Juventus-Cagliari 3-0: gli altri blaterano, noi scriviano la storia

Juventus-Cagliari 3-0: gli altri blaterano, noi scriviano la storia

Juventus-Cagliari 3-0: gli altri blaterano, noi scriviano la storia

Juventus-Cagliari 3-0, festa grande a Torino. Sorvoliamo sull’ennesima prodezza di Pirlo da calcio piazzato. Fingiamo di non aver visto la rapacità in area di rigore di LLorente e il flip-flap morbido-violento con cui Marchisio ha suggellato il 3-0. Qui la reale protagonista del campionato bianconero è stata la mentalità che gli undici in campo hanno …

juventus-cagliari-editorialeJuventus-Cagliari 3-0, festa grande a Torino. Sorvoliamo sull’ennesima prodezza di Pirlo da calcio piazzato. Fingiamo di non aver visto la rapacità in area di rigore di LLorente e il flip-flap morbido-violento con cui Marchisio ha suggellato il 3-0. Qui la reale protagonista del campionato bianconero è stata la mentalità che gli undici in campo hanno espresso costantemente in ogni sfida. Grinta, cuore, orgoglio, sudore; oggi ci si stava giocando la partita della vita, non un match conclusivo a tricolore già intascato. Le miriadi di palle gol create nel primo tempo, la voglia di Tevez di raggiungere quota 20 in campionato, la saldezza con cui Buffon ha murato le poche occasioni imbastite dai cagliaritani; a calcio ci si gioca fino alla fine del torneo.\r\n\r\nQuello che accadrà dopo il campionato, da lunedì in poi, interesserà chi di dovere. Finché c’è da lottare, si combatte tutti insieme. Nessuno escluso. E allora sì, dopo aver evidenziato il fattore in più di questa Juve, puoi focalizzarti sul lato tecnico, sui gol e tutto il resto. Perché se non parti dal principio motore che muove ed innesca la scintilla di questa Juve, ogni discorso calcistico, ogni considerazione personale, diventa superflua. 45 minuti di puro fuoco quindi, un Cagliari mai pervenuto ed un 3-0 già archiviato a ripresa ancora da cominciare. Pogba che inventa e delizia come a tutto lo Stadium piace vedere, Pirlo che la sblocca con una traiettoria avversa alle leggi della fisica, Llorente e Marchisio che insaccano e ruggiscono in barba alle critiche di qualche mese fa.\r\n\r\nDoveva essere una festa per tutti, e così è stato. Il trionfo del lavoro silenzioso e della brama di successi. Dell’unità di gruppo e delle risposte ai detrattori. Di Tevez, Vidal, Llorente e Pirlo. Pogba, Barzagli, Buffon e Chiellini. Marchisio, Bonucci, Lichtsteiner e Asamoah. Caceres, Storari e il resto del gruppo. E’ veramente il tricolore di tutti. Società, staff, tifosi. Tutti. Ma soprattutto, di Antonio Conte. Quell’allenatore che in tre anni ha portato una settima classificata ai fasti di un tempo, da simpatica ormai fuori moda ad odiata dominatrice. Parole, critiche, ne sono state dette di tutti i colori. Dal modulo infruttuoso in Europa alla squalifica per il calcioscommesse. Titoloni su di lui, sul suo lavoro, sulla squadra e su alcuni elementi. Le chiacchiere nauseabondi e ripugnanti di stomachevoli giornalai. Di chi ieri denigrava e puntava il dito dopo il crollo a Firenze, ed oggi cerca posto sul carro dei vincitori. Insulsi ciarlatani, parassiti senza dignità. Ma le parole restano pane per beoni, e volenti o nolenti, le statistiche continuano ad aumentare, con record che si infrangono e ricostruiscono ex novo; 19 vittorie nel giardino di casa propria, miglior attacco e difesa del torneo, terzo scudetto consecutivo accomodato in bacheca, un muro di 102 punti instaurato in classifica; roba che ci si perderebbe un intero giorno ad elencarli tutti. Dunque festeggiate bianconeri, godetevi la festa. Siete di nuovo campioni, di nuovo scudettati. Lasciate il chiacchiericcio agli altri, fateli affogare nella loro frustrazione. Mentre loro blaterano vanamente, noi scriviamo la storia. E la storia si fa con i fatti, non a parole. Terzo scudetto docet.

LEGGI ANCHE  Khedira: "Ho scelto la Juve per la Champions"

5 commenti

  1. Ciao A.M. Grazie per i tuoi editoriali, sempre precisi e puntuali. Mi hai letto spesso nel pensiero (anche oggi). Hai letto nel pensiero a milioni di tifosi, perché queste sono le cose che pensa . Il pomeriggio di Rimini avevo il cuore pesante: sapevo che la storia della Juve finiva in quel campo. Ebbene, mi sbagliavo. E’ vero che la Juve resta e gli uomini passano, ma devo un grandissimo grazie ad Antonio per averci riportato dove eravamo sempre stati dal momento della nascita del club. Spero di vederlo ancora sulla nostra panchina; l’Europa verrà, basta avere pazienza e crederci.

    • stavolta non magno a scrivere xD\r\nottimo articolo ovviamente!\r\nsono d’accordo con Sparrow…è chiaro che i tifosi si abituano in qualche modo alla vittoria…ma se volessimo continuare così l’anno prossimo dovremmo fare 38 vittorie su 38 e il chè mi pare impossibile…servirà maturità da parte dei tifosi, soprattutto di quelli che hanno evidenti attacchi di schizofrenia, ed equilibrio…\r\nla CL sappiamo tutti che passato il girone è un terno al lotto…tutto può succedere…vorrei che conte rimanesse perchè lui ha fatto i suoi errori e può dimostrare di essere cresciuto anche lui, aldilà dei probabili rinforzi che ovviamente ci saranno…\r\nperò siamo sinceri: non si può pretendere di vincere a colpo sicuro la CL soprattutto con certi squadroni…possiamo rincorrere la botta di c**o e forse possiamo farcela…certo il girone era superabile, vedremo il prossimo anno…dipende anche dalla fascia in cui ci mettono

    • Ahi ahi ahi quel dottore tedesco che mi ha mandato via di testa….. Si chiama……si chiama….. ah, Alzheimer.\r\nCaro Nicola, sei autorizzato a mandarmi dove vuoi, ne avresti tutti i motivi. Comunque, trasferisco a te quello che ho detto: hai veramente interpretato tutti i miei pensieri. Non aggiungo altro, se non le scuse. FJS

  2. Amen!!!!!!!

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi