che la Juve è Krasic-dipendente. «Sono stato interpretato male – dichiara -. Noi vogliamo essere dipendenti dalla Juve, non dai singoli. I giocatori pensino a giocare. Krasic è una componente importante, si è inserito bene. Bisogna lavorare ancora molto per ottenere i risultati che tutti si aspettano da noi. La classifica è deficitaria? Mi sembra che sia deficitaria un po’ per tutti in questo campionato».\r\nDel Neri ha poi un piccolo battibecco con Sconcerti: «C’è qualcosa che non rifarei? Assolutamente no. La squadra produce una caterva di gol e anche quando perde col Palermo fa almeno 29 tiri in porta. Dobbiamo migliorare dove siamo deficitari ma dal punto di vista del’attacco siamo l’unica squadra che fa bene. Questo è un campionato duro, corto, dove ogni domenica è una battaglia. Il torneo si vincerà a marzo e speriamo di esserci a lottare anche noi».\r\nQuando la D’Amico da studio gli chiede se il cantiere Juve sia ormai in fase di completamento, Del Neri risponde con una battuta: «Adesso piove poco – scherza -. C’è qualche finestra ancora aperta, speriamo di chiudere anche quella. Io ho fiducia nei miei giocatori e l’avevo anche quando non venivano i risultati. La Juve è sotto esame sempre. Dobbiamo conviverci perché la Juve è condannata a essere sempre sotto pressione Vale per me e vale per la squadra. questa è una maglia importante: fare bene è giudicato normale, fare meno bene viene più attentamente valutato. Ma sappiamo conviverci».\r\nLasciata Sky, Del Neri approda ai microfoni di Mediaset, dove respinge le accuse di Pagliuca sulle sue scelte tattiche: «Il Cagliari era la miglior difesa – afferma -. Era l’unica squadra imbattuta del campionato: gliene abbiamo segnati quattro, stiamo crescendo. Eppoi se vincessimo tutte le domeniche 4-2 con grandi parate del portiere altrui… Iaquinta ha sbuffato? Ho deciso io di farlo giocare, difficile che un giocatore possa guardarmi male. Lui deve essere felice quando gioca».\r\nAlberto Aquilani è molto contento per i tre punti centrati al debutto da titolare e al rientro nel campionato italiano: «Dopo un anno sfortunato al Liverpool per me importante era fare minuti e per la squadra la vittoria: doppio obiettivo centrato. Noi possiamo centrare l’aggancio all’Inter domenica: ma non è corsa sui nerazzurri, è corsa alla ricerca dell’equilibrio. Ora è troppo Juve sì o troppo Juve no. I minuti e le gare servono a me per ritrovare condizione fisica e mentale, la nazionale può essere la conseguenza del campo. Dove possa arrivare la Juve non lo so: io penso alla gara contro Mancini e i suoi, una gara difficile dove io non potrò giocare. Non si deve fare la corsa sull’Inter che ha qualcosa in più».

\r\n

\r\n\r\n

Ha debuttato con la Juve giocando terzino destro, una novità per lui. Leandro Rinaudo ha superato l’esame: «Durante la settimana ho lavorato tantissimo in questo ruolo: ho cercato le cose semplici e mi pare sia andata bene. Lo stato psicologico della squadra è stato condizionato dai gol presi: il lavoro è tantissimo in settimana, ma la strada giusta era quella intrapresa. Un po’ tremavano le gambe: un esordio con la Juve è qualcosa di diverso. Penso proprio sia andata bene: se lavoro mi toglierò delle soddisfazioni».\r\n

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi