Juventus-Atalanta 1-0 | Pogba, Pepe e quello striscione su Superga

Juventus-Atalanta 1-0 serata storica: Pogba, Pepe e quello striscione su Superga

Juventus-Atalanta 1-0 serata storica: Pogba, Pepe e quello striscione su Superga

Juventus-Atalanta 1-0, la serata perfetta per festeggiare: le magie di Pogba, il rientro di Pepe, il gol di Padoin e quello striscione sui morti di Superga

superga-juventus-atalantaJuventus-Atalanta 1-0. Non è bastato lo scudetto anticipato nel pomeriggio domenicale. Non è bastata la seratina brava al “Blanco” per la festa del trionfo. Non sono bastati i cambiamenti radicali nelle zone nevralgiche del campo. Questa squadra, fresca fresca di titolo nazionale, di lasciare punti per strada ai propri avversari non ne ha proprio voglia. Rimaneggiata drasticamente dal fondo e con il terzo tricolore già in tasca dopo il crollo della Roma a Catania, i bianconeri hanno inciso, per la 31′ volta in questa stagione, l’ennesima vittoria alla propria cavalcata trionfale, aggiungendo punti e record a questo splendido ed irripetibile campionato.

Nonostante le già citate variazioni apportate da Conte allo schieramento, i padroni di casa sono riusciti ad imporsi, con una prestazione vivace e divertente, su un’ormai paga e soddisfatta Atalanta, capace comunque di tenere testa, fino agli istanti finali di gara, ai campioni d’Italia in carica. In campo con molte seconde linee (ma questo non ditelo a Conte), la Vecchia Signora ha cercato di imprimere, fin dai primi minuti, i propri ritmi alla sfida, confidando nella buona affinità di coppia del duo complementare Osvaldo-Giovinco. Abili e veloci in alcune situazioni palla a terra al limite dell’area, i due attaccanti non sono però riusciti a concludere quanto di efficacemente costruito per eccessi di egoismo o mancanza di incisività, preferendo lo spunto individuale od il dribbling di troppo al semplice tocco rasoterra per il compagno vicino. Pericolo costante per la retroguardia bergamasca, hanno comunque inventato situazioni importanti per colpire la porta di Consigli, trovando proprio lo stesso portiere, in più di un’occasione, pronto a sbarrar loro la via risolutiva del gol.

Con qualche aggiustamento tattico nei secondi 45 minuti, e senza aver subito particolari patemi difensivi nella prima frazione, la squadra di Conte ha cominciato via via ad aumentare la pressione nel tentativo di trovare la rete sblocca-risultato, riscontrando in Quagliarella e nelle sue giocate l’arma in più per far male alla truppa di Colantuono. Proprio da un capolavoro del napoletano, è nata l’occasione più nitida per i bianconeri, che nel destro sgangherato della punta ex-Roma, Osvaldo, non hanno rinvenuto l’espediente giusto per aprire le danze. Con l’ingresso applauditissimo di Tevez e la voglia generale degli scudettati di portare a casa i 3 punti, si sono susseguite una serie di conclusioni violentissime alla porta degli ospiti, preludio di quel che è stato poi, al 72′ minuto di gioco, il vantaggio risolutivo di Padoin, astuto nello sfruttare con efficacia un passaggio rasoterra al limite dell’area. Con l’uomo più inatteso della sfida, e tra l’altro ex-giocatore degli atalantini, la Juventus ha centrato il 31′ successo stagionale e la 17′ vittoria consecutiva nel giardino di casa sua, stabilendo un primato nazionale mai ottenuto prima d’ora.

Per quanto riguarda la prestazione, i bianconeri hanno disputato una gara sufficientemente vivace e piacevole, incontrando nei bergamaschi un avversario tonico e tutt’altro che arrendevole. Punto di forza della squadra di Conte sono state le triangolazioni rapide tra le punte in campo, che nonostante la vorticosa rotazione in corso d’opera, si sono intese alla perfezione per tutta quanta la partita. Tra gli altri titolari in campo, ottima è stata la performance di Pogba, autore di un paio di spunti davvero superbi, di Marchisio in cabina di regia e di tutta la retroguardia in generale. Oltre al lietissimo ritorno in campo di Simone Pepe, ciliegina sulla torta di questa splendida festa è stato lo striscione esposto nel primo anello della Curva Sud in ricordo della strage del Grande Torino, episodio di lodevolissima umanità ed omaggio nei confronti di una vicenda mai, giustamente, obliata. Tanto di cappello.

Foto: Calcioblog.it

2 commenti

  1. proprio per quello strisione che tu citi vale ancor più quello per i deceduti di Superga, mi spiego, ci sonodiversi mnotivi per cui il gesto è stupendo:
    1) ponendosi nella mentalità degli ultras, se nel primo c’è scritto che nella loro mentalità l’onore è SOLO per i bianconeri allora l’eccezione fatta col secondo vale ancor più
    2) il rinsavirsi dopo i cori del derby costa e vale più di qualsiasi altra cosa;
    3) l’unicità del gesto è di per sè motivo di orgoglio;

  2. peccato invece per quello striscione esposto pochi metri più in alto…”La morte come il rispetto sono uguali per tutti, l’onore solo per i caduti bianconeri”…la prossima volta alzate un pochino lo sguardo

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi