Juventus-Benfica | Europa League | Conferenza stampa Antonio Conte

Juventus-Benfica, conferenza stampa Antonio Conte: “La partita della vita”

Juventus-Benfica, conferenza stampa Antonio Conte: “La partita della vita”

Juventus-Benfica, conferenza stampa Antonio Conte: il tecnico bianconero parla alla vigilia della semifinale di ritorno di Europa League

juventus-trabzonspor-conteJuventus-Benfica, conferenza stampa Antonio Conte. “Quella di domani è la partita della vita”, una frase che ripete spesso il tecnico bianconero, ma mai come stavolta calza a pennello. Troppe le motivazioni per la Vecchia Signora, che con il terzo scudetto consecutivo in mano, ha la possibilità di rodarsi in Europa andando a caccia di un trofeo, l’Europa League, che merita il massimo del rispetto. “Per come vivo io le partite – esordisce Conte in conferenza stampa -, per me quella del giorno dopo è sempre la più importante della vita. Perché l’idea è sempre quella di vincere. Non catalogo la partita in nessuna classifica. L’obiettivo è sempre quello di cercare di vincere”.

All’andata vinsero i portoghesi per 2-1, ma il risultato è ribaltabile:

La partita si giocherà in 95 minuti, dovremo essere bravi a interpretarla visto il 2-1 dell’andata. Sappiamo quello che dobbiamo fare – continua Antonio Conte – , le scelte saranno in vista dei 95 minuti. Sia le scelte iniziali, sia i giocatori che entreranno e potranno cambiare la partita. Sono molto fiducioso, sapendo che domani lo Juventus Stadium spirerà forte e scenderà in campo con noi.

A dire il vero, all’andata la Juventus avrebbe meritato qualcosa in più, soprattutto per la prestazione del secondo tempo:

All’andata abbiamo fatto un’ottima partita. Prendere gol dopo 2 minuti ha complicato le cose – sottolinea ancora Conte – , ma nonostante questo il Benfica ha giocato molto in ripartenza, costruendo poco gioco. Nella ripresa c’è stata solo la Juventus in campo. Il risultato dell’andata è bugiardo, ma sappiamo che affrontiamo una squadra forte e brava nelle ripartenze. Dobbbiamo essere bravi ad attaccare e essere bravi a evitare al Benfica il contropiede.

Nei confronti dell’avversario, la Juve ha molto rispetto, ma nessuna paura:

Non conosciamo la parola paura. La paura non esiste, non fa parte del nostro vocabolario. Conosciamo la parola rispetto. Ci siamo meritati la semifinale, è un momento esaltante che dobbiamo vivere con grande entusiasmo.

Sull’impiego di Vidal, ovviamente Conte non lascia trapelare nulla:

Arturo si è allenato, stiamo facendo di tutto per recuperarlo. Rimane in dubbio, domani scoprirete se Vidal partirà dall’inizio o dalla panchina. Tevez? Sta facendo una bella stagione, diventerà esaltante come quella di tutti tagliando i traguardi finali.

Di fianco a conte, in conferenza stampa, c’è anche Giorgio Chiellini, che dichiara:

Non vedo l’ora di scendere in campo e di affrontare una serata così magica. Tutti gli juventini vogliono vivere e vivere al massimo per arrivare a una vittoria – spiega – Fondamentale non prendere gol, con il potenziale offensivo un gol lo facciamo, poi si tratta di limitare gli errori. Vidal? Arturo si allena, ride corre, scherza: per noi sta bene. Poi decide Conte. La gomitata di perez? Sinceramente non ci interessava la decisione dell’Uefa. Ci avrebbe interessato la decisione dell’arbitro in campo che avrebbe cambiato la partita, adesso pensiamo solo alla partita di domani che sarà molto difficile.

4 commenti

  1. arthur avenue

    a parte il risultato…..questa partita e servita a definire alcune situazioni…….Giovinco e una buona riserva ma non e uomo che risolve…….Osvaldo penso abbia finito la sua insufficiente esperienza a Torino…..Marchisio deve avere risposte definitive dalla soc. e questo avverra solo se purtroppo Pogba lascera…..altrimenti fara sempre l elastico…..ci vuole alemno un ala di ruolo. NON SI PUO PRETENDERE che il terzino Lich..vada e torni per 90 minuti..Diciamo che Marotta avra il suo da fare…..certo i soldi qualcuno li dovra portare poiche aumentano gli ingaggi che non si possono evitare a persone ch e vincono i cmpionati e avanzano in Coppa……Io spero si decidano a portare a casa quaklche giovane..altrimenti faremo sempre lcome con Immobile ….lasciato perdere poiche e un scherzoso e simpatico napoletano……auguri a tutti ..godiamoci il 32…..ciao

    • Credo anch’io che certi giocatori vadano bene per squadre di seconda fascia. Pogba è un lusso troppo grande per noi. Se la sua vendita ci consentisse di avere in cambio almeno 2 giocatori di grande livello, credo che sarebbe un suicidio non approffittarne. All’elenco tuo io aggiungerei anche gente come Bonucci e Chiellini ( si anche lui, anche il grande lottatore con i piedi di piombo..) entrambi inadeguati, in quanto i maggiori indiziati per gli errori clamorosi che ci sono costate le due eliminazioni. Francamente vorrei tanto sbagliarmi, ma credo che Conte da questa squadra non possa ottenere di più . Bisogna avere il coraggio di puntare su forse fresche che abbiamo già in casa (vedi IMMOBILE !!) e su innesti di giocatori con esperienza internazionale. E poi io farei anche un pensierino a Jurgen Klopp o a Simeone……………………………………………………

      • …..il pensierino per Jurgen Klopp o Simeone è tanto per non vedere più quell’assurdo 3-5-2…………………

  2. A me non sembra che sia stata giocata come la partita della vita, nemmeno in 11 contro 10.
    Sembrava, anzi, la classica partita di fine anno contro il Cagliari, dove si gioca scazzatissimi con lo scudetto già cucito…

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi